04 febbraio 2014

Guida alla matita trasparente per labbra con Ghost di Nabla

Le matite trasparenti cerose sono una tipologia di prodotto che si presta spesso a fraintendimenti sulle modalità di utilizzo e sul loro scopo. A costo di rivelare per l'ennesima volta l'acqua calda, ho deciso di scrivere un post per chiarire un po' la questione perché nella mia piccola esperienza, sono diventate in breve tempo un must have di cui davvero non posso fare a meno.

Una premessa che mi preme fare è che la fantasia su come usare i prodotti è una componente importante nel mondo del makeup: usare matite labbra sugli occhi, usare pigmenti per creare rossetti o blush, usare pennelli in modo diverso rispetto a quello indicato... Finché l'uso "alternativo" si rivela azzeccato, nulla da discutere. Ma se questo uso alternativo diverso da quello consigliato si rivela fallimentare di sicuro non si può imputare al prodotto di essere inutile o di funzionare male.
Cercherò qui di impegnarmi a spiegare il modo "canonico" con cui queste matite si usano e il loro scopo, lasciando alla vostra fantasia possibili usi alternativi.


Per questa dimostrazione userò la matita Ghost di Nabla, che sto usando ultimamente e che mi è stata regalata da una amica che sa quanto le consumo felicemente e velocemente. Il prezzo (5,8 euro) e l'inci (verde) sono competitivi rispetto alla concorrenza e mi fa piacere che un marchio nuovo che ha scelto di puntare su pochi prodotti, abbia creato questa matita le cui prestazioni sono ottime e la cui utilità è ampia.
Non vi lascio swatches perché sarebbe inutile: essendo trasparente e con una consistenza cerosa - non liquida - di fatto è invisibile in tutto e per tutto.
Ovviamente quanto verrà detto sarà comunque valido per qualsiasi matita sul genere.

A cosa serve?
Consentitemi una metafora. Molte ragazze hanno bisogno del primer occhi perché la palpebra tende ad essere oleosa o comunque mal disposta verso gli ombretti al punto che nessun trucco riesce a reggere più di un certo tempo. Questo spesso non ha niente a che vedere con la qualità dell'ombretto in sé, quanto con le caratteristiche del nostro viso, della nostra pelle...
Meno conosciuto è un problema simile che riguarda le labbra. Molte persone non hanno un contorno labbra definito, ma piuttosto "frastagliato". Non avendo una barriera naturale, il rossetto tende a uscire dalle labbra andando a infilarsi in queste piccole rughette che formano il contorno non definito delle labbra. In un certo senso, a livello metaforico, è come un fiume che rompe gli argini già fragili creando dei piccoli torrenti che vanno in diverse direzioni.
Il risultato è poco piacevole, perché il rossetto sembra sbavato. Sembra, perché non sono la stessa cosa. La sbavatura di rossetto classica spesso non ha a che fare con la fisionomia delle nostre labbra, ma con la tipologia di prodotto o con il nostro modo di agire, volontario o meno. Prodotti eccessivamente "scivolosi" (di solito molto liquidi/cremosi) tendono a uscire dai bordi delle labbra, anche quando sono ben definiti. Metaforicamente, si comportano come la lava di un vulcano, che semplicemente passa oltre tutto. Altrimenti, la sbavatura è data da un comportamento poco cauto mentre parliamo, mangiamo, beviamo o - spesso - muovendo le labbra tra loro o con le mani e capelli.
Il problema delle rughette invece è puramente di fisionomia delle labbra. Noi potremmo anche stare zitte, ferme, non mangiare, non bere... e comunque dopo poco il rossetto tenderebbe a fuoriuscire.
Molte donne hanno questo problema ma non ne sono consapevoli, proprio come molte donne hanno il problema della palpebra oleosa. Non sapendo come risolverlo, rinunciano ai rossetti, pensando che sia colpa loro o pensando di non essere "adatte" a portarli.

