05 dicembre 2012

Tag: Confessions of a Beauty Blogger

Tag "copiato" da Misato XD
Mi è subito piaciuto perchè è una bella finestra su come ogni blogger lavora e sulla sue personali idee in merito.
Quindi, partiamo subito!

01. Quante ore alla settimana spendi per scrivere/pianificare/caricare post e gestire il blog?
Tante, tante.
Il mio è per lo più un blog di look, spesso anche fatti *apposta* per il blog stesso, soprattutto ultimamente poichè uscendo di casa presto alla mattina mi ripeto spesso nei miei trucchi quotidiani, ma allo stesso tempo mi piace sperimentare altre cose quando sono a casa tranquilla. E' terapeutico per me. I trucchi fatti per il blog non sono uguali a quelli che faccio per uscire, perchè richiedono una base più curata (le foto fanno risaltare cose che dal vivo manco esistono a volte) e maggiore attenzione nei dettagli. Se per truccarmi la mattina ci metto dai 10 ai 15 minuti totali, per un look del blog posso arrivare anche a un'ora e mezza se è particolarmente elaborato (il peggiore fin'ora è stato il look Moulin rouge per Halloween che trovate qui). In media non meno di mezz'ora.
Poi devo fare le foto... e pure quello richiede una buona mezz'ora e qualcosa come una cinquantina di foto da cui poi seleziono le migliori. Devo provare a fare pose diverse per far vedere il trucco e sperimentare impostazioni diverse della macchina foto per avere le luci migliori. E poi ovviamente vanno ritagliate. E poi devo creare il post. 
Diciamo che in media un post di questa tipologia mi richiede circa 2 ore totali, quando non 3.
Gli altri post - recensioni, guide... - in media richiedono meno preparazione. Di solito me la cavo in una oretta. 
Dato che in media faccio 3-4 post alla settimana, potete fare un rapido conto di quanto impiego XD

02. Sei una “spendacciona” o una “risparmiatrice”?
Io mi definisco una risparmiatrice, sicuramente. Non possiedo molta roba (di più delle donne che non si truccano o si truccano poco di sicuro, ma niente in confronto alla media delle appassionate) e nemmeno mi interessa. Cercare di cavarmela con ciò che ho è una delle cose che preferisco in assoluto. E se proprio voglio qualcosa che non possiedo, mi piace ricrearla da sola (come avevo fatto per l'eyeliner glitterato nel primo 5 shades, qui).
La mia unica passione costosa sono i rossetti MAC, ma mi sono data l'obbligo di non comprarne più di uno ogni due mesi e ce l'ho sempre fatta.

03. Quando è più facile scrivere i post?
Quando sono ispirata posso anche scrivere di getto in poco tempo un post lunghissimo. Ma l'ispirazione non si può controllare e non è collegata a nessun momento specifico della giornata.

04. Cos’è che ti mette a tuo agio per scrivere post?
Ho scritto post ovunque: in biblioteca, in treno, a casa... Penso che mi basti avere l'ispirazione giusta. Il resto mi sembra non contare molto.

05.Qual è la tua peggiore abitudine per il trucco e i capelli?
Per il trucco... diciamo che non sono proprio rigorosa nella pulizia dei pennelli. E forse è pure un eufemismo.
Non credo di avere brutte abitudini riguardo i capelli da quando ho abbandonato tinte e piastra anni fa. La cosa peggiore che faccio contro di loro è la piscina... ma non la definisco una brutta abitudine XD

06. Qual è una frase che vorresti il mondo seguisse come regola per la vita?
"La moda passa, lo stile resta". Sembra una cosa banale, me ne rendo conto. Eppure mi dispiace tanto vedere tante donne seguire ciecamente la moda nel momento senza riuscire mai personalizzarla, rischiando di diventare una goccia in un mare di persone tutte vestite/truccate/qualsiasi*cosa uguale. Non dico che sia sbagliato seguire una moda, se piace, ma purchè la si sappia adattare alla propria persona e alla propria personalità. Per fare un esempio: questa estate c'era il rossetto rosso aranciato. Un conto è comprarne uno tanto per averlo, un conto è ragionare su cosa ci può stare meglio o cosa si adatta alla nostra personalità (una tonalità più neon per chi magari ama i colori forti e non ha paura di osare, una tonalità più rossa e retrò per gli amanti del vintage...).
Molte si sbagliano a pensare che moda = stile. Lo stile è al di là delle mode e le comprende un po' tutte. E' al di là perchè non dipende da loro, ma allo stesso tempo le sa adattare alle proprie esigenze. Trovare un proprio stile è una delle cose più complicate in assoluto, me ne rendo conto, perchè è prima di tutto un percorso di auto-accettazione, che può anche portare a situazioni in cui si "spicca" anche senza volerlo: seguire lo stile vuol dire anche andare in giro con delle calze beige, gonna nera e mary jane con il tacco quando il resto del mondo ha jeans e ugg (momenti di vita vissuta). Nascondersi nella mischia a volte è più facile, ma si rischia di perdere la propria individualità e il proprio io. E trovo che esprimere ciò che si è dia molte più soddisfazioni.
Infine, la moda passa lo stile resta, anche nell'armadio. Seguire ciecamente le mode senza un minimo di partecipazione personale vuol anche dire ritrovarsi ogni anno ad avere roba che non funziona più. Chi segue uno stile al di là delle mode, raramente si trova in questa situazione. Per dire, lo scorso anno andavano di moda le gonne 60s a trapezio, quest'anno no. Io lo scorso anno ne ho approfittato per comprarne due che continuo a mettere anche se non sono "alla moda" al momento perchè fanno parte di me e del mio stile nonostante tutto. Idem le gonne 50s XD Semplicemente, quando la moda offre qualcosa che fa parte del mio stile, io ne approfitto per fare "scorta".

