18 ottobre 2013

It's a MAC MAC world: tops & flops

Vi avevo già scritto un post con alcune considerazioni su cosa reputo interessante e cosa no in casa MAC. Potete trovare l'intro qui, la parte dedicata alla base qui, la parte dedicata agli occhi qui e la parte dedicata ai rossetti qui.
Tuttavia, dopo aver letto questo articolo di Lidalgirl sui top/flop in casa MAC ho pensato che un "riassunto" del genere potrebbe essere persino più utile e sintetico. Partiamo.

  
3 Flops
Fondotinta (in particolare F&B e Studio fix fluid)
Mi rivolgo a questi due perché sono gli unici che ho provato e nonostante dovrebbero essere diametralmente opposti (molto coprente il primo e leggero il secondo), li ho trovati pesanti, importabili, fastidiosi allo stesso modo. Siamo ad anni luce dalle formule leggere ma comunque coprenti di marche economiche come (marca random da me sperimentata a lungo e largo) la Bourjois o di marche più blasonate (Chanel, Dior...).
Credo che il loro pubblico non sia tanto la persona singola, quanto il mua che fa servizi fotografici o passerelle ecc, perché la loro resa in foto è molto buona. Ma appunto, non è roba da vita quotidiana.

La maggior parte degli ombretti MAC (finish matte, Satin e Frost)
No, questi ombretti non valgono quanto li pagate. I colori sono spesso belli, vivi e interessanti, ma la pigmentazione lascia a desiderare. Tanto. Dire che sono "modulabili" è una presa in giro, perché onestamente la prima passata spesso e volentieri è un leggero velo di colore, niente altro. Modulabili sì, dopo dieci passate. Mi fa sorridere che ci sia chi li difende accusando poi dello stesso peccato ombretti ben più economici. Sul mercato esiste molto meglio a molto meno.

Fluidline Waveline
Come mi piange il cuore metterlo qui. Ma non voglio essere onesta con voi e non cadere nel "ci ho speso tanto quindi devo trovare qualcosa di buono per salvare la faccia soprattutto con me stessa". Questa formula fa veramente pena: passi il colore, scrive poco, ripassi il colore, porti via quello steso prima. Creare una linea piena di colore è difficile, e bisogna ricorrere a trucchi come tamponare pian piano il prodotto per renderlo bello vivo. Da un prodotto che costa 18 euro (ai tempi, ora forse di più), mi aspetto molto di più. Molto di più. I lati positivi stanno tutti nel colore e nella resa finale dopo la vostra epica battaglia nell'applicazione. E' bellissimo e - sì, sono masochista - lo ricomprerei. Però appunto, non vale i soldi che lo pagate e andrebbe riformulato seriamente.
 

3 "Si poteva fare meglio"
Blush (in particolare Desert rose e Harmony).
Che io sia chiara e limpida: io adoro questi due prodotti. Li amo profondamente e li uso con grande amore. Però c'è un però. Harmony mi è stato regalato, Desert rose decisi di comprarlo in un momento di delusione cosmica e follia indicibile, pagandolo 20 euro (non cialda) in un duty free. In Italia penso che arrivino a costare 24 euro. Bellissimi colori, ottima pigmentazione, si sfumano meravigliosamente... Ma 24 euro è onestamente troppo. Soprattutto dato che sul mercato ci sono marche che producono blush altrettanto buoni a molto meno (Kiko, Sleek, Bourjois...). In questo caso quindi, più che "si poteva fare meglio nella formula", che di per sè è ottima, si poteva fare di meglio dandogli un prezzo più onesto (15 euro circa).
Piccolo lamento personale: per essere MAC e non Kiko, la gamma dei colori è un po' triste. Ci sono troppi rosini naturali (uno mi è stato pure proposto, con tanto di pernacchia metaforica come risposta da parte mia). Ci vorrebbero più colori interessanti: rossi, magenta, fucsia... Insomma, se vuoi essere una marchio professionale e farti pagare come tale, devi esserlo fino in fondo.