In realtà la soluzione è molto semplice ed è appunto applicare una matita trasparente cerosa PRIMA di indossare il rossetto. Lo scopo è quello di creare un argine più forte che conterrà il rossetto andando a "riempire" preventivamente le rughette intorno alle labbra. 
La matita va indossata prima, non dopo, perché le zone più vicine al labbro che la matita deve toccare sarebbero già coperte dal rossetto e non si riuscirebbe ad arginare (appunto) il problema in modo corretto.
Spesso viene indicata anche come primer per aumentare la durata dei rossetti. Qui non mi espongo perché non ho mai trovato un vero miglioramento nella durata dovuta alla matita trasparente usandola su tutte le labbra. Trovo che, sicuramente, possa creare una buona base per l'applicazione, ma che la durata è una problematica che va risolta con altri metodi.

Come va applicata?
Anche qui spesso ci sono fraintendimenti sulla zona in cui applicare la matita trasparente.
L'idea è quella di creare un argine INTORNO alle labbra. Quindi, a differenza di quello che accade con le matita colorate, non vorrete andare a definire il bordo naturale delle labbra, ma quello esterno, come spiega l'immagine.


Sì, nell'immagine ho il rossetto, ma avessi usato una immagine in cui non ce l'ho, avreste faticato a vedere la differenza tra pelle e labbra.
Ecco una piccola "guida" sui vari passaggi per assicurarsi che il rossetto non sbavi e duri.


Nel primo passaggio applico la Ghost di Nabla nel contorno esterno delle labbra.
Nel secondo passaggio applico una matita rossa nei bordi (interni) delle labbra. Questi mi aiuterà ad essere più precisa nell'applicazione del rossetto.
Nel terzo passaggio, applico la stessa matita anche nel resto delle labbra. Questo aiuta a creare una base durevole per il rossetto.
Nel quarto passaggio applico il rossetto.
Opzionalmente, a questo punto si può nuovamente intervenire con la matita colorata per definire al meglio i bordi o dare una forma specifica alle labbra.

Quali matite usare?
Io ho provato due matite di questa tipologia: la Bordeline di Too faced e la Ghost di Nabla. Mi sono trovata bene con entrambe, ma ricomprerò unicamente la seconda. Benché le prestazioni siano analoghe, ovvero entrambe facciano il loro sporco lavoro al meglio, la Ghost di Nabla costa quasi un quarto della Borderline (5,8 euro contro 18 euro) e ha un inci verde composto di cere naturali. Queste due caratteristiche rendono decisamente più appetibile la Ghost della Borderline.
Sconsigliate le matite che promettono di fare il medesimo lavoro ma non sono trasparenti, ma colorate e/o illuminanti. E' la texture cerosa che fa la differenza, se la matita non è composta di cere non può funzionare bene. Inoltre il colore la renderebbe meno universale e più complessa da usare.

La devono usare tutte?
In generale sì, usarla non fa male e comunque aiuta soprattutto con i rossetti più "sbavosi". Nella pratica le consiglio vivamente solo a chi ha problemi di rughette, perché a loro "salverà" la vita rossettosa in maniera sostanziale.

Al solito, per domande specifiche, lasciatemi un commento.

32 commenti :

  1. Dritta al punto! Non ne ho mai usate fino ad ora, ma appena è uscita la Ghost ho deciso che prima o poi l'avrei presa, complice anche l'inci verde.

    RispondiElimina
  2. Ottimo post: completo, preciso, con immagini curate e dettagliate! Mi è proprio piaciuto, brava! ^^

    RispondiElimina
  3. Le rughette delle labbra...il mio problema!!! Non amo portare i rossetti perchè ho sempre il timore che facciano quel bruttissimo effetto! Ho la gosh da un mesetto, l'ho usata e mi è piaciuto, ma dopo questo post la userò con maggiore consapevolezza sui gesti da compiere!! Grazie!! :-)
    Fabina

    RispondiElimina
  4. Oh là! Evviva i post davvero utili! I tutorial sono belli, interessanti finchè vuoi, ma certi chiarimenti sui "trucchetti per truccarsi" mi fanno dire: "ebbrava" questa blogger! E non sono sviolinate! ;-)

