31 maggio 2012

Perfect teal (with Tan!)

Mi hanno fatto notare che uno dei colori con cui sperimento di meno è il teal.

Anzi, dato che questo è un covo di linguista, cerchiamo di dare un senso a questo termine. [scempiaggini da linguista, noia noia noia] Teal è un colore che sta a metà tra il blu e il verde, e come tutti i colori di questo tipo può tendere più verso l'uno o più verso l'altro. La parola teal impazza sul web e le italiane si lamentano che nella nostra lingua non esiste un corrispettivo con cui tradurlo agevolmente. La realtà è che la scala cromatica è un continuum in cui i contorni di un colore sfumano inevitabilmente su quelli di un altro e solo in modo assolutamente arbitrario una lingua può scegliere come suddividere questo spazio e dove andare a ritagliare dei confini. Ci sono lingue in cui la suddivisione tra blu e verde non è così netta, come anche quella con il grigio e marrone in altre. Dipende molto dalla sensibilità di chi parla. Pensiamo al giapponese che con "aoi" indica un colore a metà tra il verde e l'azzurro (capita infatti sentir dire che sia il cielo che le mele siano "aoi"), oppure al gallese in cui il termine "glas" sta a metà tra blu, verde e grigio. Questo è uno degli esempi più classici usati dai linguisti quando si devono dare delle prove dell'arbitrarietà della lingua, ovvero che la lingua ritaglia i suoi referenti un po' come vuole (stesso discorso per questioni come bois/legno/legna/bosco).
Ovviamente i traduttori di fronte a questo genere di parole  impazziscono per cercare un corrispettivo o trovare nel contesto indizi di ciò che si sta dicendo. L'italiano ha preferito fare diversamente e per poter tradurre "teal" siamo costretti a usare composti come "verde mare" o "blu verde" etc. In modo un po' diverso, gli inglesi hanno bisogno di un composto quanto si trovano di fronte al termine azzurro (cerulean trovo sia molto specifico a livello di impieghi d'uso). [fine scempiaggine linguista, fine noia]

A me piace chiamarlo verde mare, forse perchè mi vengono dei bei ricordi in mente, di quanto da bimba si facevano le vacanze in Liguria e in certi punti l'acqua era veramente a metà tra il verde e il blu intenso.

Comunque, mi sono persa in cavolate, me ne rendo conto. 
Dicevo, sperimento poco il teal... perchè mi rendo conto che ho solo due ombretti di questo colore e pure molto simili tra loro. Lol.
Ecco la mia sperimentazione:





L'idea era creare una base più scura e sfumata nella piega esterna con la matita Perfect Peacock della Too faced, ma quella matita è il male quando la si vuole sfumare, quindi ho dovuto un po' *mimetizzare* i suoi danni con un filo di ombretto blu scurissimo nella parte più esterna. Il resto dell'occhio è stato riempito dal color teal presente nella Original della Sleek. Il punto luce nell'angolo interno è stato creato con il pigmento Tan della MAC, applicato senza troppa cura, anche creando delle striature di colore quando c'era la sovrapposizione.
Sotto l'occhio ho fatto una riga con un ombretto blu scuro che continua verso le tempie ma senza congiungersi con la parte superiore. Tra le due ho applicato un po' di ombretto bronzo (se la cosa vi sembra troppo complessa, congiungete le due parte al solito). Matita nera e mascara nero.
Come blush ne ho usato uno in crema con dei riflessi dorati per continuità con Tan. Per lo stesso discorso ho scelto Plum dandy sulle labbra.

Lista dei prodotti usati:
Primer potrion Urban decay in Eden
Matita Perfect Peacock Too faced
Palette Original della Sleek
Pigmento Tan della MAC
Eyeliner in gel della Essence in Midnight in Paris
Mascara Multi Action Essence
Correttore H&M 12 white sand
Fondotinta Barely Buff - In the buff della Lily Lolo
Cipria Nude della Neve cosmetics
Blush in crema Golden Nyx
Matita labbra Red Blush della Essence
Rossetto Plum dandy MAC