Pigmenti (vari e vasti)
E' un po' lo stesso discorso che si può fare per i blush. Belli, scriventi, facili di lavorare (tranne qualche caso particolare), ma incredibilmente costosi e poco convenienti. E' vero che per ** euro vi prendete una boccia che dura una vita: ma ne prendente pur sempre una sola e che mi risulti abbiamo tutte solo due occhi. A meno che l'acquirente non sia un professionista del settore e allora il discorso è completamente diverso. Considerato che tra loro e dei buoni ombretti minerali non ci sono enormi differenze (forse il minerale è leggermente meno intenso, ma non sempre, dipende molto da chi lo produce) se non nel prezzo (dove le differenze diventano oceaniche), mi chiedo quale sia il loro senso...
Ogni tanto bisognerebbe ricordare a MAC che siamo noi povere criste che li facciamo andare avanti, e non solo le mua.

Paint pot
Ombretti cremosi, da utilizzare da soli o come basi. Su di me si comportano egregiamente: reggono bene da sole, ottime basi. La texture è divina e batte senza problemi quella di basi come la Eden della Urban Decay o simili. Ma c'è un ma. A parte che non a tutti pare durino bene senza un ulteriore primer sotto (un po' triste), trovo che il range di colori sia piuttosto triste. A livello di tonalità proposte sembra che si pongano come delle basi per ombretto o basi in generali (colori neutri, spesso matte), ma poi non hanno creato una formula che regga bene ad almeno un 80% delle palpebre in circolazione. Male male. Anche gli ultimi colori proposti non brillano per originalità (tranne qualche esemplare). Inserire qualche colore più "vibrante" non ucciderebbe nessuno, a mio parere.


3 Top 
Rossetti (Satin, Amplified, Cremesheen, Matte) 
Chi segue questo blog sa del mio amore per questi rossetti. Sono belli, pigmentati, in media resistono molto (ci sono ovviamente eccezioni) e hanno una bella resa. In generale, sono un buon acquisto sempre. A differenza della categoria precedente, in questo caso il loro prezzo è abbastanza onesto per quello che viene dato, soprattutto guardandosi attorno nel range di altre marche. Spero però che non vengano eccessivamente aumentati (cosa che MAC sembra fare con grande ardore ogni tot), perchè oltre una certa cifra credo che dovrei rivalutare questo mio giudizio.
Lamento personale: alcuni finish sono eccessivamente dedicati ad alcune tonalità di colore, dimenticando tutto il resto (troppi rossi e troppi nude tra i matte per dirne una). Più varietà non guasterebbe.

Fluidline in Blacktrack
Non so bene come descriverlo perché è di fatto perfetto. Ha la consistenza giusta, si applica con facilità, dura tanto e bene, scrive con pochissimo sforzo. Se proprio devo trovargli un difetto, lo avrei voluto più nero. Mentre, probabilmente a causa del finish opaco, tende ad assestarsi su un grigio antracite scurissimo, quasi nero.

Kajal Feline
Come per il Blacktrack è difficile descrivere la perfezione. In questo caso, persino il colore è perfetto: nero, nerissimo. E' un kajal, con tutti i pregi del caso: morbida, si sfuma in maniera adorabile, crea smokey meravigliosi, scrive bene nella rima interna. Ma dalla sua ha anche una grande durata, soprattutto nella rima interna. Si consuma molto lentamente e questo va a vantaggio del prezzo non proprio economico. La mia Feline ha un anno e non è nemmeno arrivata a metà nonostante venga usata con costanza.

