28 novembre 2013

All about eyeliner

Avevo già scritto qualcosa su come applicare l'eyeliner eoni fa, ma mi sono resa conto che da allora siete aumentate (e sono certa che non tutte si siano rilette i miei post vecchi, meglio così in certi casi) e anche la mia esperienza con gli eyeliner si è ampliata.
Ho deciso quindi di riproporre una breve guida agli eyeliner con qualche breve spiegazione su come applicarli.


Inizio con una breve premessa. Per chi non lo sapesse, io sono molto miope (avevo scritto qualcosa in proposito qui), ragion per cui fare questo post non è stato semplice. Vi chiedo quindi un po' di comprensione se le foto non sono dettagliate, precise ecc... come le avreste volute. Vi invito, per maggiori informazioni a guardare questo video di Lisa Eldridge che sono certa sarà molto più utile di duecento miei post.
P.S. all'introduzione: felice di mostrare in primo piano i mie occhi marroni. Basta con questa tirannia degli occhi azzurri-verdi, il marrone vince. Punto.

TIPOLOGIE DI EYELINER
Non voglio diventare troppo dettagliata e prolissa e preferisco parlare dal punto di vista applicativo, lasciando perdere la questione delle formule. Non sarà possibile esaurire la casistica e mi concentrerò solo sulle tipologie più famose e "utili" per le principianti.


Eyeliner in gel
Sono i classici eyeliner che si trovano nelle boccette di vetro. Quando ho iniziato a truccarmi erano una sorta di novità, roba che trovavi solo all'estero o nei marchi costosi, poi si sono espansi verticalmente e orizzontalmente. I più famosi probabilmente rimangono i Fluidline di MAC, di cui il Blacktrack (nella foto) è forse l'esemplare più conosciuto, ma prodotti degni sono stati prodotti anche altrove, a meno costo (Lisa Eldridge parlava benissimo di quelli Maybelline, e se lo dice lei...).


Per essere applicati richiedono un pennello apposito e anche qui, rispetto a quando ho iniziato io, ormai si trova con facilità qualcosa di degno anche a poco prezzo. Il mio preferito, al momento, rimane lo Yellow liner della Neve cosmetics, ma grandi soddisfazioni mi sono state date anche dal pennello angolato di H&M.
Il finish, di solito, è più opaco e "denso" rispetto a quello delle altre tipologie, anche qualora siano presenti eventuali piccoli glitter. Anche la consistenza è più densa (ma pensa!) rispetto alle altre tipologie: questo può aiutare, rendendo il prodotto meno "scivoloso" e diminuendo almeno in parte la possibilità di fare danni. Allo stesso tempo, fare una linea può richiedere un po' più di fatica perché il prodotto (soprattutto quelli di qualità media) si "tira" e si stende meno facilmente rispetto al classico eyeliner liquido.

Eyliner in penna
La loro forma ricorda quella di un pennarello, con una punta di feltro sottile e spesso lunga.
Gli eyeliner in penna danno spesso l'illusione di essere più semplici da applicare rispetto alle altre tipologie per via della loro forma più familiare. Personalmente non ho mai notato una maggiore facilità di applicazione ma unicamente una maggiore praticità: una volta che ci si è fatti la mano, effettivamente l'eyeliner in penna è spesso più immediato da applicare e da portarsi in giro.


Se questo è un grosso vantaggio, il grande svantaggio riguarda la sua durata: sono prodotti che tendono a seccarsi in fretta, e spesso dopo poco tempo iniziano ad essere meno precisi, meno scriventi, fino a seccarsi del tutto e diventare inutilizzabili. Alcuni fanno durare questa parabola discendente anche un anno intero, altri nel giro di pochi mesi. Per ovviare a questo problema, alcune marche più blasonate hanno creato particolari particolari tipologie di eyeliner in penna con un erogatore che fa scendere il prodotto poco alla volta in modo che non si secchi e che quindi possa avere una vita più lunga e felice. E' una soluzione felice, il prezzo che spesso chiedono per questi prodotti (circa 30 euro) un po' meno.
Rientrano in questa tipologia in maniera un po' periferica anche quegli eyeliner che di fatto non hanno una forma a penna, ma hanno il medesimo tipo di applicatore in feltro piuttosto cicciotto e rigido, come questi eyeliner di Kiko. Le modalità e il grado di difficoltà/facilità di applicazione sono più o meno le stesse.
Il finish è di solito lucido, mentre l'intensità del nero dipende molto dalla bontà del prodotto.
Appunto finale: come si può osservare non tutti gli eyeliner in penna hanno la medesima forma. Questo può fare la grande differenza tra uno facile da usare e uno che si applica con difficoltà. Personalmente, mi sono sempre trovata meglio con quelli lunghi e piuttosto sottili.

