26 maggio 2014

A koala in the kitchen: torta di mele

La torta di mele è il tipo di torta che preferisco in assoluto. Quello che quando c'è devo assolutamente provarlo. Di sicuro non è la scelta più originale, eppure è fin troppo facile trovare torte di mele che non sono un granché e che non danno alcuna soddisfazione.
La torta di mele è emblematicamente il dolce dell'infanzia, quando la si mangia si deve essere contenti e nostalgici. Farla male è un vero peccato.


Quali sono gli elementi che rendono un successo una torta di mele?
Per prima cosa, la torta di mele deve essere semplice. Gli ingredienti sono pochi, facili da ricordare. Si possono aggiungere degli ingredienti in più per renderla più originale, ma la base deve essere il più semplice possibile.
In secondo luogo, deve essere soffice, morbidissima. Non deve essere secca, ma ricca, umida (cotta, ma umida). Spesso si crede che per ottenere questo risultato serva tanto burro... e invece no. Il segreto è semplicemente separare tuorli da albumi, montare a neve i secondi e aggiungerli all'impasto per ultimi, prima delle mele. Saranno loro a rendere l'impasto leggero, spumoso, morbido dopo la cottura. Provare per credere.
Infine, proprio in virtù del fatto che la torta di mele è una ricetta semplice, serve un twist. Quel qualcosa che chi la mangia non si aspetta che la rende più interessante e speciale.

notare il caramello sciolto sopra la torta <3
Vi propongo questa versione della torta di mele con la superficie caramellata, incredibilmente semplice e veloce da fare. E non c'è burro!

Ingredienti:
120 grammi di zucchero
2 uova 
50 ml olio di semi
100 ml latte
200 grammi di farina
1 bustina di lievito
un pizzico di sale
aroma alla vaniglia (o scorza di un limone)
2 mele medie

Per la superficie
zucchero di canna q.b.
cannella q.b.
burro q.b.

Scaldare il forno a 180°. Preparare una teglia imburrandola e infarinandola.
Per prima cosa separo gli albumi (che monterò a neve), dai tuorli. Quest'ultimi vengono sbattuti in una terrina con lo zucchero fino a rendere il composto spumoso. Aggiungo poi l'olio, il latte, la farina insieme al lievito e infine aroma alla vaniglia e sale. Prendo gli albumi montati a neve e li incorporo piano piano, con movimenti lenti dal basso verso l'alto con una spatola.
Pulisco e pelo le mele. Una verrà tagliata a pezzetti piccoli che aggiungerò all'impasto, mentre l'altra verrà tagliata a fettine per guarnire la superficie.
Sopra le fettine di mele, andate a porre lo zucchero di canna e la cannella distribuendoli in modo omogeneo. Infine ponete qualche ricciolo sottile di burro per aiutare lo zucchero a caramellare.
Porre il tutto in forno per 30-40 minuti. Fate la prova dello stuzzicadenti per sapere se la torta è cotta al suo interno.



Et voilà.
Il caramello in foto si nota. Una volta raffreddata, la superficie risulterà quasi croccante, facendo contrasto con la morbidezza della torta. Il profumo di cannella è semplicemente divino.
Ovviamente, se non volete complicarvi le cose, potete rimanere alla ricetta classica, evitando gli ultimi passaggi.

Al solito, se li provati, se li modificate... fatemelo sapere con un commento o con una foto su facebook oinstagram (ogni volta che mi taggate nelle foto dei piatti e dei dolci che realizzate con le mie ricette mi fate tanto felice).

8 commenti :

  1. Mmm... Mi sembra di sentire il profumo da qua! L'ultima volta che ho fatto la torta di mele ho usato una ricetta toscana, la volevo morbida.. Però è venuta troppo morbida (c'era un sacco di liquido, compreso il succo di limone)
    Spero di provarla al più presto, intanto la stampo e conservo! ;-)
    Il mio bimbo sarà felice!
    Baci Francesca

    RispondiElimina
  2. mi incuriosisce... prometto che, dopo il matrimonio di sabato, per cui mi sto tenendo a stecchetto per entrare benissimo nel vestito, me la concederò!! (anche se non mi pare affatto grassa comunque!!) buona giornata!

    RispondiElimina
  3. La torta di mele è il dolce preferito di mio padre, gli ricorda la sua infanzia e anche a me piace moltissimo come dolce :)

    RispondiElimina
  4. oddeo, se cercassi di enucleare un pensiero intelligente in questo momento, il meglio che uscirebbe sarebbe una mugugno alla Umberto Bossi! Ho la salivazione a palla!
    Tempo di rifare una torta di mele, il twist lo ripropongo senza cannella, una delle pochissime cose che detesto in cucina! :P

    RispondiElimina
  5. Nooooo. :( La torta di mele canonica non mi ha mai entusiasmata. Odio proprio quel cotto umido di cui parli (lo trovo viscido..ahah), peggiorata dal fatto che c'è l'olio al posto del burro. Anche io lo uso a volte nelle torte, non sono contraria, però ho l'impressione che le faccia rimanere più umide/spugnose (ok, non so spiegarmi bene..anche perchè così sembra che le torte mi piacciano asciuttissime come il deserto, ma non è così!!!). A volte l'olio mi sta bene, altre volte no.
    L'unica torta di mele che mi è sempre piaciuta è quella di mia mamma, che metteva la fecola e la faceva diventare soffice soffice soffice..

    RispondiElimina
  6. La torta di mele è un dolce che non mi ha mai entusiasmata troppo, hai ragione tu, deve essere morbida!!! E il twist caramellato sopra mi intriga, e non poco....

    RispondiElimina
  7. Torta di meleee...la mia torta preferita in assoluto

    RispondiElimina
  8. Oggi primo dolce dell'autunno.. Grazie per la deliziosa ricetta! La svolta è stata sicuramente il montare i bianchi a neve... Io non ho caramellato la superficie perché ai 2/3 della famiglia non piace, ho messo la cannella nel l'impasto e per rendere le mele morbide in superficie le ho spennellate con acqua e zucchero e ho aggiunto i riccioli di burro come da te suggerito. A me è piaciuta tantissimo e pure al resto della famiglia!
    Ciao e grazie. Francesca

    RispondiElimina