La stessa cosa ovviamente vale anche e soprattutto per il trucco. Molte donne, anche quelle che si truccano da tanto, sanno pochissimo di sè perchè non riescono mai a guardarsi in modo critico (che non vuol dire criticarsi, ma vuol dire solo analizzarsi) cercando di capire cosa veramente sta bene/male, cosa piace/cosa no. E per me questo secondo punto è importante quanto il primo.
Sembra strano, ma molte volte mi sono resa conto che la gente è davvero in crisi quando deve dire cosa le piace davvero senza influenze esterne. Bisognerebbe imparare ad ascoltarsi un po' di più ignorando le interferenze che provengono da fuori.

07. Quanto tempo impieghi per prepararti ogni giorno?
Di mattina, pochissimo. Anche meno di tre quarti d'ora per tutto (per il trucco riesco a rimanere sui 10 minuti di solito). Dormire per me è più importante U_U. Se mi devo preparare per uscire la sera e non sono di fretta, posso anche impiegarci un'ora e mezza.

08. Qual è il post che preferisci sul tuo blog?
Sicuramente la storia del Pastello verde che potete leggere qui.
Scriverla è stato terapeutico anche per tutto il tempo ho - letteralmente - tremato. Mi è piaciuto scriverla, mi è piaciuto vedere la risposta di chi mi ha letto. E' uno dei momenti più belli collegati al blog.

09. Qual è la beauty blogger che pensi meriti più iscritti di quelli che già ha?
In generale tutti i blog che sono su wordpress (mi vengono in mente le mie colleghe di 5 shades,  Misato di A lost girl, Lidalgirl di A colourful mess, Chiara di GoldenVi0let e Daniela di Shopping & Reviews, che credo siano più seguite di me ma che a causa della piattaforma raccimolano molti meno iscritti).
In generale, per quanto io preferisca le visite e i commenti al numero di iscritti, trovo che l'iscrizione sia importante per dimostrare a chi seguiamo che apprezziamo il suo lavoro tanto da volerlo seguire in pianta stabile. Alla fine, dato che noi blogger non siamo pagate per fare ciò che facciamo (almeno, quelle serie non lo sono in nessun modo), sono queste piccole cose che ci fanno "andare avanti".

10. Qual è un progetto per il prossimo anno che ti rende felice?
Per il blog o per la vita personale?
Per il blog, i futuri 5 shades (eheh... e altro non dico) e un progetto personale sul trucco vintage che ho in mente.
Per la vita personale... la laurea ovviamente.

11. Quale è stato il tuo momento da blogger preferito?
Quando bloggers che stimo tanto e che hanno molto più pubblico/fama/talento di me hanno apprezzato i miei lavori. E in generale quando la gente mi dice che grazie ai miei post è riuscita a provare qualcosa, sperimentare un rossetto, superare qualche paranoia sul trucco in generale... Insomma, quando riesco a rendermi utile XD

12. Quanto tempo impieghi per scrivere e pubblicare un singolo post?
Non è inquietantente simile alla domanda 1?

13. In questo momento indossi sotto jeans/gonna oppure il pigiama o la tuta?
Domanda sciocca, forse più sensata per la versione di youtube...
In ogni caso, io odio le tute. A morte proprio. Quelle lucide, di tessuto sintetico, aderenti... bleah. Ci sono poche cose che sanno di trasandato come la tuta. Le odio così profondamente, che pur capendo chi le porta in casa, per me sono un tabù anche dentro le mura domestiche.
E per il secondo punto, io non porto pigiami propriamente detti. Odio a morte pure loro.
Per me l'abbigliamento da casa/letto è fatto di canotte tipo Tezenis, magliette, pantaloncini shorts o a pinocchietto.
Sì, ho bisogno di sentirmi faiga pure a casa XD

14. Di cosa vai più fiera nella tua vita?
So che è una risposta un po' narcisista (ne sono perfettamente consapevole U_U, sorry), ma di me stessa.
Sono fiera del fatto che non sono una che si abbatte ma che ci prova sempre. Anche quando mi scoraggio, di solito dura poco e poi ci riprovo. E non lo dico tanto per dire, ma perchè ho sperimentato (e avrei preferito di no, onestamente) situazioni in cui lasciar perdere sarebbe stato più semplice e invece non ce l'ho fatta. Odio e amo il senso del dovere che ho e che mi costringe a fare sempre del mio meglio in tutto. Che non vuol dire essere sempre brava, però almeno uno ci prova...
Questo non mi rende migliore di altri, ma mi rende affidabile in un certo senso. E' come se io sapessi di poter contare su di me quando le cose si mettono *male*, e questo credo sia molto importante nella vita...

