18 giugno 2012

Hennè Riflessi scarlatti, Lush: la mia esperienza

Dopo la lunga premessa, ecco finalmente alla vera e reale sostanza: la mia personale esperienza con l'hennè Lush. Come ho già detto nel post precedente ho provato unicamente Riflessi scarlatti, quindi le mie considerazioni si fermeranno lì senza scivolare sulle altre tipologie.
Per capire come usarlo, mi è stato molto utile questo meraviglioso post di Lucia, che dava indicazioni precise su quanto tenerlo etc.

Per prima cosa, qualche caratteristica generale:

Hennè Riflessi scarlatti:
Grammi: 325g
Prezzo: 11,95€
PAO: circa 36 mesi 
Reperibilità: negozi Lush, o direttamente sul loro sito web
Inci: Henné Rosso (Lawsonia inermis), Burro di Cacao (Theobroma cacao), Henné Nero (Indigofera tinctoria), Caffé Macinato (Coffea arabica), Succo Fresco di Limone Biologico (Citrus limonum), Polvere di Muschio Irlandese (Chondrus crispus), Olio Essenziale di Chiodi di Garofano (Eugenia caryophyllus), *Citral, *Eugenol, *Geraniol, *Citronellol, *Limonene, *Linalool, Profumo (Parfum). *Presente naturalmente negli oli essenziali


Per info generiche su come applicarlo, ecco la pagina di Lush apposita.
Prima di incominciare, inziate a procurarvi tutto ciò di cui avrete bisogno. Dei guanti monouso di plastica per non sporcarvi le mani, la pellicola trasparente che usate normalmente in cucina, una terrina e un cucchiaio NON di acciaio (plastica, ceramica e legno vanno bene), giornali e vecchi vestiti per evitare di sporcare il mondo.

La prima cosa da fare è sminuzzare il prodotto. Facendo qualche breve calcolo, ho pensato che un quadretto e mezzo per i miei capelli che superano di poco le spalle dovevano essere sufficienti. Per sminuzzare ho usato un comune coltello da cucina e un tagliere. E' come fare a pezzi una tavoletta di cioccolato, solo più farinosa. Nel frattempo ho fatto del tè nero che ho poi portato nuovamente a ebollizione per averlo stra-caldo, in modo da far sciogliere tutti i grumi.
In una ciotola di ceramica e con un cucchiaio anch'esso di ceramica (MAI usare cose di acciaio con l'hennè quando si è a questo punto della lavorazione: no ciotole e non cucchiai, bisogna usare roba di plastica o ceramica o legno) ho iniziato a versare un po' di tè nero alla volta sull'hennè fino a raggiungere una consistenza cremosa. Ovviamente si può usare anche solo semplice acqua bollente, ma il tè aiuta nel processo di colorazione. Capire qual è la consistenza giusta non è facile: tenete conto che deve essere abbastanza liquida da poter essere spalmata facilmente, ma allo stesso tempo non troppo per evitare che coli.
Arrivata alla consistenza desiderata, ho aspettato che si raffreddasse e nel frattempo ho coperto di giornali tutte le superfici esposte del bagno per evitare disastri.
Inizialmente l'idea era di mettermelo da sola, ma mia madre me lo ha praticamente vietato.

Il grosso problema dell'hennè è sicuramente l'applicazione. Per quanto il composto sia cremoso, rimane comunque una specie di fanghiglia tutt'altro che semplice da spalmare. In questo non ho notato grandi differenze rispetto all'hennè tradizionale. Forse forse questo Lush era leggermente più cremoso grazie al burro di cacao. L'altro grosso problema è che si secca molto in fretta, quindi appena viene messo a contatto con il capello, tende a fare grumi e anche a cadere. Insomma, nulla a che vedere con lo spettacolo che sono le tinte chimiche quanto a facilità di applicazione.
C'è chi sostiene di riuscire a fare tutto da solo e probabilmente con la pratica ha imparato un buon metodo. Io penso che avrei fatto grandi danni fossi stata da sola. E' sempre meglio avere qualcuno che ci aiuti, soprattutto per quanto riguarda la parte posteriore. Tanto più se vogliamo tanto colore, altrimenti il rischio è di avere i capelli a chiazze.
I capelli vanno divisi in ciocche piccole e l'hennè spalmato con quei pennelli specifici per tinte (di solito si comprano anche nei negozietti a 1 euro).
Non serve che la persona designata all'applicazione sia esperta (tanto più che essere esperti di tinte chimiche non aiuta), deve solo avere molta pazienza, perchè l'hennè sembra sempre avere poca voglia di collaborare.
Io ho provato l'applicazione solitaria solo con l'hennè trasparente e non è impossibile, ma usando quelli colorati preferisco farmi aiutare.
A questo punto, fatte tutte le ciocche, era rimasto ben poco prodotto che mia madre ha ben pensato di usare per sistemare i capelli in una sorta di chignon alto in modo che non colasse prodotto e non mi sporcassi ovunque.
Io ho deciso di "impacchettarmi" i capelli con la pellicola trasparente perchè volevo un risultato più *forte*. Per chi volesse rimanere sul soft, può evitare questo passaggio. La differenza credo stia nel fatto che lasciando i capelli senza pellicola, l'hennè si secca e lavora in modo meno potente, mentre la pellicola lo mantiene liquido e cremoso per più tempo. In generale, la pellicola viene consigliata per chi vuole un maggiore colore.