    RispondiElimina
  5. Personalmente la uso anche su tutto il labbro inferiore con alcuni rossetti che tendono molto facilmente a depositarsi sulle pieghette, e con i matte che tendono molto a segnarmele. Trovo che aiuti parecchio ^^ Al momento sto usando la Invisible Lip Liner della Kiko, per chi non vuole ordinare online e vuol comunque risparmiare, la trovo un valida alternativa alla Borderline (che usavo prima), ma appena finirà prenderò di sicuro la Nabla! ^^

    RispondiElimina
  6. Io sto usando con soddisfazione la matita cerosa Elf, ma quando la finirò prenderò senza dubbio quella Nabla. Mi piace che nonostante il buon inci sia valida e economica.

    P.S. belle le tue metafore ;)

    RispondiElimina
  7. Bellissimo post!
    Una domanda: io ho provato in negozio sia quella di Too Faced che quella di Kiko. In entrambi i casi, una volta applicata la matita, andava bene la parte superiore, perché con qualche accortezza preventiva( :D ) è priva di peletti. Ma non l'ho mai acquistata per colpa della parte inferiore, in cui c'è la normale peluria del viso che normalmente non si vede, ma che la matita cerosa mi sembra evidenzi molto. Il risultato è che se mi specchio gli occhi vanno sempre lì :(. Mi chiedevo quindi se è un problema che ho riscontrato solo io, o se è una cosa che riguarda un po' tutte...

    RispondiElimina
  8. Io ho usato quella Mufe e quella Wjcon. Mi ci trovo bene e riesco ad arginare la fuga di alcuni rossetti nelle pieghette malefiche! ... un post chiarigicatore fa sempre bene!

    RispondiElimina
  9. mhhh un prodotto del genere mi manca...
    Rimedierò quanto prima, è molto meglio attrezzarsi che ritrovare il rossetto qui e là nelle pieghette!!! :)
    xoxo

    RispondiElimina
  10. Io spesso non la utilizzo per mancanza di pazienza, ma con Hey Boss mi sa che è quasi necessaria! Bellissime le immagini step by step *-*

    RispondiElimina
  11. io ho la Perfettina di Neve...e non l'ho usata molto proprio per l'effetto illuminante che ha.Andró a vedere la Ghost, e se mi piacerá faró l'ordine Nabla! :3

    RispondiElimina
  12. ...intendevo: al negozio vedró la Borderline, ed in caso compreró la Ghost!! :D

    RispondiElimina
  13. Io sono una di quelle che usa la matita trasparente come base, ebbene sì (consiglio di Lidal fu!) ma ho scoperto che - nel mio caso - è una cosa che va bene con alcuni rossetti, non con tutti. Per esempio con Instigator mi rende difficile la stesura, con Russian Red invece migliora tutto. MISTERI.

    Per il resto il post è super utile e lo spammerò alle mie amiche che ogni volta mi guardano come un'aliena quando nomino loro la matita trasparente.

    RispondiElimina
  14. Ormai ho capito dove metterla.

    Ma ti giuro che se avessi avuto un post così esauriente come questo prima, m'avresti levato molti pensieri su come usare la matita trasparente :D

    RispondiElimina
  15. Questo post arriva al momento giusto, devo giusto comprarne una..ma non ero sicura di come usarla, se fuori o sul contorno labbra! Grazie per aver risolto tutti i miei dubbi!!:)

    RispondiElimina
  16. nuova iscritta! ma ti leggo da tanto! vengo sempre a sbirciare se ci sono nuovi post da leggere e i tuoi sono moooolto piacevoli! anch'io ho la matita gosth di nabla e mi ci sto trovando davvero bene... non posso fare comparazioni con altre perchè ho usato solo questa sinora! ciaoo! ;))

    RispondiElimina
  17. Io devo usarla per il labbro superiore,indossare rossetti dai colori più decisi stava diventando impossibile :/

    RispondiElimina
  18. Post molto utile ed interessante! Da provare questa matita ;D un bacio

    RispondiElimina
  19. Io l'ho usata come dici di fare tu, ma il rossetto rosso Nabla mi va comunque nelle rughette (gli altri rossetti non me l'hanno mai fatto, neanche quelli liquidi)... Nei prossimi giorni proverò una matita siliconica dello stesso tipo, magari il silicone fa più barriera!

