03 ottobre 2013

Gluttony is an emotional escape, a sign something is eating us.

Sulla Gola poi avrei veramente poco da dire. Di solito, con questo peccato, si intende il consumo smodato di cibo e bevande fino allo spreco e all'esagerazione. Difficile non vederci, metaforicamente parlando, il male del consumismo. D'altronde, negli ultimi secoli, il concetto di beni di prima necessità è notevolmente mutato.

Non intendo fare filippiche, anche se trovo che la Gola sia eccessivamente presente nei blog che trattano di beauty e makeup (e non solo). Ma si entra in discorsi complessi e irti: ognuno con i suoi soldi ha il diritto di fare ciò che vuole e chi siamo noi per giudicare?


Sono certa che molti non capiranno la connessione tra questo trucco e questo peccato. Anche per me all'inizio non è stata subito chiara, soprattutto perchè c'era qualcosa di fastidioso in questo abbinamento di colori che mi disturbava. Poi, a posteriori, ho pensato che la chiave fosse proprio quella. Il senso di fastidio, di disturbo. Di troppo.
Spesso si tende ad accoppiare la Gola a colori caramellosi o peggio cioccolatosi. Ma la Gola non è mangiare due quadratini di cioccolato la sera. La Gola è - letteralmente - strafogarsi fino alla nausea. Fino al fastidio, fino all'eccesso. Parte, sicuramente, come qualcosa di piacevole, ma si conclude in maniera negativa.

Io non ho mai avuto un rapporto semplice con il cibo e tutt'ora ho qualche lievissimo disturbo alimentare (cosa, temo, piuttosto comune). Amo molto cucinare, e penso si possa dedurre dalle ricette che posto, ma allo stesso tempo devo convivere con un metabolismo particolarmente crudele che devo tenere a bada con rigoroso metodo. Dico "devo" perchè lo voglio io. Perchè mangiare fino a cuor contento (ma resto del corpo decisamente meno), anche quando allettante, mi fa stare male, prima di tutto a livello psicologico. Mi dà un senso di caos, di disordine che mi infastidisce nel profondo. Preferisco mangiare con moderazione, anche quando sarei portata a finire l'intera tavoletta di cioccolato.

Credo che questa sia un po' la spiegazione dietro al mio look. Che per molti probabilmetne continuerà ad essere oscura, ma che per me acquista sempre più senso ogni momento che passa.





L'ispirazione estetica era - e qui rideremo tutti - il '700 francese. Alla Marie Antoinette, per spiegarci meglio. Perchè per me è il simbolo stesso della Gola. Questa scena del film della Coppola ne è un meraviglioso riassunto. 
Sono partita osservando le foto promozionali di una vecchia collezione Lime Crime ispirata proprio a questo personaggio storico. Ovviamente poi quando ho iniziato, le cose si sono evolute in modo diverso...
Diciamo che l'ispirazione di base rimane nella scelta di non definire l'occhio - mascara a parte - e nelle guance volutamente esagerate. Fa un po' clown, ma non credo ci stia male vista l'idea di partenza.
Non ho usato colori pastello, volutamente, perchè volevo proprio dare una idea di eccentrico, non di dolce e quindi vagamente piacevole.

Al solito, spero vi piaccia e attendo i vostri feedback.



Face:
Bourjois Healthy Mix Serum Foundation 52 Vanilla
Kiko Full conver Concealer 2
 Mineralize Skinfinish Natural MAC in Medium
Blush Sleek "Snapshot" eyeshadow in "Magenta madness"
Contouring Sleek "Snapshot" eyeshadow in "Purple haze"
Eyes:
MAC Paint Pot "Soft Ochre"
Sleek Palette "Snapshot" e "Ultra mattes V1 Brights"
Bourjois Mascara Volumizer
MAC eyebrow pencil "Lingering"
Lips: 
NYX Soft Matte Lip Cream "Monte Carlo"

35 commenti :

  1. credo sia perfetto per questo "peccato", il make up occhi mi piace, ma nell'insieme mi crea quella sorta di fastidio che citi, più lo guardo e più me ne convinco. Non è facile rappresentare una cosa simile, penso che tu sia stata bravissima!

    RispondiElimina
  2. Mi ritrovo in tutto ciò che hai detto, il tuo modo di definire il peccato è, giustamente, non la moderata fettina di torta dopo pasto che ci si concede, ma l'eccesso!! Anchio associo mentalmente la gola a Marie Antoinette, pur non essendo un'amante di Kristen Dunst lei ha calzato il ruolo perfettamente e mi è rimasta impressa! Questo makeup, assieme a quello della lussuria sono i miei preferiti della serie (almeno finora!) :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quel film è veramente meraviglioso *_*

      grazie!

