12 giugno 2013

A koala in the kitchen: Red velvet cupcakes

La mia fissazione con la Red velvet, famosa torta americana rossa con farcia alla vaniglia o al formaggio, è piuttosto lunga, sebbene io non l'abbia mai soddisfatta. Dopo aver deciso che sarà la mia torta di compleanno, ho deciso di fare qualche prova iniziando a fare i cupcakes omonimi (che sono una versione un po' più leggera, poichè già dosata). In particolare i miei dubbi riguardavano il colorante, perchè per esperienza so che quelli liquidi - i più comuni ed economici in commercio - non danno risultati ottimali. Tuttavia, prima di spendere per qualcosa di più consistente, ho deciso di fare almeno un tentativo.
Purtroppo non sono venuti rossi come avrebbero dovuto, hanno preso un colore più tendente al vinaccia, soprattutto dentro dove non si sono cotti a contatto diretto con il forno.
Il sapore però era meraviglioso, complice soprattutto il frosting al philadelphia che è sicuramente il mio preferito in assoluto.


Ho trovato su internet diverse ricette per realizzarli, ma alla fine ho scelto quella in cui la quantità di burro mi sembrava più ragionevole. Si tratta della ricetta originale della pasticceria londinese Hummingbird bakery

Ingredienti per 12 cupcakes:
60 g di burro a temperatura ambiente
1 uovo
150 g di zucchero
2 cucchiaini di cacao in polvere
colorante rosso (la quantità dipenderà dal tipo di colorante)
mezzo cucchiaino di estratto di vaniglia
120 g di latticello (oppure 120 g di latte a cui vengono aggiunti 15 g di succo di limone e lasciato riposare per almeno 10 minuti)
150 g di farina
mezzo cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di lievito in polvere
mezzo cucchiaino di sale
1 e mezzo cucchiaino di aceto di vino bianco

Per il frosting:
150 g di zucchero a velo
25 g di burro
100 g di philadelphia classico

Per prima cosa bisogna montare con cura il burro insieme allo zucchero, aggiungendo poi l'uovo. Aggiungere quindi il cacao e l'essenza di vaniglia. Mescolare e aggiungere lentamente alternandoli il latticello da una parte e la farina con il lievito dall'altra. Aggiungere quindi il colorante rosso.
In una tazzina unire il sale, il bicarbonato e l'aceto, mescolandoli tra loro. Infine unire il composto all'impasto.
Riempire lo stampo e infornare per circa 20 minuti a 180° in forno preriscaldato.

Una volta cotti, tirateli fuori dal forno e lasciateli raffreddare. Solo quando saranno freddi, con un coltello affilato tagliate la cupoletta che si sarà formata: il frosting avrà bisogno di una superfice piuttosto piatta per aderire al meglio.


Per preparare il frosting, iniziate a unire il burro con lo zucchero a velo, unendo quindi il philadelphia e continuando a montare finchè non avrete una crema liscia. Una volta pronto, con l'aiuto di una sac a poche, guarnire i cupcakes. Per decorare, prendete le cupolette che avete tagliato via in precedenza e sbriciolatele sopra. Prima di servite, fate riposare almeno un'oretta in frigo, in modo che il frosting diventi denso.

E' un dolce semplice da realizzare, ma molto d'effetto. Il sapore, nonostante il philadelphia possa far storcere il naso, è semplicemente sublime.

Al solito, se li provate, fatemi sapere come è andata!

8 commenti :

  1. La adoro! E' un impasto decisamente scenografico ed è stupendo quando si lavora con le decorazioni bianche! Io ho provato con il colorante in gel ed è venuta un po' più rossa della tua, ma sempre troppo poco colorata :( Forse con le polveri andrebbe meglio..
    Non c'entra nulla, ma consiglio di non tentare a farla viola :D quando ci ho provato è uscito un violetto mortifero orrido.

    RispondiElimina
  2. Bellissimi i cupcakes, complimenti! Questo è uno dei miei dolci più acclamati, e dopo averlo fatto diverse volte mi sono arresa all'evidenza che per ottenere quel colore "diabolico" ci vogliono coloranti alimentari molto più strong di quelli che si trovano normalmente al supermercato...non ne sono ancora venuta a capo!Io uso la ricetta di Joy of baking, mio assoluto punto di riferimento per i dolci americani, ma non mi pare si discosti moltissimo dalla tua in effetti. I cupcakes sono forse ancora più simpatici della torta che, personalmente, trovo sempre un po' pesante soprattutto per un dopocena!

    RispondiElimina
  3. Che carini!!!
    Non ho mai provato la red velvet (in generale con mi cimento con i dolci perché ho un brutto rapporto con il forno), ma tutte le volte che sotto gli occhi una foto, ho già l'acquolina in bocca.
    Credo che sia soprattutto per il colore che la rende affascinante ^-^
    xoxo

    RispondiElimina
  4. L'aspetto è delizioso. Mi piace molto il tuo modo di decorare i dolci. Non è solo rappresentativo, ma una vera e propria istigazione a farne razzia.

    RispondiElimina
  5. La prima volta che ho visto una red velvet in tv me ne sono innamorata per la "scenograficità" però poi son rimasta delusa quando ho scoperto che il rosso è solo colorante...pensavo fosse rossa perchè sapeva di qualcosa in particolare :/

    RispondiElimina
  6. Mi è sempre piaciuta come torta per l'aspetto (sorvolando sui chili di colorante, anche se suppongo che usando quelli professionali ne serva in realtà poco), però non amando il philadelphia nei dolci non l'ho mai preparata.
    I tuoi muffin sono carinissimi comunque!

    RispondiElimina
  7. fatta la red velvet qualche volta....e provato anche il colorante in polvere che va decisamente meglio!
    adoro il frosting al philadelphia (anche nella versione con ricotta e panna)..ci farei un tuffo dentro. XD

    RispondiElimina