26 maggio 2012

GreenGrey Smokey

Purtroppo gli eventi che fanno salire la mia ansia non sembrano finiti. E già non vedo l'ora che questo schifosissimo mese finisca (male male, io adoro maggio, è il mese delle rose... se non piovesse in continuazione).
Comunque... avevo fatto un piccolo sondaggio sul mio profilo Facebook (trovate il link qui nel menù a destra) su che tipo di look volevate facessi. Ha vinto il trucco occhi verde, ma ho voluto accontentare anche chi aveva votato per un look forte sia negli occhi che nelle labbra. Eccolo qui:




Gli occhi... Nulla di trascendentale. Sono partita con dei verdi freddi leggementi tendenti al grigio per fare uno smokey classico con il colore chiaro sulla palpebra e quello scuro sulla piega. Ho poi usato un grigio mischiato un po' a un verde chiaro per sfumare il bordo più alto ed esterno. Ho tracciato una linea di matita nera lungo le ciglia superiori e inferiori, sfumata poi con lo stesso pennello con cui avevo applicato il verde più scuro ancora sporco (ma senza prelevare altro prodotto). Nell'angolo interno ho applicato un filo di pigmento verde-oro, molto chiaro e brillante per illuminare lo sguardo. Matita nera dentro l'occhio e mascara nero in abbondanza.
Le labbra sono frutto di una combinzione di più prodotti. Prima ho tracciato e iniziato a riempire le labbra con una matita rossa. Poi ho applicato con un pennello un po' di un rossetto color vino per dare colore e creare una sorta di "tinta" sulle labbra. Infine un gloss molto pigmentato color rosso prugna con riflessi dorati.
Sulle guance sono andata un po' pesante conun blush malva applicato soprattutto lungo lo zigomo.

Spero vi piaccia ^_^

Lista dei prodotti usati:
Primer potion della Urban Decay in Eden
Palette Storm, Original e Bad Girl della Sleek (tutti i colori verdi presenti)
Ombretto Gunmetal della Urban Decay
Matita nera della Luminelle Yves Rocher
Pigmento Grass della Nyx
Mascara Multi Action Essence
Fondotinta Studio Fix Fluid MAC in NC20
Correttore Full coverage Kiko n°2
Cipria Nude della Neve cosmetics
Blush Smooth Mauve Kiko
Matita labbra in Red Blush Essence
Rossetto Diva MAC
Gloss Golden prune Nyx

21 maggio 2012

My MAC lipsticks: reviews and swatches. Part II

Parte seconda del post sui miei rossetti MAC. Man mano che li acquisto vi tengo aggiornate.
Potete trovare la prima parte qui.
Seconda parte molto noisa, perchè tutti i rossetti che presento hanno il medesimo finish, opaco. Credo che la cosa non vi stupirà dato che sono i miei preferiti in assoluto, sia per resa che per durata.
Procediamo al solito per ordine "cronologico" XD.



Diva - Matte


Diva è quello che io definirei "color vino". Un rosso scuro, leggermente borgogna (la dose di marrone è minima). Rispetto a Russian red, è più scuro e meno freddo.
Molto valido anche da usare come blush leggero o solo picchiettato sulle labbra per dare un filo di colore, come vi facevo vedere qui.
A livello di durata, è inferiore a Russian Red e Lady Danger, ma migliore di tutti gli altri finish in mio possesso. A livello di stesura, applicarlo non è proprio una passeggiata e ha bisogno di una matita per definire i bordi. E' confortevole quanto un matte, quindi ha bisogno di uno scrub/burrocacao prima. Tende a seccare le labbra a lungo andare, ma ho notato che mettendo un filo di burrocacao sopra, si può ovviare il problema senza compromettere troppo la durata.
Ne avevamo parlato a profusione qui.

Lady Danger - Matte


(mi scuso per l'applicazione non proprio perfetta, ma è una foto è stata fatta dopo averlo provato al negozio, in condizioni abbastanza precarie XD)
E' un rosso aranciato, il famoso tangerine red tanto di moda quest'anno. A seconda della luce e del tono di pelle, può sembrare più arancio o più rosso, su di me dipende molto da chi mi guarda.
E' l'opaco migliore provato fino ad ora. Non secca le labbra, ha una durata eccezionale (esattamente quella del suo collega freddo Russian red) e l'applicazione è molto semplice anche senza usare pennelli o matite per definire i bordi. Si stende con molta facilità.
In generale è il rossetto che preferisco usare, anche se il colore non è sempre adatto all'occasione.
Ne abbiamo parlato a profusione qui.