    Boo di insanebazar.com

    RispondiElimina
  20. Grazie mille per questo post (che per me non è per niente "acqua calda")!

    Ecco, adesso mi rendo conto di avere un gran bisogno di una matita trasparente per labbra.

    RispondiElimina
  21. Idem come sopra: altro che 'acqua calda' !
    Questo post è utilissimo e soprattutto mi ha fatto scoprire la Ghost di Nabla: mi sono ben guardata dall'idea di spendere così tanti soldi per la Borderline e, concordo, altre matite colorate o illuminanti (Perfettina di Neve, per dirne una) non hanno una buona resa. Ma proprio per niente: a quel punto, vale la pena di usare una matita nude che tanto è lo stesso u_ù

    RispondiElimina
  22. Io di matite di questo tipo ne ho provate molte (ELF, Yves Rocher, Perfettina, Wjcon, MUFE) e ora ho preso anche questa, su cui ancora non mi pronuncio definitivamente perchè ce l'ho da relativamente poco. Al momento comunque la mia preferita in assoluto, considerando anche la reperibilità, il rapporto prezzo/qualità e la resa-su di me impeccabile- è la Wjcon (il cui INCI però non credo sia perfettamente verde eh, va detto). La perfettina invece, illuminante com'era, ora la uso come matita per gli occhi :)

    RispondiElimina
  23. Ottimo post, dritto al punto :) Io ne ho una ma lo devo ammettere, non la uso spesso >.<

    RispondiElimina
  24. Ciao,
    io ho una domanda da vera newbie del rossetto. Di solito mi concentro molto sul trucco occhi e le labbra o sono molto naturali o sono totalmente struccate. Ora però il look non mi sembra completo, quindi sto sperimentando anche con i rossetto. Ecco la domanda: la matita (colorata!) deve essere dell'esatta tonalità del rossetto?
    Grazie ;)
    L'inge

    RispondiElimina
  25. Ottima guida!
    Ho da poco acquistato quella di Kiko, quindi non posso esprimermi sulla sua resa. Sono "portatrice" di pieghette, ma fortunatamente è raro che i rossetti in stick mi diano problemi. In compenso, certi rossetti liquidi o gloss molto pigmentati "sbordano" dopo pochi minuti in maniera vistosa.

    RispondiElimina
  26. Se già avevo voglia di provarla prima, adesso... è quasi una necessità!
    Grazie!
    Io non lo so se ho le pieghette o no, non ci ho mai fatto caso e porto sempre i rossetti, senza che mi sbavino...quindi deduco di no!
    Ma insomma, prevenire è meglio che curare!

    Camélie MakeUp

    RispondiElimina
  27. Complimentoni per il blog molto ben strutturato :)
    Bella Guida, sopratutto la sequenza di come applicare ;)

    A presto cara, GigixZ by
    Un Caffè con Giuliai
    http://uncaffecongiulia.blogspot.it/
    condividiamo passioni

    RispondiElimina
  28. Grazie, molto interessante. Dovrò riprovarci ad usarla , anch'io ho questa di Nabla e in realtà l'applicavo troppo all'interno, Ciao!

    RispondiElimina
  29. Ecco, non so se lo consideri ot, prendilo per uno sfogo: io ancora non sono riuscita a capire l'utilità della perfettina. Non credo che per illuminare l'arco di cupido serva un prodotto specifico e questa sicuramente non è la matita ideale per fare da barriera. Non capisco come mai neve abbia fatto questa scelta :/
    Chiusa parentesi.

    RispondiElimina
  30. Io ne ho una (o due? Non ricordo...) ma non la uso mai. Porto raramente il rossetto, e quando lo porto in genere tende a sparirmi dopo un po', soprattutto se mangio, però devo dire che non porto mai colori fortissimi e rossetti molto cremosi, proprio per paura che sbavino!

    RispondiElimina