05 agosto 2013

A koala in the kitchen: la focaccia

Se qualcuno mi chiedesse il mio alimento preferito in assoluto penso che non avrei molti dubbi: la focaccia ligure. Quella classica, senza nulla tranne chili e chili d'olio.
Purtroppo esiste solo un modo per mangiare quella veramente buona: andare in Liguria, godersi una delle terre più belle che ci sono in Italia e mangiarne a quintalate approfittando della buona sorte. Io faccio così ogni volta. Poi rotolo verso il Piemonte.
Però si può saziare la voglia provando a prepararla in casa. Nulla è più rilassante dell'impastare lievitati colmi d'olio.


Ingredienti:
350 grammi di farina 0
250 ml di acqua (tiepida)
12 grammi di lievito di birra fresco (in panetto)
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaio di sale
3 cucchiai di olio evo (+ 2/3 da usare nella preparazione e lievitazione)

Tempi di lievitazione 1 ora + 30 minuti


Per prima cosa intiepidire l'acqua e al suo interno sciogliere il lievito di birra e il miele. Perchè mettere il miele? Non perchè vogliamo un'impasto dolce (troppo poca la quantità per renderlo dolce, non temete), ma per "nutrire" il lievito e quindi rendere la lievitazione più efficace. Ottimo il malto, va bene anche dello zucchero in uguali quantità.
Unire il composto alla farina messa a fontana e iniziare a impastare. Una volta creato un impasto piuttosto liscio, aggiungere il sale (che va sempre messo separato dal lievito, quindi sempre in due fasi, prima lievito, poi sale) e i 3 cucchiai di olio evo. Continuare a impastare e aggiungere eventuale farina finchè non si avrà un impasto liscio e non troppo appiccicoso. Più impastate, più l'impasto ne trarrà beneficio, quindi spendeteci un po' di tempo.

A questo punto prendete una teglia da forno (quella su cui cucinerete la focaccia) e versate due cucchiai di olio evo al centro spargendolo un poco (ma non da ungere completamente tutta la terrina). Sopra l'olio, posare l'impasto e mettere il tutto a lievitare per 1 ora. Un buon trucco per avere una lievitazione ottimale è inserire la teglia in forno con SOLO la luce accesa (a 30° circa quindi).
Passata l'ora, l'impasto sarà lievitato e incredibilmente morbido e leggero. Iniziate a stenderlo nella teglia aiutandovi con l'olio già presente (se vi sembra che ce ne sia poco sotto l'impasto e avete paura possa attaccarsi alla teglia durante la cottura, aggiungetene un poco). Una volta steso, aggiungere altri due cucchiai di olio e del sale (fino o grosso a seconda della preferenza) sopra l'impasto. Mettere nuovamente a lievitare per 30 minuti.


Trascorsi i 30 minuti, prendete la focaccia e con le dita create le classiche fossette premendo in diversi punti dell'impasto lievitato. Non dovete essere precise, ovviamente.
A questo punto in forno a 180°-200° (a seconda del forno) per 15-20 minuti. La cottura dipende molto da come la preferite, se più o meno dorata. Il mio consiglio è di monitorare la cottura passo per passo.

Se volete essere delle vere professioniste, quando farete finalmente riscaldare il forno a 180° per preparalo alla cottura, inserite nel ripiano più basso un recipiente (che possa andare in forno!) con dell'acqua. Lasciatelo fino ai primi 10 minuti di cottura della focaccia, poi toglietelo facendo attenzione. L'umidità che l'acqua andrà a creare nel forno, farà in modo che la focaccia risulti più soffice. 

Una volta sfornata, toglietela subito dalla teglia e poggiatela su una griglia a raffreddare, in modo che rimanga croccante all'esterno.

Et voilà.

14 commenti :

  1. Io sono fortunata, abito a Genova. Detto questo, la tua ricetta mi sembra davvero buona, credo che la proverò ;)

    RispondiElimina
  2. appena rinfresca la provo!!! con te è difficilissimo perchè nel trucco sei più brava di Clio ( si lo so non ce ne vuol troppa :D) ma anche ai fornelli spacchi!!! brava!!!! io sono golossissina di tutto cioò che è farinoso pizzoso panoso.... sto già stampando la tua ricetta :P

    RispondiElimina
  3. Sono stata in Liguria tanti anni fa e non assaggiai la focaccia, ancora mi do le bacchettate sulle dita :D

    RispondiElimina
  4. Anche a me piace molto la focaccia Ligure, anche se devo ammettere che prediligo di più la mia Schiacciata toscana, anch'essa ben munita di olio e di sale che con una fettina di mortadella è la morte sua... Ok, sono le 12.00 e ho già fame XD
    Mi segno la ricetta della focaccia ligure ;)
    Baciii

    RispondiElimina
  5. Buona la focaccia!!! Purtroppo l'unico modo per fare una focaccia veramente buona è quello di utilizzare tantissimo olio!!! :(

    RispondiElimina
  6. Anch'io sono estremamente golosa di focaccia!
    La tua ricetta mi sembra davvero valida :)

    RispondiElimina
  7. Io sono Ligure e amo la focaccia! Sarà che per me è sempre stata onnipresente e "naturale" averla in casa, non mi sembra possibile che manchi in qualche zona d'Italia!

    Ti consiglio di dare un'occhiata anche agli sgabei, se non li conosci! Insieme alle tigelle, qui molti ristoranti ci fanno le cene con vassoi di salumi e formaggi per farcirle. Della serie "All you can eat" :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma in Piemonte non manca. In panetteria si trova facilmente anche qui, a volte anche molto buona. Tuttavia sono una fan del "fai da me" XD

      Elimina
    2. fai bene allora ^^
      ti consiglio di cimentarti anche negli sgabei e nelle tigelle comunque ^^ che vanno fatti "fai da te" e si fa abbastanza presto

      Elimina
  8. questa ricetta non la provo perché sono ligure e per fortuna mi basta andare in panetteria per mangiarne una buona; ti consiglio di assaggiarla anche calda appena sfornata, che è sicuramente la sua morte :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mangio quasi sempre la focaccia ancora calda appena sfornata XD

      (come dicevo sopra, anche qui si trova in panetteria e anche qui si trova buona... non è la ligure in tutto e per tutto, ma è focaccia XD)

      Elimina
  9. Mai stata in Liguria, ahimè!
    Comunque adoro la focaccia di qualsiasi tipo, la preferisco calda e con tanto olio, sale e rosmarino, sono sicura che adorerei quella ligure!

    RispondiElimina
  10. io sono oltrepadana nata al confine con il Piemonte, dove fanno la focaccia dolce (specialità dell'alessandrino), emigrata in Liguria, quindi di focaccia me ne intendo :D
    io consiglio di fare la "salamoia", ovvero mischiare l'olio con l'acqua e con questa emulsione bagnare la focaccia e cospargere di sale.
    Prova anche la versione dolce, è favolosa.

    RispondiElimina
  11. La focaccia <3 hai ragione, quelle straunte sono le migliori. Io amo quando sono d'estate dai nonni e tutte le mattine mi fanno trovare un bel pezzettone di focaccia *.* sbav!

    RispondiElimina