I tempi di attesa dipendono ovviamente da quanto tempo avete a disposizione ma soprattutto dalla sopportazione. Io dopo tre ore e mezza non ne potevo davvero più. In generale tenere sotto le due ore serve a poco o niente. I veri risultati si possono osservare solo sopra le due ore di posa. Quindi, sappiate è che roba per gente con una buona dose di pazienza certosina. Io, che sono sora impazienza, dopo tre ore già sbuffavo, ma so di gente che è capace di tenerlo un giorno intero. Ah!

Dopo tre ore e mezza, ho tolto la pellicola e ho sciacquato per bene i capelli. Il procedimento è abbastanza classico: continuate con la semplice acqua finchè smettete di perdere colore e l'acqua è quasi trasparente. Quindi shampoo e balsamo come al solito. Da questo momento ho iniziato a notare alcune cose positive: l'asciugamano usato per tamponare i capelli bagnati non si è minimamente sporcato. Anche se bagnati, i miei capelli erano già di un bel mogano intenso, tanto che io e l'intero parentame ci siamo quasi spaventati perchè non ci aspettavamo risultati così *forti*. Ovviamente, più i capelli si asciugavano e più il colore risultava intenso. La combo tè nero + pellicola + 3 ore e mezza di attesa deve aver fatto il miracolo...


Non posso dire di aver ottenuto dei capelli rossi nel vero senso della parola. Ho comunque una base parecchio scura, e la combo con l'hennè nero ha sicuramente impedito di ottenere un rosso fuoco, ma non era nemmeno ciò che volevo. E' come se mi avesse dato una base più calda del solito, con dei bei riflessi mogano.

Quello che è stato visibilmente notevole era l'effetto del burro di cacao. I capelli erano incredibilmente lucidi e morbidi, al sole semplicemente meravigliosi.


Insomma, usciti da questo esperimento, i miei capelli erano meravigliosi sia a livello di colore che a livello di consistenza. Inoltre sono rimasti più puliti del solito.

Qualche giorno dopo averlo fatto, sono andata in piscina e felicemente ho scoperto di non aver perso minimamente colore in giro. Tuttavia l'effetto dello shampoo e forse anche del cloro ha ovviamente iniziato a indebolire il colore, che pur rimanendo abbastanza rosso, ha iniziato a scolorire. La cosa non mi ha sorpresa: l'hennè non ha una grande durata, in media andrebbe rifatto ogni venti giorni. Il capello però era comunque morbido e lucido come dopo il primo lavaggio.

L'unico grande difetto (che ammetto per smemoratezza di non riuscire a confrontare con le esperienze pegresse) riguarda l'odore: quel puzzo di fieno bagnato, di erba non meglio specificata. Quello purtroppo è abbastanza persistente. Ho dovuto sopportarlo il giorno stesso (evvabbè), il giorno dopo, e poi man mano è scomparso. E' tornato abbastanza persistente dopo il secondo lavaggio, e poi è scomparso di nuovo più velocemente della prima volta. Per coprirlo è bastato l'effetto combinato del balsamo e di un'acqua profumata. Per me non è stata una cosa tragica da sopportare, ma posso immaginare che per alcuni possa essere molto fastidioso. C'è da dire che penso sia una costante dell'hennè, dato che si tratta pur sempre di una erba.

Giudizio finale: lo ricomprerei/lo userei di nuovo? Eccome!
Il risultato è stato esattamente quello da me sperato: un capello con dei bei riflessi, ma allo stesso tempo morbido e curato. Non credo passerei a Come un sole rosso acceso, per paura di ritrovarmi con dei capelli eccessivamente rossi, ma Riflessi scarlatti sarà sicuramente una mia costante.
Non credo lo farò ogni tot giorni in modo continuato, perchè mi annoio spesso e sono pigra. Ma sicuramente quando vorrò qualcosa di particolare, dare qualche riflesso etc... lo userò con piacere. Scoprire che non perde colore durante la piscina (e quindi immagino anche al mare) per me è stato un grande punto a favore.
Sono decisamente entusiasta.