Eyeliner con pennellino sottile
Dal punto di vista dell'applicazione sono il peggio, soprattutto per le mani non esperte. E' vero che il pennello così sottile consente di creare linee molto sottili, ma la sua flessibilità lo rende poco preciso, soprattutto se non avete la mano molto ferma: il rischio di sbavare o di fare linee tutt'altro che dritte è molto alto. Se siete delle principianti, ve li sconsiglio a priori.


E' bene sottolineare che non è la tipologia di pennello fatto in questo modo (tipo pennello da pittore) il problema, quanto la qualità media di questi applicatori già forniti con l'eyeliner. L'applicazione con un buon pennello sottile da eyeliner e un prodotto (in gel o liquido che sia) altrettanto buono garantisce linee precise come qualsiasi altro pennello angolato.

AND THE WINNER IS...
Come spesso capita, non esiste una risposta univoca alla domanda: qual è la tipologia di eyeliner più facile da applicare. Se esistesse, sarebbe un continuum tra l'eyeliner in gel e l'eyeliner in penna, e ognuna di noi si porrebbe in un punto diverso a seconda della propria mano e della propria preferenza. Parlando della mia esperienza, all'inizio ho preferito di gran lunga gli eyeliner in gel, poi con calma, mi sono riconciliata con quelli in penna. Più che dalla tipologia in sé, dipende sempre dal tipo di prodotto e, soprattutto, dal tipo di pennello. Per una principiante mi sento di consigliare o di partire con un eyeliner in gel procacciandosi un buon pennello angolato o di precisione (leggere recensioni in giro può essere un buon punto d'inizio) o un eyeliner a penna che abbia un applicatore piuttosto lungo e affusolato.
Il resto sarà questione di pazienza e pratica...

MY TWO CENTS...
Lasciando perdere l'aspetto colore (che porta ad accumulare eyeliner di diverse tipologie non mutualmente esclusivi), mi piace molto avere sia un eyeliner in penna che un eyeliner in gel, entrambi neri, sempre a disposizione. Da una parte perché amo avere la scelta tra finish lucido e opaco, e in secondo luogo perché sebbene io continui a preferire la modalità in gel con pennello angolato soprattutto quando sono a casa e ho tempo, trovo l'eyeliner in penna più pratico quando devo viaggiare o sono di fretta.

COME APPLICARE L'EYELINER
Ho deciso di mostrarvi due tecniche di applicazione, la prima con un eyeliner in gel e la seconda con un eyeliner in penna liquido.
Premetto tuttavia che non esiste un modo corretto e uno sbagliato per applicare l'eyeliner. Il risultato è ciò che conta e come lo si raggiunge ha poca importanza. Quello che intendo mostrarvi è un esempio che potrebbe facilitarvi l'applicazione, ma potrebbe anche risultare non consono alle vostre abitudini e al vostro gusto.
L'unica via per imparare a mettere l'eyeliner è fare pratica. Altre strade non esistono.
Unico suggerimento che reputo piuttosto "universale" è quello di tenere gli occhi aperti o almeno aperti a metà durate l'applicazione. E' l'unico modo per tirare linee davvero attaccate alle ciglia. Con gli occhi chiusi si rischia di lasciare uno spazio tra l'eyeliner e le ciglia superiori.
Iniziamo con l'eyeliner in gel.