20 commenti :

  1. uff, mia fu l'idea ma lo state pubblicando tutte prima di me. Poi mi dicono che non dovrei essere incazzata, noooooooo XD

    sfoghi personali a parte: blush rossi magenta e fucsia MAC ne ha in linea permanente. Alcuni non sono neanche pro... tipo Frankly Scarlet (rosso, fighissimo).
    C'è Azalea (che voglio tantissimo), c'è Salsa rose, Rubharb di cui sicuro ho sbagliato lo spelling (e mi pesa il culo controllarlo)... li fa eccome.
    C'è qualche mineralize pure in quelle tonalità, ma in quel campo non riesco a fare nomi perché sono io meno ferrata.

    imho il senso dei prodotti grossi sta proprio nei mua (MAC fa sfilate, film, tv... sai che non lo so fino a che punto siamo noi che li facciamo andare avanti? specie con la permanente, molta gente che leggo/conosco campa di limited edition, tristemente), io concordo che mi piacerebbe vedere anche mini taglie per i comuni mortali o anche per i mua che vorrebbero il colore X ma sanno che non gliene serve il quantitativo grosso.
    Alla fine hanno fatto alcuni prodotti in travel size, potrebbero fare anche i pigmenti.
    Invece sono critica sulla formula perché ne esistono almeno 4 a mia memoria e non sono tutte valide... quando sento: "oh i pigmenti MAC sono tutti buoni" non riesco a fare a meno di pensare che chi lo dica abbia beccato solo una formula o solo determinati prodotti... (e lo invidio XD)

    i Paint pots esistevano colorati fino a qualche anno fa... ma ho la sensazione che non vendessero tanto, e lo dico perché li hanno levati di mezzo e anche perché l'ultima collezione dove c'era roba *seriamente* colorata (blu, viola, giallo, verde... erano BELLI) è del 2011... D:

    quoto la cosa dei rossetti con ardore. non solo per i Matte (anche coi retro matte ancora non ci siamo), ma per esempio anche i Cremesheen non li trovo così vari...

    su di me il Blacktrack è nero nero ç_ç
    credo che il chromaline nero sia più nero ancora comunque...

    Feline <33333333

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, c'è un blush rosso, uno viola, uno rosa barbie... su decine di blush stile Harmony e Blushbaby e simili... Ehm. Fatico a riconoscerli a volte. Basta dare una occhiata generica ai tester dei blush per capire di cosa parlo U_U

      Elimina
    2. Rispondo qui perchè mi interessa anche la risposta di Misato :)

      di Blush MAC ne fa uscire ad ogni nuova collezione... e come è vero che anche i colori permanenti variano, anche in LE ci sono spesso pezzi interessanti (tipo i blush in crema della shop shop).
      I blush MAC che ho io mi soddisfano tutti :) il F&B mi piace, ma il fix fluid non lo reggo, troppo pesante hai ragione.

      Per gli ombretti, sono d'accordo in parte perchè è vero che alcuni scrivono poco (Trax, ad esempio), però dire "la maggior parte" mi sembra un po' fare di tutta l'erba un fascio. Conviene swatcharli prima, IMHO (sono una che di ombretti MAC ne ha pochi pochi eh, ma i pochi che ho mi soddisfano, sarò stata fortunata).

      Per i paint pots concordo con Misato: purtroppo hanno fatto fuori tanti colori interessanti...

      Per i rossetti non posso che condividere tutto :)

      Elimina
    3. ti rispondo visto che mi citi...personalmente parlando penso solo alla permanente (anche il mio post è stato impostato in quel modo, non so se lo leggerete mai ma per me il gran vizio dell'italiana media che segue MAC è di dimenticarsi che esiste la permanente), comunque non concordo con Ale perché non c'è solo un rosso etc etc... tra l'altro non ho citato esempi dalla Prolongwear, ora che ci penso XD
      anche io mi ci trovo splendidamente comunque, se avessi conosciuto prima MAC ne avrei di più.

      pure io ho quasi solo ombretti che adoro!
      Penso a Cranberry, Steamy... o a Prussian, nessuno li definirebbe costruibili, scrivono da dio. Moon's Reflection, Tilt... sono a livello degli Inglot che ho nella Z palette.
      (ma anche Parfait amour, c'è tanta gente che lo critica e non ho ancora capito perché XD)

