26 novembre 2013

My top 5 special meaning products!

Post veloce per adempiere ad uno degli ultimi #dramatag (creati dalla meravigliosa S. di Drama&Makeup), quello che ci chiede di indicare 5 prodotti che hanno per noi un significato speciale.
Selezionarne cinque non è stato semplicissimo perché molti prodotti hanno qualche significato speciale, ma a volte non sembra abbastanza, quindi da una parte sembra di averne molti e dall'altra sembra che nessuno vada bene davvero.
Noterete che molti prodotti che ho alla fine selezionato sono autoregali (che è un concetto diverso dal me lo compro e basta, un autoregalo parte proprio dall'idea di regalarsi/concedersi qualcosa), non perché io sia una persona sola senza amici o perché questi amici mi regalano trousse Pupa inguardabili, ma semplicemente perché per me l'autoregalo è sempre un po' più speciale, ho una filosofia alla Samantha Jones in questo. Quando me ne faccio uno, vuol dire che il momento era davvero speciale e da ricordare in qualche modo...


In ordine cronologico...

Kiko Colour Sphere Eyeshadow 25 
Il mio primo vero ombretto "da grande". L'ho amato profondamente: cercavo qualcosa per dare uno tocco di colore e luce agli smokey su base nera, e ai tempi funzionava bene. Il colore era e rimane stupendo. Con il tempo ne ho rivalutato un po' la qualità: fa poca presa sull'occhio, scrive bene solo da bagnato e la quantità di glitter fa un po' paura... Ma rimane un prodotto nel mio cuore.

MAC lipstick in Russian red 
Non è stato il mio primo rossetto MAC (Plum dandy), ma è stato il primo rossetto che per me e su di me ha fatto la vera differenza. Il primo rossetto che mi ha fatto dire "wow" quando mi guardavo allo specchio. E fa sorridere pensando che è nata male la nostra relazione: quando lo provai per la prima volta ero nei postumi di un brutto raffreddore (screpolata, naso rosso...) e pensai che mi stesse malissimo. Sbagliavo, ovviamente sbagliavo. Tra tutti i miei rossetti è il preferito e quello che porterei nella fantomatica isola deserta. E' il rossetto di quando mi voglio sentire speciale ecc...

Chanel Le vernis in Dragon
Volevo farmi un regalo Chanel, volevo uno smalto che fosse "il Russian red" delle unghie. Ed è tornato a casa con me, dalla Rinascente di Milano. Era un autoregalo e ho chiesto il pacchetto lo stesso, perché in teoria avrei dovuto poi aprirlo a Natale. No, ovviamente non ci sono riuscita e dopo pochi giorni lo avevo già sulle unghie. Colore bellissimo, qualità spettacolare.

MAC fluidline in Waveline
Comprato appositamente per la mia laurea specialistica. Sapevo di volere una riga di eyeliner blu navy (che sarebbe stato da dyo con il mio vestito color mare), dovevo solo trovare l'artefice di tanto bene. Alla fine ho scelto lui, perché il colore era uno spettacolo. La qualità meno, molto meno. Infatti litighiamo ogni volta che cerco di applicarlo, anche se il risultato finale è sempre da sbavarci sopra. Lo trovo di una eleganza incredibile.