Heroine - Matte (edizione limitata)


Anche lui è difficile da definire. E' un violetto abbastanza neutro. Non è così importabile come può sembrare dagli swatches, soprattutto se abbinato a un giusto trucco occhi.
A livello di durata è leggermente inferiore a Russian Red e Lady Danger, ma rimane tra i migliori. Ha resistito serenamente a una cena fatta di fritto di pesce e pizza margherita. La stesura è migliore dei suoi colleghi rossi, ma non buona quanto quella di Lady Danger. Ho notato che la matita è comunque necessaria per definire bene i bordi. Non secca le labbra, anche se - come accade per tutti i matte - a un certo punto può risultare un po' sconfortevole per la sua texture molto "secca" e per niente cremosa.
Mi spiace che sia un colore in edizione limitata. Un sostituto permanente potrebbe essere il Violetta (colore pro), che pur avendo un finish diverso ed essendo leggermente più freddo, rimanere molto vicino a Heroine.
Ne abbiamo parlato a profusione qui.
Ve l'ho fatto vedere anche qui.


Ricordo che quando parlo di mettere una matita per i contorni, non voglio lasciare intendere che tendono a sbavare. Assolutamente no. Questi sono rossetti che quasi non sbavano nemmeno se vi mettere a strofinare le labbra. La matita (ma anche un pennello nel caso), servono ad aiutare la durata ma soprattutto a disegnare meglio i bordi. Applicare direttamente dal tubetto, impedisce di arrivare e disegnare al meglio certe zone: i bordi esterni in primis. Tanto più se come la maggior parte delle donne avete problemi di labbra irregolari: un finish del genere lo fa subito notare e l'effetto può risultare abbstanza fastidioso. Stesso discorso se - come me - avete problemi di microrughette nel contorno labbra, che impediscono una stesura uniforme (basta vedere l'applicazione di Lady danger qui).

Insomma, il finish matte è sicuramente quello a maggiore impatto. Per quanto mi riguarda, è il più bello ed elegante in assoluto. Purtroppo, essendo così forte e netto, va un po' *curato*, sia con alcune precauzioni pre-stesura (scrub, idratazione...), sia con l'ausilio di strumenti quali una matita o un pennello. Niente sarebbe peggio che un rossetto così intenso messo male o con disattenzione. Quindi, prendetevi del tempo.

15 maggio 2012

11 questions tag

Dovevo già farlo ieri sera, ma ero troppo stanca ._. Pardon.



Ecco in cosa consiste questo tag:

1. rispondete alle domande che vi ha fatto la persona che vi ha taggato
2. tagga 11 nuove blogger (escluso chi ti ha taggato)
3. crea 11 nuove domande
4. fai sapere alle blogger che sono state taggate :)

Le domande per me sono state create da Chiara di GolderVi0let.

1. Tenti mai di riprodurre qualche make up visto online o su riviste, modelle,attrici ecc.?
Ammetto che rispondere mi sembra leggermente ridondante visto il mio ultimo post. Sì, amo spesso provare a ricreare i look che vedo su altre persone, soprattutto quando sono particolarmente *artistici* o semplicemente belli da verdersi.

2. Acquisti make up online?
Oh sì. A volte è più conveniente o semplicemente alcune cose sarebbe impossibile reperlirle altrove. Trovo che la vendita online sia poi un grosso vantaggio per le piccole aziende che impazzirebbero a dover star dietro a una distribuzione su larga scala.

3. Hai un sito da consigliare?
Consiglio soprattutto il sito della Neve cosmetics, che è una delle mie marche preferite in assoluto. E' stato anche il mio primo acquisto online, quindi direi che ci sono un po' affezionata XD

4. Qual è il colore che ti sta meno bene?
E' una domanda difficile, perchè credo di andare d'accordo praticamente con qualsiasi colore. Giusto sulle labbra, ci sono alcune tonalità che non mi stanno molto bene, ma non c'è un colore che in assoluto su di me è da bocciare. In generale, credo che i colori pastello mi "sbattano" un po'. Anche se sicuramente ci sono colori che mi stanno meglio di altri.

