17 aprile 2013

Piccola guida pratica al trucco da laurea: qualche premessa

Ebbene sì, ieri ho finalmente concluso il mio percorso universitario laureandomi di specialistica.
Per prepararmi all'occasione, ammetto, avevo cercato degli spunti per eventuali "trucchi da laurea" rimanendo piuttosto delusa di ciò che trovavo. Mi sono quindi detta che, concluso tutto, avrei scritto un post in merito per dare qualche consiglio, di quelli basici basici che servono forse più a tranquillizzare che altro.

Si può partire da un concetto semplice: non esiste il "trucco laurea". Come non esiste un "trucco da matrimonio" nel senso canonico del termine. Ma mentre il secondo caso dà più libertà (una sposa può decidere di fare ciò che vuole, anche truccarsi le labbra blu se le gira), il primo può avere qualche vincolo di tipo sociale dovuto al fatto che sì, per tutto il tempo della discussione, sarete giudicati e ovviamente l'aspetto potrebbe essere un fattore che volontaramente o involontariamente viene tenuto in conto.
Il mio consiglio in merito è: non fate questioni di principio. E' ovvio che nessuno dovrebbe venire giudicato per il proprio aspetto fisico quando ciò che dovrebbe contare è la capacità di esporre e difendere la propria tesi, ma davvero si vuole rischiare? Inoltre, saper riconoscere un contesto sociale e agire di conseguenza è forse il vero primo passo verso l'essere adulti. In un locale possiamo essere ciò che vogliamo, idem a casa nostra o con i nostri amici, ma altri luoghi vanno presi con le pinze. E la "rivoluzione" si può fare a piccoli passi, senza per forza dover comparire un giorno con un ombretto rosso a tutta palpebra.


Considerate quindi due fattori: cosa vi serve e cosa non vi serve per sentirvi a vostro agio e chi troverete di fronte a voi.
Nel primo caso, esattamente come viene detto alle spose, è inutile snaturare ciò che siete per un giorno, sia che pensate di farlo per voi sia che pensate di farlo per terzi. Vista poi la natura "ansiosa" dell'evento, rischierete per tutto il tempo di pensare alla possibilità del rossetto sbavato, del fondotinta che se ne va, del trucco occhi che non regge... E direi che non serve. Cercate di essere voi stesse. Se essere voi stesse implica l'uso del rossetto rosso... beh, se ve la sentite, potete anche "spezzare" gli schemi.
Considerate la commissione (e a volte, tristemente, il tipo di facoltà). Conoscete tutti i professori? Sapete se sono persone che giudicano il modo di vestire di chi si trovano di fronte o è gente che se ne frega?
Nel mio caso, che penso sia quello più comune, ne conoscevo alcuni e sapevo che erano poco interessati alla questione, ma altri proprio non avevo idea di chi fossero. Per evitare problemi sono rimasta in una comfort zone: non ho messo il rossetto rosso come avrei voluto, ma ne ho preferito uno rosa malva piuttosto scuro.

Il mio consiglio è di mantenervi su qualcosa di semplice (concetto che ovviamente ognuno può rivedere in base alla propria idea di cosa è semplice e cosa non lo è). Non infilatevi in trucchi complessi, perchè può essere che non avrete nè la mano per farli bene nè il tempo per sistemarli eventualmente. Io non sono una persona ansiosa quando si tratta di esami o cose universitarie, ma ieri le mani mi tremavano mentre mi truccavo e sono stata meno precisa del solito. Non perdetevi in smokey con cinquanta colori: non solo vi porteranno via tempo, ma tanto non si vedranno in foto e nemmeno dal vivo.
Piuttosto, prendetevi tempo per curare la base. Serve meno precisione, e a suo modo può essere quasi terapeutico. L'effetto però sarà molto più evidente, rispetto che lo smokey stra-figo. Se avete molto da coprire, utilizzate il metodo Eldridge (qui) e resistete alla tentazione di usare un fondo stra-coprente effetto stucco.

Non fatevi ingannare da chi vi dice che sugli occhi o sulle labbra "si deve fare così o cosà...". Se l'eyeliner non è il vostro forte, non è il caso di tirarlo fuori quel giorno. Anche se tutti i trucchi laurea sembrano cedere al suo fascino. Se avete bisogno di definire lo sguardo ma avete paura di avere poco tempo o la mano poco ferma, vi consiglio il mio smokey salva giornata che fu il mio trucco occhi della triennale e che fece la sua gran figura ai tempi (io lo realizzai proprio con Satin taupe, ma ovviamente il colore base è a vostra discrezione a seconda anche magari di ciò che indossate). Con questo potete anche non fare gli occhi perfettamente uguali: nessuno se ne accorgerà.
Sulle labbra l'unica regola aurea è che SE volete un rossetto carico o comunque evidente, deve essere uno di cui vi fidate: sapete che non sbaverà per quanto parlate, per quanto vi tormenterete le labbra nell'ansia e nell'attesa... Se volete andare sicure, scegliete un MLBB di un tono magari più scuro del vostro solito. E ricordate che - come ho fatto io - nulla vi vieta a discussione finita di levare il rossetto soft, metterne uno strong e poi farvi le foto.
Sulle guance evitate il contouring se non siete esperte e applicate i prodotti poco alla volta. Rifare la base è una grossa perdita di tempo.

