15 settembre 2012

MAC Eye Kohl in Feline: an experiment

La Feline è probabilmente una delle matite più celebri di casa MAC. Io ne sono sempre stata affascinata per via del nome: si sa, i felini sono la mia passione. Secondo la casa madre, la Feline è un kajal nero molto resistente (o almeno, così lo spacciano le mua che lavorano per MAC XD). Per dirla meglio, nonostante sia morbido, molto scrivente e facile da sfumare come un kajal tradizionale, resiste di più di un suo analogo di altre marche. E con resiste penso intendano sia nella rima interna, sia nel resto dell'occhio. 


La Feline fa parte della linea Eye Kohl. Nel sito al momento non è disponibile, e il suo status di permanente o limited non è del tutto chiara. Per chi è interessato, nello store di Torino è sempre disponibile. Sono 1,45 grammi di prodotto per 17 euro.

Fino ad ora ero riuscita a scampare al suo fascino grazie ad un unico fattore: il prezzo. 17 euro per una matita mi sembravano veramente troppi e quindi mi ero limitata a guardarla da lontano nemmeno troppo curiosa, dato che con la matita nera storica (la luminelle di yves rocher) mi ero sempre trovata discretamente bene.
Infine, dopo aver dato e passato bene la prima parte dell'ultimo esame della mia carriera accademica (per i curiosi, lo scritto di lingua Araba), ho deciso di fare un salto da MAC per vedere se potevo premiarmi con qualcosina. L'idea era prenotare questa matita che dovrebbe uscire con una delle collezioni di ottobre. Ma lì mi ha atteso una gradita sorpresa: la Feline è SEMPRE stata permanente nello store di Torino, ragion per cui se la volevo, potevo acquistarla senza attese.
In realtà, a convincermi del tutto è stato un piccolo test che ho voluto fare da buona tirchia: per pagare una matita 17 euro, dovevo essere certa che avesse qualcosa di più rispetto alle altre celebri matite dal prezzo analogo, tra tutte la famosa aqua eyes di Make up forever. Quindi, prima di passare da MAC, ho fatto un salto da Sephora, ho provato la nera di Mufe, e poi sono corsa a testare anche la Feline.
Quando ho preso quest'ultima, mi è bastato appoggiare la matita per fare un tratto iperdefinito e iperpigmentato. Invece con la Mufe, per poter avere un tratto soddisfacente avevo passato la matita almeno due volte. Ma il punto su cui il paragone proprio non esisteva era il colore: come per me Russian Red ridefinisce il concetto di "rosso", la Feline ridefinisce il concetto di "nero". Quella matita non è nera. E' IL NERO.


 E lì sono crollata. Quando poi ho provato a sfumarla con il semplice polpastrello, è stato amore. Nonostante il passaggio del mio dito, la matita si sfumava senza perdere intensità alcuna.
Mi sono girata verso la mua di turno e ho detto: la prendo.
Metterla nella rima interna è stato poi meraviglioso: scrive subito, tanto ed è *nero* da far paura.


Io però sono come San Tommaso, e così il giorno dopo ho voluto testarla fino in fondo questa presunta resistenza. Ho quindi fatto un trucco molto semplice, usando unicamente questa matita, senza base, senza usare ombretti sopra e usandola anche nella rima interna. Questo è il trucco appena fatto alle 11:


Per onor di cronaca, il rossetto è Girl about town.
Alle 20, dopo 60 minuti di cyclette e parecchio caldo dopo, il risultato era questo:


Chiedo scusa per la qualità delle foto, ma farle di sera per me è sempre un problema dato che odio a morte il flash. Cercherò di chiarirvi quello che le foto provano a mostrare.
La matita è ancora lì. E non è sbavata creando scie di colore lungo il viso (la macchia nell'angolo interno a sinistra è dovuta alla mia imbranataggine e non alla povera matita). Dal vivo poi risultava ancora più credibile e le foto rendono poca giustizia.
C'è comunque da dire che resistente in senso completo non lo è. Nella rima interna è sbavata, ha creato delle pieghette nella palpebra mobile (e questo ammetto che me lo aspettavo), e in certe zone il colore ha iniziato a sparire o almeno ad essere meno intenso.
Considerato che erano passate parecchie ore e ci avevo fatto anche attività fisica insieme, per essere un kajal è comunque notevole, secondo me. E usata in combo con un primer sotto e un ombretto sopra, dà risultati ancora migliori. L'unico posto in cui tende a non resistere al meglio è proprio nella rima interna: dopo tante ore tende a sbavare, senza però scomparire o creare qualcosa di antiestetico.
E' vero che non viene venduta come waterproof o come la matita più resistente in casa MAC, quindi tutto quello che fa più di un kajal normale è grasso che cola.