5. Con cosa ti strucchi di solito?
Con il latte detergente della Mustela in combo con la Nuvola struccante della Neve.

6. Hai mai truccato qualcuno?
Sì. Ho truccato una mia amica e mia madre un paio di volte. Non è semplice e non mi viene per niente facile.

7. C’è prodotto che ti penti di aver acquistato perchè non l’hai mai usato?
Un ombretto della Yves Rocher comprato anni fa. Il colore era bellissimo, ma purtroppo non scriveva quanto il tester U_U Fregatura.

8. Hai cinque minuti per farti un trucco occhi: che ti metti?
Ultimamente, quando ho cinque minuti o quando sono io a voler fare in fretta, faccio la base con la Mineralize skin finish della MAC, un po' di blush (normalmente English rose della Neve), eyeliner e mascara nero e un po' della matita Pioggia sempre Neve per accentuare l'attaccatura delle ciglia inferiori. E se mi va, punto su qualche rossetto un po' carico. A volte solo burrocacao XD

9. Matte, shimmer, satinati, glitterati…che texture preferisci?
Matte. Ormai in tutto, sia ombretti che rossetti che eyeliner.

10. Spignatti?
Ho provato, ma sono troppo pigra. Al massimo creo degli scrub o delle maschere, ma molto elementari.

11. Ultimo acquisto cosmetico?
La spesona da MAC: Heroine e la Mineralize skin finish. Ottimi prodotti entrambi.

Finito! Ora citerò le 11 blogger che dovranno rispondere alle domande che vi posto sotto!


Le domande a cui dovete rispondere sono:

1- Quale colore preferisci usare sugli occhi in assoluto?
2- Qualche colore preferisci usare sulle labbra in assoluto?
3- Ti interessano gli INCI?
4- Cosa pensi dei cosmetici Ecobio?
5- Fondo minerale o fondo siliconico?
6- Prodotto indispensabile?
7- Quale sarà il colore o il prodotto della tua estate?
8- L'acquisto più azzeccato di sempre?
9- Hai mai cambiato idea su un prodotto o in generale su qualcosa riguardante il makeup (per esempio, se un colore ti stava male/bene...)
10- Se dovessi consigliare una amica che non sa nulla di makeup, da dove le diresti di iniziare?
11- Usi il piegaciglia?

Ecco qua! Buon lavoro ^___^

13 maggio 2012

Take me down like I'm a domino (Jesse J - Domino inspired look)

Ormai io quando guardo i video musicali per lo più presto l'80% della mia attenzione a come è truccata la gente. Soprattutto in video come questo, dove l'aspetto estetico e visivo è forse il punto forte dell'intero clip.
Mi piacciono più o meno tutti i trucchi che propone, ma ammetto che sono rimasta colpita soprattutto da questo: 


Forse perchè il colore del rossetto mi ricordava tanto l'appena comprato Heroine, che vi ho recensito a profusione qua sotto. Anche la forma dell'occhio era molto accattivante.
Ho provato a ricrearlo un po' a modo mio.





E' un banale smokey sui colori del bronzo con una riga molto importante di eyeliner nero. Sulle guance non c'è praticamente blush, ma solo un filo di terra per sottolineare gli zigomi.
Sulle labbra ho aggiunto un po' di gloss trasparente perchè mi sembrava che il suo finish fosse decisamente non opaco quanto Heroine da solo.

Non mi dispiacerebbe provare a fare anche gli altri look che propone, in particolare c'è una combo smokey blu scuro e labbra rosso arancio che mi attrae abbastanza XD
Che dite?

Lista dei prodotti usati:
Primer potion Urban Decay in Eden
Palette 88 Ultrashimmer e Storm della Sleek
Eyeliner in gel Essence in Midnight in Paris
Mascara Multi Action Essence
Fondotinta Studio Fix Fluid MAC in NC20
Correttore Full coverage Kiko n°2
Cipria Nude della Neve cosmetics
Matita labbra Essence in Soft Berry
Rossetto Heroine MAC

10 maggio 2012

Heroine, Reel Sexy by MAC: swatches e blateramenti vari

Ieri ho fatto una esperienza di vita.
Per la prima volta in assoluto mi sono fatta truccare da un professionista in uno store MAC, e mi è piaciuto parecchio. 
Ho approfittato della meravigliosa promozione per la festa della mamma, grazie alla quale con soli 45 euro (redimibili interamente in prodotti) si poteva avere l'applicazione makeup per due persone. Dato che il 4 maggio è stato anche il compleanno di madreh, ho deciso di regalarle questa esperienza.
Più che il risultato in sè (meraviglioso), dato che io comunque sono abituata a truccarmi e quindi vedermi migliorata o anche solo diversa, mi è piaciuta la parte pratica del tutto. Anche se la miopia mi ha impedito di godermi del tutto il processo, Erika (la ragazza dello store torinese che mi ha seguito) mi ha spiegato passo passo cosa faceva.