      Elimina
  3. L'altro trucco lo preferivo ma dopo aver letto la spiegazione credo che questo sia assolutamente più in linea, mi piace molto la tua interpretazione *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. devo ancora capire cosa fare dell'altro... XD

      Elimina
  4. Io lo trovo molto azzeccato e coerente con la tua (e la mia) idea di gola.

    RispondiElimina
  5. Lo trovo bellissimo, adatto ma non mi causa fastidio... Sarà perché la gola è il peccato a cui rischio di cedere più spesso?

    RispondiElimina
  6. Quando ho visto la foto ho pensato: "questo trucco è crudele"
    Non perchè sia brutto, anzi, ma perchè conferisce un'aria ingannevole al viso. Un misto di colori con un'impronta di cupezza.
    Mi è piaciuta molto la tua interpretazione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sembra un trucco da clown triste... non so perchè...

      Elimina
    2. Può essere che la tua sensazione derivi da un rapporto conflittuale con questo peccato. La gola è un simbolo molto forte nell'immaginario femminile e la difficoltà nell'interpretarlo sta forse nel fatto che in questo modo va mostrato, conferendogli però il proprio volto.
      Non dev'essere semplice. Almeno per me non lo sarebbe.

      Elimina
  7. Interessante interpretazione, il senso di fastidio lo percepisco, credo che tutto il trucco sia estremo, nel senso buono dico, volevi dare l'idea dell'eccesso che porta a una sensazione di disturbo e credo che tu l'abbia centrata in pieno. Ben fatto direi :)
    Baciii

    RispondiElimina
  8. interpretazione FANTASTICA! :)) istintivamente mi aveva subito reso l'idea, ancor prima di capirne il perchè o di leggerne la spiegazione!

    RispondiElimina
  9. scopro solo ora il tuo blog... ossignore... FAVOLOSO!!!!

    RispondiElimina
  10. Sono davvero contenta che tu abbia scelto questo trucco! E' perfetto per la Gola e la spiegazione che hai dato si sposa benissimo... Complimenti! :)

    RispondiElimina
  11. Mi sono rivista in te quando hai detto che ami cucinare ma devi tenere a bada il tuo metabolismo! Ottima interpretazione anche se non mi ha fatto percepire il senso di fastidio, sarà che io amo i colori e sperimentare con loro :)

    RispondiElimina
  12. mi piace tantissimo questo trucco,perfetta interpretazione di questo peccato!Inoltre,condivido la tua moderazione,anche io faccio così,nonostante un'innata golosità che spesso e volentieri mi fa cedere qui e là,ma mai fino ad arrivare all'esagerazione ;)

    RispondiElimina
  13. il trucco occhi mi fa impazzire ma il modo in cui hai applicato il blush è perfetto!
    brava Takiko! :D

    RispondiElimina
  14. io mi sono innamorata subito di questo look,quando hai postato la foto su facebook l'ho salvata direttamente sul pc <3 (tranquilla,non la vedrai comparire magicamente in giro,specie senza il tuo permesso).

    RispondiElimina
  15. Direi che hai reso molto bene la scena a cui ti sei ispirata e che quest'ultima calzi a pennello con il tema trattato.Brava, mi piace molto!Sia la forma, che i colori scelti, che il pensiero che c'è dietro.E' bello vedere dei trucchi intelligenti e ragionati piuttosto che le solite cose :) Ci riporta a quella che è una componente fondamentale del makeup: l'arte.

    RispondiElimina
  16. Sei riuscita ad esprimere in make up tutti i concetti che hai elencato... semplicemente perfetto per la gola!

    RispondiElimina
  17. Sì, ce lo vedo davvero tanto con la gola, in particolare le guance sono azzeccatissime... e ritengo molto saggio da parte tua non infognarti in discorsi troppo "moralisti" sulla gola

    RispondiElimina
  18. Sei stata geniale! Non ho mai visto quel film, ho guardato il video del link e caspita se rende l'idea!
    Veramente brava e non banale, applausi!!!

    RispondiElimina
  19. Trovo sia davvero azzeccato per questo vizio! Bravissima *-*

    RispondiElimina
  20. Molto bello anche questo e mi trovo d'accordo con le tue riflessioni in merito.

    RispondiElimina