Non mi sento di consigliare questa matita a chi ha bisogno di qualcosa veramente resistente. Perchè in certe zone tende comunque a sbavare dopo ore che la si indossa. Mi sento di consigliarla a chi non ha grossi problemi di durata, a chi vuole una matita NERA (e non solo per modo di dire), a chi ha bisogno di una buona base per gli smokey. Anche per creare delle linee di eyeliner precise si è dimostrata valida.
Come tutti i kajal morbidi, penso che in inverno offrirà servigi migliori. L'estate è un momento difficile per prodotti così morbidi.

Infine un pensiero personale. Pur ammettendo che è un'ottima matita, non credo valga sul serio i 17 euro che l'ho pagata. Non sono affatto pentita di averla presa, ma credo che pretendere di vendere prodotti a cifre simili sia abbastanza folle, ancora più dei rossetti a 18,5 euro. Mi soddisfa in parte il fatto che sia molto lunga e che basti pochissimo prodotto per avere linee precise o per colorare grandi porzioni di palpebra quando la si va a sfumare. Questo mi fa immaginare che durerà parecchie vite (o almeno lo spero).

E voi? L'avete provata o ce l'avete nella wishlist?

17 commenti :

  1. Concordo sul fatto che il prezzo sia folle. Ottima matita ok, ma il prezzo è esagerato. I rossetti posso capire, una matita no.
    E non vale solo per questa ma anche per tante altre matite che ho acquistato anche io allo stesso prezzo. Tornassi indietro non so se lo rifarei.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, concordo. Infatti non penso ne comprerò altre.

      Elimina
  2. Cavoli, se non dura nella tua waterline nella mia avrà vita ancora più breve :(
    Mmm...devo pensarci un po' su, mi sarebbe piaciuto provarla :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non posso dire che non resista in toto. Dopo molte ore una traccia di nero si vede ancora. Però se si suda per qualsiasi ragione, tende a colare un po'. D'altronde, poveraccia, è pur sempre un kajal XD
      Se hai bisogno di roba che resiste in modo reale, meglio evitare!

      Elimina
  3. vabbé, hai fatto prova SENZA PRIMER e ha fatto 'sto splendore.
    Come si fa a non amare una matita che senza primer ancora campa?
    Sarebbe follia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. gliene dò atto. ma per esempio nella rima interna non metto MAI un primer e ha avuto una resistenza che è minore ad esempio dell'eyeliner in gel essence. bisogna dirlo.

      in ogni caso il prossimo look sarà fatto con feline con primer e ombretto sopra. ebbene è durata bene ovunque tranne proprio nella rima interna.

      Elimina
  4. Mh, e dire che ne avevo sempre sentito parlare bene. Io da un kajal pretendo che rimanga bello visibile nella rima interna... Per me sarebbe davvero una delusione, così come lo è stata la Perversion di MAC.
    La mia amatissima Collistar costa 10€ e mi dà grandi soddisfazioni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attenzione però: un kajal non è una matita waterproof. che rimanga nella rima interna vita natural durante è chiedergli di snaturarsi e diventare qualcosa che non è. una matita waterproof appunto.
      ma bisogna scegliere: resistenza o morbidezza? le due cose non possono coesistere fino a un certo punto.

      Tra l'altro, io ho standard molto alti. Visibile nella rima interna lo era anche dopo le tot ore e dopo la cyclette. Non era perfetto, quello no. Aveva sbavato, ma in ogni caso la prestazione era notevole.

      Elimina
  5. quale pazza lo farebbe? in rima interna è troppo pericoloso, ma è ovvio, io non ci metterei neanche l'eyeliner in gel per lo stesso motivo anche se c'è chi come te se la sente.