L'uso di eventuali primer è ovviamente consigliato. Se ci sono giorni in cui vale la pena di usarli, la laurea ne fa sicuramente parte. Normalmente io evito questo genere di prodotti, ma ieri mi sono affidata sia al POREfessional sia al That gal di Benefit: entrambi mi hanno soddisfatta.

Un consiglio che mi sento di darvi è evitare l'improvvisazione dell'ultimo momento. Non dico di preparare millenni prima ciò che farete, ma non è una cattiva idea avere già qualche idea quando vi metterete davanti allo specchio. Magari il giorno prima, prendetevi una pausa dal ripetere o dall'ansia e fate qualche prova. Se le foto vi premono molto, magari fate anche qualche prova fotografica per vedere se e quanto rende. Improvvisare, se siete nervose, può essere non solo difficile ma può rivelarsi anche deleterio per l'esecuzione. 
Se intendete utilizzare prodotti mai utilizzati prima su di voi, datevi almeno 2-3 giorni di prove per capire se funzionano e soprattutto se non vi causano reazioni allergiche (io ho fatto così sia per i primer sia per la cipria).

Come vedete, al solito non vi sto dando dritte precise, ma solo griglie su cui agire. Sono convinta che queste occasioni siano dettate unicamente dalla propria sensibilità, e non da ciò che gli altri pensano e credono in merito. E' importante sapere cosa NOI vogliamo e cosa NOI sentiamo di potere o volere indossare. Non esistono altre imposizioni, se non le nostre

Nel prossimo post vi farò vedere cosa alla fine ho scelto come mio trucco per la laurea.
Per qualche parola in più sul dress code della Laurea (al solito, consigli molto utili), vi lascio al meraviglioso post di Anna sul blog Moda per principianti che trovate qui.

30 commenti :

  1. ottimo post! io per la triennale mi truccai da sola ( e ancora usavo solo ombrettini beige,marroncini e colori chiari) ,sebbene potessi contare su di un'amica estetista e truccatrice , e andai sul sicuro: ombrettino solito ( con correttore sotto,perchè non usavo primer),tanto mascara waterproof ,poco blush e lucidalabbra rosa XD oggi, mi truccherei diversamente, però all'epoca mi sentivo a mio agio così :P a vedere le altre ragazze il mio trucco era troppo sobrio :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Meglio andare sul sicuro che poi sentirsi a disagio ^_- piuttosto meglio essere noiosi!

      Elimina
    2. quello si ;P però oggi oserei di più :) lunedì da invitata ad una laurea forse oserò un rossetto rosso :P

      Elimina
  2. Sono d'accordo su tutto, non credo che si possa aggiungere altro :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. a parte la mia faccia truccata per l'evento

      Elimina
  3. sono ancora alle prime trenta pagine della tesi di specialistica ma già sto pensando a cosa indossare, al trucco, alle scarpe etc.. vorrei trovare un rossetto che nn si trasferisca su qualsiasi cosa.. per il resto nn ho ancora deciso. In triennale ho abbinato il turchese della copertina della tesi all'ombretto, sfumato nella piega con un marroncino satinato, e allo smalto..ero molto orgogliosa di questo abbinamento *__* per la specialistica vorrei fare qualcosa sul bordeaux ma c'è tempo! Ancora auguri e non vedo l'ora di vedere qualche foto :) ciao ciao!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la cosa buffa è che quando sei all'inizio della tesi pensi a queste cose, poi man mano che vai avanti inizi a non pensarci o a non voler pensarci XD

      Elimina
  4. Alla triennale feci il mio look classico di quando non ho inventiva. Ovvero quello da pseudo-pin up de noantri, con un rossetto "mite" perché non ero ancora a mio agio con colori più accesi. Lo scorso dicembre, considerato che il presidente di commissione era il mio correlatore e che non aveva mai alzato sopracciglia o fatto facce strane vedendomi a ricevimento con smokey colorati o rossetti scuri, e considerato che comunque presentavo un argomento non scientificamente "serio" come il tuo (e che avevo un vestito molto poco serio), mi sono detta "facciamo come dico io".
    Diciamo che visti poi come stavano messi i docenti della commissione (il mio relatore era vestito come quando fa lezione. Ovvero tipo mio padre sul cantiere...) e che grazie al cielo erano decisamente più interessati a ciò che stavo dicendo (esattamente come è sempre successo in sede d'esame), mi è andata bene.
    E poi non potevo parlare di periferie e ghetti conciata come una damina bon ton XD


    Il look occhi l'avevo già testato un paio di volte, però, pur senza pensare che sarebbe stato il prescelto, perché nervosa come stavo l'inventiva non sarebbe stata di casa (se non ricordo male mentre mi truccavo ho cercato -invano- di ripetere il discorso).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah, ieri alla laurea di Manuel c'era anche il tipico professore barbone... di quelli che non capisci se davvero insegnano lì o cosa. Purtroppo nella mia c'era troppa serietà XD