      Elimina
  2. Di Mac ho provato con piacere i rossetti. Invece i fondi non mi hanno mai attirata, li ho sempre sentiti soffocanti sulla pelle.
    Purtroppo io faccio parte del 20% di persone a cui non reggono i paint pot, infatti li uso sempre con un primer e così si comportano bene.
    Per i pigmenti sono d'accordo con la questione prezzo alto. Mi rendo conto che per un MUA va bene, ma per noi gente comune anche se smezzato resta comunque infinito (e caro!).
    Della Feline sento parlare molto bene, ma temo sempre che mi coli tutto a causa dei miei occhi lacrimosi. La prossima volta devo provarla, penso che temperandola non dovrei correre troppi rischi igienici......almeno lo spero....

    RispondiElimina
  3. sui top concordo in pieno! Ho appena terminato il fluidline ed ero indecisa se riprenderlo per la terza volta oppure provare quello di Inglot. Anche la Feline è quasi al termine, sigh. Anche io ho trovato i fondi un po' troppo pesanti rispetto a tante altre marche, se hai tante imperfezioni possono anche andar bene, ma sulla pelle si sentono eccome! Sugli ombretti non sono pienamente d'accordo perché dipende molto dal colore. Ho parecchi refill (ovviamente parlo degli ombretti normali e non i mineralize) e alcuni colori sono ben pigmentati (comunque mai come gli Inglot che adoro), altri molto meno...in ogni caso come ombretti preferisco Inglot *__*

    RispondiElimina
  4. La Feline prima o poi la compro, ma uso poco la matita nera quindi forse sarebbero un po' soldi sprecati. :/
    I rossetti li adoro, come te, e forse sono l'unica cosa per me per cui vale la pena spendere di questa marca *_*...
    Ombretti ne ho solo uno e per ora è un nì, perchè ho avuto la tua stessa sensazione: poca pigmentazione! E non lo accetto da un brand così.

    RispondiElimina
  5. Utilissimo questo recap!

    Io ad esempio con lo Studio fix fluid mi trovo bene, non lo sento pesante sulla pelle, deriverà dal fatto che ho la pelle grassa? Non lo so, però la resa mi piace tantissimo.

    RispondiElimina
  6. Mi piace seguire il tuo blog e i post che pubblichi sono sempre pieni di spunti interessanti. Io ho scoperto la MAC piuttosto recentemente, nel senso che non ho uno store vicino a casa mia e comprare online, nonostane gli swatches fedelissimi di Temptalia, non mi sembrava la scelta ideale.
    Diffido delle persone che acquistano TUTTO di questo brand giustificandosi: "Ma è MAC! Deve essere per forza fantasmagorico!". Un cavolo, dico io.
    In genere i fondi non mi piacciono, effetto Leatherface assicurato. Preferisco l'HD della Make Up Forever, per dire.
    Concordo alla grande su ciò che hai detto riguardo agli ombretti... credo sia stata una delle delusioni più grandi della mia vita, al pari di quando da bambina scoprii che la storia di Babbo Natale e Santa Lucia era tutta una farsa. I colori son belli, particolarissimi, niente da dire. Ma punto. Scrivono poco e male, il fall out è sempre dietro l'angolo... per la metà posso comprarmi le meravigliose cialde Inglot, scriventissime e altrettanto variegate in termini di finish e tonalità. Se ti capita, butta un occhio anche ai blush Inglot, io li trovo superlativi: sono molto scriventi e i colori sono molto particolari.
    Sui rossetti non posso che concordare con te. Li adoro, sono perfetti... e amo i nomi che portano *_* sarò pazza ma quando so di avere addosso un colore che si chiama Lady Danger mi sento molto più faaaiga!