16 commenti :

  1. Io come te non sono precisissima nella pulizia dei pennelli...mi consola sempre scoprire che non sono sola nei miei peccati:)

    RispondiElimina
  2. pure io odio la pulizia dei pennelli XD e anche il mio prossimo obiettivo è la laurea magistrale :)

    RispondiElimina
  3. Sull'ultimo punto mi rispecchio tantissimo e anche quando parli della tua unica passione costosa, i rossetti Mac^^ Ah, il pastello verde *_* amore puro. Sto ancora cercando il tempo per scrivere una risposta(simil tag)a quel meraviglioso post. Te l'avevo chiesto su Fb e ho avuto la tua benedizione. Troppo bello, troppo. Prometto che a breve lo scriverò( ci vuole ispirazione e la maggior parte delle volte la trovo quando sono sull'autobus). Chissà che non nasca la "moda" "Takiko's tag";)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uddio, l'idea di un takiko's tag mi inqueita un sacco XDDDD

      rossetti mac <3

      Elimina
  4. Bella l'idea del cavarsela con ciò che si possiede. E' il modo migliore per sfruttare quello che si acquista.

    RispondiElimina
  5. Mi è piaciuta moltissimo l'ultima risposta! :)
    Secondo me però non è narcisismo, è più una consapevolezza delle proprie capacità. Ed è anche un conoscersi a fondo probabilmente...

    (t'invidio perchè io vacillo sempre e comunque, finendo poi col tirarmi spesso la zappa sui piedi o sprecando occasioni! Si può sempre migliorare però, confido in questo!^^)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che il narcisismo aiuta tanto in queste cose. Anche a conoscersi a fondo, dato che pensi molto a te stesso... l'importante è che non diventi "patologico", in modo da dare esattamente i risultati contrari XD

      Elimina
  6. Non farò mai questo tag perchè risponderei con un amabile "cazzi miei" a 3/4 delle domande XD E normalmente non mi piace nemmeno leggerlo considerando le risposte da mononeurone che ho letto...
    Chiaramente tu sei un'altra storia ^-^
    Maaaaaa quanti futuri 5 shades? Millemilamilioni vero?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che due neuroni almeno sono riuscita a raccimolarli XDDDD
      (comunque in media questi tag sono sempre da mono-neurone, anche le domande a volte xD)

      Elimina
  7. pure io ho qualche problemino con la pulizia dei pennelli, ma incredibilmente averne tanti mi aiuta: li lavo a scvaglioni pur non rimanendo mai senza :) Qaudno en avevo pochi era un problema e finivo davvero per lavarli ogni morte di papa!

    Ho notato che le tue doamnde sono elggermente diverse da quelle a cui ho risposto io... mi sà che girano due versioni di uno stesso tag... :D

    Io sono decisamente una donna-pigiama (di pile possibilmente!) e una donna-tuta invece :D più che altro perchè sono freddolosissima! Riesco anche a dormire con il cappello quando ho proprio freddofreddo, generando l'ilarità di tutti XD
    Posso pure andare a prendere un pacco in pigiama, non ho problemi, mentre mia sorella se non è perfettamente truccata e vestita non mette il becco fuori di casa :D (e non butta mai l'immondizia!)

    L'ultima risposta te la invidio, io non credo sia narcisismo, credo sia grande consapevolezza (e stima) di te stessa e delle tue potenzialità, cosa che io non ho e non so se l'avrò mai.

    Ti ho taggato qui http://raelmente.blogspot.it/2012/12/tag-my-christmas-gifts.html è probabilmente un tag da mono-neurone XD ma vabbè!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per il tag... questo di natale però mi inquieta un po' XD

      lavare i pennelli è tristezza cosmica XD
      sì, anche a me pare girino due serie di domande diverse o_O"

      Elimina
  8. 1. è un hobby che richiede tempo XD
    per me c'è anche tutta la parte del test della roba che non ci si aspetta: che tu la faccia per un look o per una
    recensione poco cambia... non puoi fare un trucco se non sai come ti scrive una matita o come rende un rossetto
    (a meno che non sia una cosa per sperimentare in quel momento, ovvio che se ti va male ti allunga i tempi XDDD).

    6. concordo con quel che dici anche perché stare bene nei propri panni aiuta come poche cose...
    Il punto non è voler emergere o meno (quello è soggettivo, c'è chi è felice di portare una divisa!),
    quanto il sapere chi si è. Lo stile per me è anche quello... sapere che c'è roba che ti piace perché sei tu.

    9. ringrazio per la citazione ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, no... non è questione di apparire. Perchè uno può anche scegliere consapevolmente uno stile casual, se è quello che più gli piace/si addice.

      Elimina