Quando è stato il momento di scegliere il rossetto, ho voluto qualcosa di strong e visti i colori usati per gli occhi, la scelta è praticamente caduta da sola su Heroine, uno dei rossetti limitati per la collezione Reel Sexy. 
Arrivata a casa mi sono fatta qualche foto, giusto per farvi vedere come risulta sulle labbra.



Grazie anche ai capelli un po' boccolosi, è venuto fuori un trucco un po' retrò.
Rispetto ai miei look soliti, è stata usata su di me una cipria leggermente più scura del mio tono per rendermi un po' più colorata e c'è un contouring abbastanza forte.

Vi lascio anche qualche swatches fatto da me.




Rispetto a Violetta sempre di MAC, Heroine è più tendente al rosso (anche se non lo definirei propriamente un colore caldo) e, essendo matte, ha un finish completamente diverso, decisamente opaco. Secondo me non sono dupes, anche se si assomigliano abbastanza. Violetta risulta molto più blu e freddo, quindi magari meno adatto a chi ha un sottotono più caldo. Senza contare che il finish a volte fa la differenza.
La durata è come al solito per i matte MAC ottima. Nel mio caso, Heroine ha resistito serenamente più di 6 ore quasi intonso nonostante io abbia cenato alla grande con un antipasto di fritto di pesce e una pizza margherita (insomma, il peggio unto). Un altro rossetto avrebbe ceduto, Heroine era ancora lì e -pur faticando - era ancora assolutamente visibile e quasi perfetto. Sarebbe bastata una piccola passata post-cena per tornare allo stadio iniziale. Forse solo Russian Red e Lady Danger avrebbero fatto meglio.
Non mi ha seccato le labbra, anche la precauzione di mettere un po' di burrocacao prima vale sempre.
Insomma, colore particolare, ottima durata, bellissimo finish. Mi piace.

Se vi state chiedendo cosa ho comprato con i restati 45 euro... Beh, sappiate che alla fine nonostante i mille progetti iniziali, non avevo fatto i classici conti con l'oste.
La mia idea era sfruttare al massimo comprato più pezzi possibili. E non volevo comprare Heroine XD
Infine, Madreh ha deciso di comprare la cipria che era stata usata su di lei come le è stato consigliato dalla mua che l'aveva seguita, la Mineralize skin finish natural. 



 Al solito, lei ha dei bisogni ma me li espone sempre all'ultimo XD Le ho sconsigliato di prendere il fondotinta perchè - conoscendola - sapevo che non lo avrebbe usato. La cipria invece - oltre ad essere uno dei prodotti forse più amati di MAC - è comunque qualcosa di veloce e pratico da mettere, anche la mattina per dare giusto un po' di coprenza (nessuna delle due ha grandi problemi, quindi ci basta alla grande) e opacizzare il viso.
Abbiamo scelto una tonalità che potesse funzionare su entrambe, vista anche la bella stagione che arriva, la Medium.
Heroine - una volta provato - andava comprato. Anche perchè essendo una limitata, un secondo pensiero sarebbe stato difficile.

La cosa che più mi ha colpito di quanto usato è stata la matita per le sopracciglia. Pensavo che su di me usare dei prodotti per riempirle fosse eccessivo vista la mia montatura nera. Eppure questo colore (Spiked, delle automatiche) mi ha convinta in toto. Probabilmente sarà uno dei miei prossimi acquisti.