    La questione della durata è comunque quanto di più soggettivo ci sia perché a meno che non duri veramente 10 minuti, c'è chi considera 2 ore un tempo accettabile e chi ne vuole 10, non so se rendo XD
    A me varia tantissimo in funzione della temperatura perché per esempio oggi con 20 gradi mi camperebbe assai, in estate no. E ho la rima lacrimosa XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non capisco a cosa stai rispondendo XD
      un kajal è fatto per la rima interna: pericoloso non lo può essere. al massimo con il caldo rischia di colare, ma quello è un discorso diverso.

      la durata è sempre soggettiva. però appunto, se non parlo della mia esperienza, di cosa dovrei parlare? io ho dato dati e, per quanto possibile, prove fotografiche. lascio a chi mi segue decidere se ne vale la pena o meno. anche perchè 17 euro per una matita che poi delude i propri standard è davvero troppo.

      Elimina
    2. ho cliccato il rispondi sbagliato mi sa XD
      dicevo, chi metterebbe il primer in rima interna?
      io spero nessuna persona...

      su questo intendevo che magari tu dici che 17 euro son tanti perché vuoi che un colore non si muova minimamente (tipo l'eyeliner in gel Essence), mentre magari io potrei dire che son giusti perché abituata a un colore che mi sparisce dopo mezz'ora grido al miracolo per quello che per te è poco. non so se rendo XDDDDDDDDD

      Elimina
    3. No, io più che altro dico che 17 euro per una matita non dovrebbero nemmeno avere il coraggio di chiedermeli XD

      Elimina
    4. ce l'hanno perché c'è chi ce li spende. Onestamente, i soldi che ho speso per la Feline non mi pento di averli cacciati tanto che sto pensando al backup (ma se davvero l'hanno permanentizzata XD lo prendo più in là), mi girano più i coglioni per tutte quelle matite dove magari di euro me ne hanno chiesti 3 e non valgono neanche quelli.

      Elimina
  6. Questo post capita proprio a fagiolo, proprio oggi stavo pensando a questa matita per quanto ne ho sentito parlare, visto che il kajal nero che uso io (della project, preso parecchio tempo fa a onor del vero) sbava parecchio in giro... Ci penserò su seriamente, il look che hai fatto per me è indice di prestazioni notevoli!

    RispondiElimina
  7. Interessante review. Conosco la Feline di Mac per averne usata una intera che mi è terminata questo aprile e che avevo acquistato circa un anno e mezzo prima (quindi dura un tempo più che ragionevole come prodotto).
    Il suo plus è di essere veramente nera, ma io apprezzo molto come kajal anche quello di Collistar e anche la matita occhi classica sempre di Collistar scrive divinamente nella rima dell' occhio (che io ho piuttosto umida) e dura qualche ora, per me comunque nessuna supara le 3-4 ore.
    Una matita che va molto vicino al colore e morbidezza della Feline è la matita smoky uscita con l' ultima collezione Kiko, la Lavish oriental.. è nerissima, morbida, sfumabile come e forse più della Feline e ottima nell' interno occhio. Ne prenderò almeno una seconda perchè mi ha veramente stupito, e costa 10 euro in meno della celebre matita Mac ;)

    RispondiElimina
  8. utilissimo questo post, grazie :)
    Stavo pensando di comprarla 'sta matita anche s eil prezzo mi spaventava parecchio perchè avevo letot in giro che teneva benissimo nella rima interna, ma io ce l'ho lacrimosa e finora l'unica matita che veramente resta nella mia rima dalla mattina fino al momento dello strucco è la waterproof di Look by bipa che in Italia non viene più venduta.
    Un avolta non mi ineressava che la matita restasse lì tutot il giorno, ora si e quindi sono alla disperata ricerca di qualcosa che mi duri, anche se spendere tanto non mi va perchè se poi non mi piace, mi sparo XD

    RispondiElimina
  9. "come per me Russian Red ridefinisce il concetto di "rosso", la Feline ridefinisce il concetto di "nero"

    perla,perla di saggezza!

    RispondiElimina