MAC blush in Desert rose
Altro autoregalo in un momento di profondo stess. Penso che chiunque mi conosca avrà sentito questa storia almeno una volta ma chissene. Ero di ritorno verso l'Italia nell'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv. Ero sola, quindi non avevo nessuno su cui e con cui scaricare lo stress in modo costruttivo ovviamente. Dopo tre estenuanti ore di controlli al limite del paradossale e del paranoico ("Ha bombe con lei?" "..."), dopo aver visto i miei bagagli passare sotto una sorta di acceleratore di particelle atomico e dopo essermi beccata a sorpresa l'ennesima fila per un controllo passaporti assolutamente inutile (per arrivare lì il mio passaporto era già stato controllato almeno una decina di volte), arrivata finalmente ai gates ero a pezzi, fisicamente e moralmente. Anche perché prima di quello, avevo vissuto il viaggio il pullman tipo "viaggio della speranza" per arrivare lì con gente che non spiccicava tre parole di inglese e soldati con kalashnikov più grandi di loro.
Vedo il Duty free, avevo ancora della loro valuta del cazzem (che è brutta e degna di un quadro fauvista) e ho deciso di spendere e spandere in qualcosa. Quando ho visto lo stand MAC prima mi sembrava di aver avuto una allucinazione, poi ho capito che era la reale realtà e mi ci sono fiondata. Il tizio dello stand era deciso per farmi comprare un blush tristissimo, stra-naturale e blabla... Io mi sono incaponita per prendere Deser rose, perché nonostante la stanchezza un briciolo di buon senso ce l'avevo ancora. E così è tornato con me in Italia. Ore dopo, all'aeroporto di Instanbul lo guardavo e pensavo "avrò fatto bene o ho fatto una cazzata?". Avevo fatto bene. Il colore era splendido.
(Desert rose da Israele... che ironia).

Ecco i miei prodotti con un significato speciale o almeno un ricordo speciale dietro.
Vi lascio una breve lista degli altri #dramatag da me svolti!
My Top 5 (+1) I'm late/I can't be bothered Products! 
My Top 5 Va Va Voom! Products 
My Top 5 Special meaning products

13 commenti :

  1. Che belli!! E che belle storie ci sono dietro! Anche io condivido la teoria di Samantha, se mi voglio regalare qualosa dev'essere ben ponderato e desideratissimo e devo "guadagnarmelo", di solito con sfide con me stessa... ma qui entriamo troppo nel mio salottino dello psicanalista! ;)
    Devo riuscire a trovare 5 prodotti per questo Dramatag, è delizioso!

    RispondiElimina
  2. E' pazzesco come dietro ad ogni cosa, e non mi riferisco solo al make up, ci sia una storia, triste o divertente che sia!!!

    RispondiElimina
  3. il blush Mac è legato ad un ricordo molto intenso, deve essere stata un'esperienza davvero unica, o che comunque ha avuto bisogno di una buona dose di forza mentale.

    RispondiElimina
  4. La cosa più bella di questo post è conoscere le storie a cui ogni prodotto è legato e non posso che ringraziarti per avercele concesse :3
    Bellissimi i tuoi 5!

    RispondiElimina
  5. Russian red è davvero un rossetto speciale...anche io vorrei inserirlo in questo dramatag, ma l'ho già fatto coi prodotti Va Va Voom XD

    Questo tag è molto carino perché mette insieme delle storie interessanti ^^

    RispondiElimina
  6. ecco,Russian Red mi fa sentire esattamente così <3

    quanto amo quel rossetto..

    RispondiElimina
  7. Bellissimo lo smalto! ...E naturalmente Russian Red ;-)
    Che storia con "Deserte Rose"....!

    RispondiElimina
  8. wow! quanto è bello questo #dramatag? emergono storie bellissime, quella su desert rose sembra un film *_*
    buona giornata!!!

    RispondiElimina
  9. Mi sono letta ieri questo post tutto di un fiato e mi sono scordata di dirti quanto mi sia piaciuto! (ero fuori e da cellulare sono imbranata!) Anchio dò molta importanza agli autoregali, di solito dietro cè sempre una storia del momento, per questo spesso mi lego affettivamente agli oggetti :D

    RispondiElimina
  10. Voglio solo dirti che ti adoro. Adoro non tanto il fatto che tratti di makeup, ma il meraviglioso modo in cui scrivi, tanto da sentire la necessità,spesso, di rileggere più volte lo stesso post!

    RispondiElimina
  11. trovo stupenda l'idea dello Special Meaning riferito a un auto-regalo. E mi sento in colpa perché ormai compro la roba con una facilità che spesso il significato di auto-regalo si vanifica.
    Russian Red <3

    RispondiElimina
  12. Me lo ricordo lo chanel, quando poi la gatta ha giocato con il nastrino!!

    RispondiElimina
  13. Leggere i ricordi che i prodotti ci lasciano è davvero molto piacevole :')

    RispondiElimina