Altra cosa positiva nata da tutto questo è che Madreh sembra essere tornata interessata al trucco. Ha deciso di pulire il suo cassetto di cosmetici (pieno di roba vecchia e pessima U_U), e comprare qualche cosina più valida per fare un piccolo kit. Ora devo solo frenare il suo entusiasmo facile per indirizzarla verso le marche giuste XD

04 maggio 2012

Nuvola struccante by Neve cosmetics: a review

Dato che è da un po' di mesi ormai che uso questa Nuvola struccante, ho deciso di dire qualche parola in merito.
Parto subito con qualche dato tecnico. La Nuvola struccante viene venduta in una confezione da 150 ml per 6,5 euro. La si può ordinare praticamente solo nel sito della Neve cosmetics (anche se esistono dei rari rivenditori autorizzati, ma onestamente non li conosco).  E' un prodotto cruelty free, 100% vegan e priva di siliconi, parabeni e petrolati.
Ha la consistenza di una mousse. Può essere applicata sia sulla pelle asciutta che sulla pelle umida. Nonostante ciò che viene detto nel retro della confezione, non ho trovato particolari differenze riguardo a questo punto.



Questo è un prodotto molto controverso, si trovano parecchie recensioni non positive in giro e secondo me nascono tutte da un fraintendimento di fondo: il suo nome.
Questa non doveva essere la "Nuvola struccante", ma semmai la "Nuvola detergente". Il potere struccante non è alto (non quanto loro promettono: parlano adirittura di levare il trucco waterproof) e purtroppo non è in grado di eliminare tutto con una noce di prodotto come viene indicato dietro.
In realtà, più che uno struccante, questa è appunto una mousse detergente, come ne esistono tante in commercio di diverse e svariate marche. Questo non vuol dire che non siano in grado di struccare in toto, ma ovviamente più trucco si ha addosso e più è siliconico, maggiore prodotto sarà necessario per levare via il tutto e il risultato non sarà sempre perfetto. Ieri ho provato a usarla per struccare uno smokey sui toni del blu abbastanza pesante con anche una base waterproof sotto: sono riuscita a eliminare tutto usando solo la Nuvola, tuttavia ho dovuto usare qualcosa come quattro noci di prodotto. E' chiaro che a forza di usare così tanto prodotto ogni volta, terminarla presto è facile.
Ci sono delle occasioni in cui può essere usata da sola con questo scopo, ma bisogna avere poche cose addosso. In generale ho visto che con 1-2 noci, riesce a eliminare una base viso ecobio (anche minerale, quindi), il mascara, alcuni rossetti MAC (non quelli più tosti, ma non ci riesce facilmente nemmeno il latte detergente), persino l'eyeliner. Ombretti eccessivamente scuri e pigmentati sono già più complicati da togliere. Praticamente nullo il contributo nell'eliminare le matite nella rima interna.
E' chiaro che ciò che questo prodotto può effettivamente togliere dipende anche dal tipo di pelle che ognuna di noi ha: il trucco si fissa in modo diverso e può essere che questo discorso non valga per voi. Tuttavia, leggendo anche altre recensione, ho comunque notato che una base ecobio o minerale viene struccata senza troppi problemi. Una base con dei fondi e ciprie classiche non ha invece alcun tipo di speranza. Ma può comunque essere utile anche in questo caso per levare eventuali residui post-struccaggio.
Vista comunque la sua praticità rispetto al classico latte detergente (non ho bisogno di dischetti di cotone, me lo devo solo massaggiare sulla faccia con le mani etc...) che uso per struccarmi, quando ho poco trucco addosso, mi torna parecchio utile.


Fosse stata definita da subito come un normale detergente in mousse, penso che nessuno si sarebbe lamentato, perchè come detergente è meravigliosa. E' delicata, molto veloce e pratica da usare, e - usata dopo uno struccante - leva via ogni traccia di trucco rimasto e di eventuale struccante. Spesso la uso dopo il latte detergente per completare la pulizia del visto, e anche come detergente della mattina è assolutamente perfetto.
Una volta lavata via, non mi tira la pelle, ma anzi la sento molto fresca e liscia. L'odore non mi fa impazzire, ma lo tollero senza problemi.