    Scusa per i blateramenti, spero di non essere stata troppo prolissa.
    Alessia

    RispondiElimina
  7. Ottima idea realizzare questo post, semplice e dritto al punto! Anche io penso che i pigmenti abbiano un costo spropositato e come hai detto tu se ne trovano a meno, secondo me dovrebbero fare delle versioni "mini" per chi non li utilizza per lavoro.

    RispondiElimina
  8. Ciao! forse non campano di noi, ma io ho una spesa annua da mac (permanente) abbastanza cospicua ;) dai miei post forse hai dedotto che con i loro ombretti mi sono trovata quasi sempre benissimo. i veluxe pearl li trovo splendidi. i mat non mi fanno impazzire. i duo chrome mi piacciono molto. i rossetti li amo. ho solo un blush non potrei fare una recensione completa.
    sono contenta soprattutto di aver letto un tuo nuovo post. <3

    RispondiElimina
  9. Io devo ancora capire se mi piace blacktrack, l'ho usato anche ieri per fare un trucco ma ...meeeh, è strano.
    Su rossetti e ombretti otto polliciotti in su *_* sullo studio fix fluid poi non ne parliamo, chiedo in prestito pollici a tutte le tue followers :3

    RispondiElimina
  10. Molto utile e ben fatto questo post! Per quella che è stata finora la mia esperienza con i prodotti MAC devo assolutamente concordare con te su tutta la linea! =)

    RispondiElimina
  11. Post molto utile per chi come me non possiede ancora nulla di questa marca :)

    RispondiElimina
  12. Ciao! Io una decina d'anni fa, in piena febbre da pigmenti MAC, mi ero organizzata così con le amiche: andavamo in negozio, sceglievamo un pigmento a testa, poi smezzavamo (o dividevamo per 3 o 4, a seconda di quante eravamo) nelle jar più piccole, così avevamo la possibilità di provare un bel po' di cosucce senza svenarci :)
    Baci, buon fine settimana!

    RispondiElimina
  13. Bel post! Che peccato per Waveline, il colore è meraviglioso e avrei voluto provarlo ma non penso di avere la pazienza e la capacità per affrontarlo degnamente xD

    RispondiElimina
  14. Quando hai parlato dei blush mi è subito venuto in mente l'unico che ho avuto occasione di "conoscere" ed indossare al loro seminario di auto-trucco: mi era stato proposto di scegliere tra un rosino tranquillo e smortino (per l'appunto) e un fucsia super vivace... naturalmente ho scelto il secondo: il suo nome era whole lotta love <3... ho comprato il mio primo paint pot e devo dire che su di me nn si comporta affatto male, ho anche preso un ombretto cotto viola super sbrilluccicoso di cui però nn so ancora dire nulla :)

    RispondiElimina
  15. Onestamente, un pensierino su qualche cialda di ombretto lo farei, magari per qualche colore più blasonato.
    Il paint pot sta iniziando a sdubbiarmi: pensavo reggesse alle bombe atomiche, fa reggere ombretti pessimi... ma da solo mi ha fatto le pieghette! Le pieghette! Lui! Mi ha spezzato il cuore ç.ç

    Rossetti mac :Q_____

    RispondiElimina
  16. Quanto mi piacciono questi post!
    Mi trovi d'accordo su quasi tutto... gli ombretti MAC che ho, per la maggior parte mi piacciono. E' vero che esistono prodotti più pigmentati, però i colori sono molto particolari, la sfumabilità è molto buona... anche se ora che mi ci fai pensare, forse il prezzo è un po' altino...
    La Feline l'ho presa anch'io, per ora l'ho usata poco, quello che posso dire è che è vero che si sfuma praticamente da sola!!

    RispondiElimina
  17. Non tutti gli ombretti Mac sono ben pigmentati e alcuni sono difficilissimi da sfumare, però altri sono eccellenti. Il vero vantaggio è però che Mac ha un gamma di colori che altri brand non hanno e molti sono davvero particolari.

    RispondiElimina