Questa è la mia esperienza. Purtroppo e per fortuna i capelli sono tutti diversi tra loro e non è detto che la mia esperienza possa essere presa a modello di ciò che accadrà a voi. In primis, i capelli prendono i coloranti in modo diverso. I miei per fortuna sono sempre stati molto benevoli nei confronti delle tinte in genere e nonostante siano scuri, si sono sempre colorati con facilità, ma non è affatto una cosa comune.
Secondo me questo hennè è un ottimo prodotto, sicuramente - per alcune persone con partciolari problematiche (es: capello secco) - migliore di un comune hennè in polvere. Per altre, la presenza di burro di cacao potrebbe diventare un grande ostacolo per la colorazione. Per sapere se fa per voi, tuttavia, rimane come unica prova quella di sperimentare su di sè.

13 commenti :

  1. Non l'ho mai provato e mi incuriosisce un sacco...però io ho dei capelli così strani che ho sempre paura di fare dei danni

    RispondiElimina
  2. il risultato è molto bello e il riflesso rosso uniforme! io ero partita in quarta con l'hennè, ma quando ho saputo che puzza di fieno...l'ho abbandonato finché non l'ho ceduto a mary :D
    odio il fieno e solo all'idea mi viene anche da starnutire LOL

    RispondiElimina
  3. Intanto ti ringrazio per i complimenti e sono contenta di esserti stata utile! :) Mi piace il risultato che hai ottenuto e concordo con te su quello che hai scritto anche se devo dirti la verità io con l'hennè in polvere riesco a stenderlo da sola! Poi le ultime volte non ho neanche usato il pennello, l'ho steso direttamente con le mani (guantate!!) come se mi volessi lavare i capelli ed ho ottenuto ottimi risultati! Più che altro devi sbriciolare bene la tavoletta e ottenere la cremosità giusta poi vedrai che riesci benissimo da sola! :)
    certo che la puzza è davvero unica! :D

    RispondiElimina
  4. che voglia mi fai venireeee :) peccato che mi manchi il coraggio ihihih

    RispondiElimina
  5. Mi incuriosisce molto la versione più rossa..ormai faccio la tinta rossa da un po', passare a qualcosa di più naturale non sarebbe male. Ho paura che mi prenda poco però visto che all'inizio ho avuto difficoltà anche con le tinte..mah! Forse proverò

    RispondiElimina
  6. Arrivo in ritardo su questo post ma sono davvero interessata a provare questo henné che cerco in ogni dove! Io per ora ho provato solo quello di sitarama e la cosa che non mi piace è che mi lascia i capelli più secchi di quanto non siano già di natura, e questo di lush così ricco di olietti mi tenta davvero tanto!

    RispondiElimina
  7. Ma perchè non esiste l'hennè per le bionde???

    RispondiElimina
  8. Bel risultato :) mi hai fatto venire voglia di provarlo.

    RispondiElimina
  9. Quindi mi pare di aver capito che oltre al thé nero, hai utilizzato anche l'HENNÉ NERO per ottenere questo colore.. Confermi? Potresti dirmi quanto ce ne hai messo? Perché è uscito davvero un bel colore, non sembra per niente arancione. Il bello è che i tuoi capelli sono scurissimi e non riesco a credere che sei riuscita ad ottenere questo colore senza decolorarli. Io ho i capelli mossi, con dei bei boccoletti, ma tingere i capelli come i miei vuol dire perdere tutto il mosso:(. Questo colore "ha acceso in me la speranza" di avere i capelli del colore che voglio io senza perdere la forma :) Spero di ricevere una risposta perché è troppo bello come colore. Bis dann! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. io non ho messo hennè nero. ho usato questo hennè che ha già dell'hennè nero al suo interno, quindi non ho deciso io la quantità. il prodotto viene già venduto così...

      Elimina
  10. io mi sono riconvertita all'hennè (che adoravo da ragazzina)dopo anni di tinte chimiche e devo dire che trovo fantastico quello della LUSH:lascia i capelli morbidissimi e molto corposi per non parlare dei riflessi stupendi su quelli bianchi,ho risolto anche il problema del panetto grazie al microonde (basta 1 minuto e si trasforma in una pasta morbidissima e facile da trattare) e devo dire che non vedo nessuna differenza qualitativa sul risultato finale,sia in termini di morbidezza che di colorazione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti prego illuminami perché mi sono ammazzata per scioglierlo!!!!!

      Elimina