A me piace. E penso che la ricomprerò, perchè ormai mi sono affezionata e la sua praticità d'uso è per me un fattore molto positivo.
Come struccante:
La consiglio a chi si trucca poco e vuole qualcosa di delicato e veloce. La consiglio a chi usa trucchi ecobio, perchè non dovrebbe avere troppi problemi, soprattutto se non trucca molto gli occhi o non usa basi eccessivamente waterproof (le struccherebbe anche, ma ci vorrebbe troppo prodotto). Non la consiglio a chi si trucca gli occhi in modo forte ogni giorno usando anche prodotti non naturali. Non la consiglio a usa prodotti non ecobio o minerali per la base.
Come detergente:
La consiglio a chiunque. Sia a chi si trucca poco, sia a chi usa altri struccanti.

01 maggio 2012

My room: a story

Mi rendo conto che è un post un po' inutile, ma fuori piove, tra poco parto per Torino e quindi il massimo che sono riuscita a fare è stato mettere a posto la mia stanza. E visto quanto spesso lo faccio (ahah), è una specie di impresa.
Domenica sono andata all'Ikea con Madreh, dato che entrambe abbiamo una passione sfrenata per quel posto e adoriamo perderci nei dettagli sciocchi delle loro proposte di arredamento, e come al solito non sono tornata a casa a mani vuote.
Ho un rapporto molto strano con le camere da letto. Mia madre - che non ne ha mai avuta una sua - non le capisce. Io, che, pur essendo figli anica, ho dovuto invece attendere anni per avere una mia e poi altri anni per poterla arredare come volevo io, le adoro. Per me la camera da letto è sacra. Ed è personale, solo mia.

Quando finalmente ottenni il cubo (come chiamo io la mia piccola camera, 3x3x3 metri), per fortuna presi una decisione sensata dopo qualche attimo di incertezza. Invece della tappezzeria rosa, optai per un motivo a quadretti, quasi scozzese, bianco e azzurro. Per fortuna. Anni dopo il rosa iniziai a trovarlo snervante e ad amare totalmente l'azzurro. Il senso di calma e di serenità che trasmette questo colore è inebriante.
Purtroppo ebbi poco da dire sui mobili. Dato che la camera era una new entry, i soldi non erano molti dopo il trasloco, dovetti optare per dei mobili "provvisori", che sfortunatamente diventarono decennali.


Notare il cellulare e il portatile vecchi. Nonchè il telecomando, quando ancora avevo la tv in camera.


Peluche a gogo.


Cucù ad Alessandra che fa la foto!

Due anni fa, presi madre e portafogli, andai all'Ikea e mi ricomprai da sola praticamente l'intera camera. Per lo più mobili bianchi, perchè dovevano andare d'accordo con il letto dei miei sogni.
L'unica cosa che rimase di un colore diverso fu la cassettiera, perchè già nuova e ikeosa comprata quanto il resto dei mobili virava verso il frassino.
Pian piano la ricreai completamente.









Le ultime cose prese sono lo specchio a parete e la pianta di calla che compaiono nella prima foto e la bacheca di sughero che ho già prontamente riempito di cose e cosucce posta sopra la scrivania.
Come si può vedere non ho un comodino per questioni di spazio: ho risolto mettendo una mensola lungo il bordo del letto, in modo da poter appoggiare cose.
Un must have per me, il quadro di Klimt (sempre made by Ikea) che troneggia sopra il mio letto. E' stato un regalo di laurea, e lo amo con tutta me stessa. Mi spiace che l'altro quadro di Klimt disponibile sia uscito dal catalogo prima che io potessi comprarlo.
Rimangono ancora degli spazi vuoti o che necessitano di modifica. In primis vorrei capire cosa fare della mensola enorme sopra il letto, dato che non tiene molto peso (= no libri) e per ovvi motivi (= gatto) non posso mettere cose delicate. Nell'altra parete sopra il letto, al momento non c'è nulla. Mi piacerebbe mettere un altro quadro o qualcosa del genere.
In particolare, vorrei tanto questo quadro che però mi piacerebbe mettere sopra la scrivania (sopra la bacheca di sughero).
Un altro mobile retaggio della vecchia stanza andrebbe tolto, in favore di alcune mensole bianche già comprate.

Ammetto che guardare le vecchie foto mi inquieta un po': mi sembra un'altra stanza completamente. Mi fa anche piacere, perchè questa incontra molto di più i miei gusti.
Spero di non avervi annoiato. Che almeno vi sia piaciuta la foto della mia Piuma (Aki of course) sulla mensola vicino a Klimt XD