      Io invece ho sempre trovato divertente agghindarmi stile bambolina e poi iniziare a blaterare di cose di linguistica teorica, dialetti neoaramaici etc... XD

      Elimina
  5. innanzitutto congratulazioni!
    mi sembrano tutti consigli sensati, io sono molto più vecchietta di te e ai miei tempi non ci si truccava molto, credo che siamo andate tutte alla discussione finale al massimo con il fondotinta e il mascara :)
    del resto ho studiato in un posto molto alternativo con professori ex-sessantottini, l'informalità era la norma per noi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie ^^

      oddio, se l'informalità fosse stata la norma, io mi sarei sparata un rossetto stra-rosso senza pensarci. il trucco non è per forza formale e il non trucco non è per forza informale, eh...

      Elimina
    2. Infatti, altrimenti come li mettiamo i punk? Xd

      Elimina
    3. ti dirò, proprio perché l'informalità era la norma, probabilmente nessuno ci avrebbe fatto caso :)
      quello che probabilmente avrebbe colpito, sarebbe stato un tailleur da donna in carriera, che per tutto il percorso di studi nessuno aveva mai visto. e secondo me neanche dopo

      Elimina
  6. Un post davvero molto utile. Spero che arrivi presto il momento di applicare i tuoi consigli =_=
    Non ho fatto che annuire con la testolina a ogni riga, perché concordo con tutto quello che hai detto e mi stupisco di come certa gente non ci arrivi (al fatto che non esiste un trucco specifico, ma anche al fatto che ogni tanto bisogna tenere presente il contesto sociale, e svariate altre cose).
    Credo uno dei post più belli di sempre (seppure nella sua "semplicità").

    P.s. Congratulazioni :)
    (Non so, mi faccio le pippe a scrivertelo su facebook ç_ç Faccio bene o faccio male? D:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esiste gente che parla di trucco laurea per gli invitati... per dire...
      Grazie ^^

      Puoi scriverlo dove vuoi, non ti preoccupare XD

      Elimina
  7. Articolo molto carino, non vedo l'ora di vedere le foto del tuo trucco!Concordo,il trucco è così soggettivo... io per la mia laurea non rinuncerò ad un bel rossettone rosso... no no ... E se qualcuno lo riterrà "troppo" problemi loro, non miei!

    PS:ovviamente CONGRATULAZIONI! :D

    RispondiElimina
  8. congratulazioni :D però una fotina piccina potevi metterla ç__ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fatto un post a parte per il mio trucco laurea, come anticipavo: http://sofficelavanda.blogspot.it/2013/04/develop-passion-for-learning-if-you-do.html

      Elimina
  9. Congratulazioni carissima!!!
    Spero adesso ti si spalanchi un mondo!
    R.

    RispondiElimina
  10. Ci voleva un post così <3 Concordo su tutto, se si conosce facoltà e docenti è inutile fare questioni di principio proprio quel giorno, certo è molto triste essere giudicati per trucco e abbigliamento e non per ciò che si dice :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' triste, ma preferisco fare questioni di principio a un matrimonio dove non me ne viene nulla che in un contesto in cui il giudizio finale può fare la differenza.

      Elimina
  11. Innanzitutto congratulazioni!

    Riguardo al post non posso che sottoscrivere ogni parola, soprattutto il discorso sul contesto sociale: "vale la pena di rischiare?" è la domanda che mi pongo sempre in casi simili e, con un po' di amaro in bocca, la risposta spesso è no.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è così: spesso non ne vale proprio la pena.

      Elimina
  12. Auguri!
    Magari avessi letto un post cosi prima della laurea, cosi non mi avessi sentivo un alieno pressa dal ansia :) anche se a dirti il vero qualche sera prima avevo visto solo l'anteprima di qualche tutorial laurea in youtube ma dal risultato finale ero sicura che non sarei stata me stessa e quindi avevo puntato per il mio smokey salva giornata ovvero qualcosa di semplice in toni naturali con un filo de eyeliner fatto con la matita molto sfumato...ma arrivato quel giorno io ero cosi nervosa che dopo la base (molto ben fatta) e visto che anche a me tremavano le mani ho usato un ombretto in gel de astra il 03 un bronzo che avevo usato tutti i giorni per tutto l'ultimo semestre abbinato a un lipbutter rosso della revlon...alla fine ero me stessa...la mia solita faccia da tutti i giorni che recita:"per poco stamattina non ho perso il treno" ...credo che l'importante sia quello sentirsi sicura con quello che si a indosso vale per i vestiti come per il makeup se uno si sente bene con un rosetto rosso perche non indossarlo il brutto e mettersi una maschera e fingere essere un altra persona :)
    In bocca al lupo per tutto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo. La cosa più importante è sentirsi bene con se stessi e ciò che si indossa.

      Elimina
  13. Come sempre, ottimi consigli! Penso che il tuo approccio sia il migliore: griglie in cui muoversi, non esiste IL trucco per nessuna occasione, e tutto va contestualizzato e personalizzato, perchè c'è occasione e occasione, e persona e persona :)

    RispondiElimina