Dunque, quando uso l'eyeliner in gel mi piace partire da metà. Traccio una linea molto sottile che segue da vicino le ciglia superiori fino all'angolo esterno dell'occhio (come vedete, se la linea è sottile, non serve essere stra-precise al momento). A questo punto inizio a salire come a tracciare una linea immaginaria che va dall'angolo esterno verso la tempia fermandomi a metà (1).
A questo punto torno all'angolo interno e inizio a unire le linee che ho fatto (2). Facendo in questo modo, a tratti, il rischio di tirare righe sbagliate è nettamente più basso.
Giro quindi il pennello come indicato nella foto (sembra che io stia premendo troppo il povero pennello contro il mio occhio, abbiate pazienza, è il solito effetto della miopia) e inizio a tracciare una riga dall'esterno verso l'interno, dalla codina al centro della palpebra (3).
Infine perfeziono la linea qualora necessario (4).

Secondo tipo di applicazione con l'eyeliner penna liquido.


Anche in questo caso parto dall'angolo esterno iniziando a formare la base della coda (1).
Torno nell'angolo interno e sentendomi più sicura traccio una linea continua fino alla coda esterna (2). Se non vi sentite sicuri, andate a tratti partendo dalla metà come ho fatto sopra. Questo passaggio crea solo una sorta di linea guida che verrà poi perfezionata e resa più spessa e precisa. Come vedete non è per niente perfetta in questo stadio.
Nuovamente, da metà palpebra inizio a tirare la mia codina verso la punta più esterna della coda, andando a rendere più spessa la riga (3).

Al solito spero di avere esaurito il più possibile la questione. Vi invito se avete domande a lasciarmi un commento: cercherò di rispondervi al più presto.

18 commenti :

  1. Io mi trovo per ora benissimo con quello a penna di kiko, che mi sta durando tanto e la punta non si è rovinata..non ho mai provato il gel per la paura di non trovarmi bene e sprecare soldi per un eyeliner che comprerei buono, di qualità..
    l'unica volta in cui ho usato il pennello di h&m angolato è stato usando i minerali neve e rugiada per makeup, una tragedia! Non so se è dipeso dal pennello o dal minerale, resta il fatto che con la penna mi trovo molto piu sicura!

    Il mio problema con l'eyeliner è la forma: in realtà ancora non ho capito quale sia la forma piu adatta a me e quindi parto un po' a caso, la linea che esce esce, proprio perché non so che linee seguire..tu conosci un buona guida per capire in base al tipo di occhio? Grazie!

    RispondiElimina
  2. Io ho ancora bisogno di esercitarmi molto con l'eyeliner, anche perché la forma del mio occhio non è eyeliner-friendly, se non sto attenta alla lunghezza della linea, finisco con l'avere l'occhio triste invece che l'occhio sexy.
    Con gli eyeliner in penna mi trovo davvero bene, come anche con quelli dalla punta in feltro, non amo affatto i pennellini flessibili invece, a meno che non si tratti di un eyeliner in glitter.
    Con quelli in gel o simili mi trovo e non mi trovo, il problema è conquistare la giusta manualità e come ti dici tu, ci vuole tanta pratica e tanta pazienza.
    Baciii

    RispondiElimina
  3. Io sono sfigata con gli eyeliner. L'applicazione più semplice mi è venuta con quello in gel di Essence ma era troppo molliccio e ho lasciato perdere!
    Quello col pennellino sottile peggio che andar di notte, disastri su disastri XD
    Quelli in penna li amo e li odio: sulla mano scrivono, sull'occhio no T_T... ottima guida *_*

    RispondiElimina
  4. Ho provato tutte le tipologie (gel, penna e liquido) e al momento mi trovo meglio con gli eyeliner liquidi con il pennellino sottile. Arrivare a metterlo decentemente ha richiesto tanta pratica, ma ora in cinque minuti riesco a fare entrambi gli occhi :)

    RispondiElimina
  5. Io pensavo che non sarei mai riuscita a mettere l'eyeliner. Avendo una forma incassata degli occhi, la palpebra cadente e il taglio all'ingiù, ho fatto dei macelli.
    Poi con la pratica ho capito che il problema era il contatto freddo che faceva tremare i miei occhi e non la mia mano, quindi ho optato per un eyeliner in gel (e non era facile trovarlo prima, come hai scritto). Ho inoltre capito che il pennello angolato non fa per me, preferisco quello sottile (uso il 315 Fine liner di Zoeva) e comincio sempre dalla codina.

    L'eyeliner in penna è molto comodo, sarebbe l'ideale nei viaggi, ma non ne ho ancora trovato uno buono. Si seccano in pochissimo :-/

    RispondiElimina
  6. Ottima guida, le foto sono venute bene e da miope a miope hai tutta la mia stima :).
    Io non ho ancora trovato un eyeliner in penna che sia di un nero soddisfacente, forse ho avuto sfiga e quello di essence l'ho beccato aperto... chi sa.

    RispondiElimina
  7. Ciao Takiko! Mi piacerebbe un sacco saper mettere bene l'eyeliner, ma finora i risultati meno brutti sono stati con la matita (!) o con ombretti e pennello angolato...
    Il mio problema più grosso è la codina finale......Non so mai bene quanto inclinarla....Hai trucchetti da suggerirmi?
    Ps: il mio trucco ideale (cioè quello al quale aspiro, per ora) sarebbe il classico "linea di eyeliner, mascara e rossetto rosso!
    Gio'

    RispondiElimina
  8. Essendo molto miope anche io, ti faccio mille complimenti anche per il solo fatto che riesci a metterti l'eye-liner. Io senza lenti non ci riesco: il retro del pennello tocca irrimediabilmente lo specchio stortandomi la riga!

    RispondiElimina
  9. A me piacciono molto gli eyeliner in penna per lo stesso motivo tua, sono pratici e veloci. ma anche io come te ho un eyeliner in gel sempre a portata di mano ;P
    Da gran miope posso dire una cosa? Il mio pennelo da eyeliner preferito è semplicemente quello con il manico più corto perchè così posso avvicinarmi di più allo specchio senza sbatterci u.ù Dovrebbero fare dei mini pennelli per miopi, io li comprerei subito!

    RispondiElimina
  10. non sono una grande fan dell'eyeliner in nessuna forma (se lo prendiamo alla larga solo delle matite) perchè la definizione della linea purtroppo mi sottolinea molto la diversità tra gli occhi, però trovo che comunque siano ottimi consigli anche per chi come me usa le matite occhi o gli ombretti :3

    RispondiElimina
  11. amo anch'io avere a portata di mano un eyeliner in gel e uno a penna!!
    il blacktrack non mi ha mai conquistata del tutto perchè è troppo poco nero.. ti ci trovi bene tu?
    buona giornataaaa

    RispondiElimina
  12. Non si direbbe ma l'eyeliner in gel lo applichiamo nello stesso modo :D

    RispondiElimina
  13. Per anni ne ho usato uno in gel, ma ora vorrei provarne uno in penna ^^

    RispondiElimina
  14. io mi trovo bene con gli eyeliner in penna, quando stavo in Inghilterra usavo uno della Collection 2000 che funzionava divinamente al costo di 3-4 pounds..tu quali consigli nella fascia medio-bassa? Ne ho provati alcuni di Essence ma si seccavano quasi subito, uno poi dopo qualche settimana aveva fatto una specie di muffetta...urgh.

    RispondiElimina
  15. Sei stato molto utile e leggendo il tuo post mi sono resa conto che i movimenti che faccio sono giusti e quindi a quanto pare il mio problema a questo punto è la mano tremolante:(

    RispondiElimina
  16. Io adoro gli eyeliner in gel ma, ahimé, uso davvero pochissimo l'eyeliner. Fondamentalmente perché sono una pigrona, ma poi visto che non lo metto benissimo il risultato finale non mi fa mai impazzire...

    RispondiElimina
  17. ottima guida... anche io faccio così e adoro entrambe le tipologie di eyeliner che usi tu!

    RispondiElimina
  18. grazie per la guida!! ho intrapreso da poco la strada dell'eyeliner e cavolo se è difficile metterlo se si è miopi! ho deciso di applicarmi e trovare una forma che si addica ai miei occhi.

    RispondiElimina