12 novembre 2014

Nabla Le film noir Mascara: prime impressioni

Recensire mascara è complesso perché sono il classico prodotto che può mutare con il tempo, che basta che si asciughi un poco per diventare tutt'altro prodotto, che non puoi anticipare quanto camperà prima di seccarsi in maniera definitiva e cose del genere.
Questo spero sintetizzi perché raramente recensisco mascara, nonostante io lo abbia sempre usato tutti i giorni dal primo anno delle superiori. In passato avevo abbozzato qualcosa, vi lascio il link (qui) perché c'erano delle foto comparative che magari possono tornarvi utili anche in vista di quanto segue.

Ho avuto l'occasione di testare il mascara Le film noir di Nabla cosmetics, mandatomi gentilmente dall'azienda pochi giorni prima del lancio. L'ho ricevuto lunedì scorso, quindi è più di una settimana che lo provo tutti i giorni per poterne avere una prima impressione.
Il mascara è attualmente venduto sul sito di Nabla al prezzo di 12,50 euro (al momento in promozione a 10,63 euro).




Nabla ha lanciato questo mascara sul mercato creando grandi aspettative. Il mascara in teoria promette un po' di tutto: volume, definizione, ciglia allungate e le varie proprietà che gli ingredienti verdi (tra cui l'olio di ricino) dovrebbero regalare alle ciglia. Nabla ha riassunto tutto con questa immagine nella loro pagina facebook. 
La domanda che sorge spontanea, ovviamente, è: questo mascara è davvero valido come viene descritto?


La prima cosa che colpisce è sicuramente lo scovolino a forma di goccia, in fibre. E' abbastanza simile allo scovolino dell'Hypnose Star di Lancome, con la differenza che quello Nabla ha una sezione quasi triangolare, su tre lati invece che due. E' uno scovolino particolare ma non l'ho associato subito a benefici mai visti primi, quindi nonostante la forma inusuale non mi sembra si comporti in maniera peculiare a causa sua. 
Il prodotto è molto fluido, molto nero e - se ben dosato - passa sulle ciglia in maniera omogenea rendendole molto nere, lucide. Sulle ciglia è leggero e non fa grumi.
La buona riuscita della combo scovolino + prodotto va a giorni alterni, o meglio dipende molto da quanto prodotto di volta in volta lo scovolino prende. Se ne prende la quantità corretta, le ciglia vengono pettinate e separate in maniera squisita. Se il prodotto preso è eccessivo - e spesso accade senza che voi ve ne accorgiate - il prodotto va ad appesantire e appiccicare le ciglia. In particolare nella punta dello scovolino rimane sempre troppo prodotto, con il rischio che le ciglia ai lati siano ben definite, ma quelle centrali si vadano ad appiccicare. Per evitare questo problema, vi consiglio di tamponare lo scovolino in un fazzoletto prima dell'uso. Temo che questo sia dovuto al fatto che, essendo nuovo, il prodotto è eccessivamente liquido/cremoso. In generale tutti i mascara danno il meglio di sé dopo qualche tempo, quando iniziano ad addensarsi. Sono abbastanza fiduciosa che nel giro di un mese, questo problema possa risolversi da solo, però soprattutto all'inizio bisogna fare attenzione.

Fatte queste premesse, vediamo il mascara in azione. 
Per prima cosa vi mostro la differenza sul mio occhio senza mascara e con il mascara Le film noir.


Le ciglia sono molto nere, ben pettinate e separate. Non vedo alcun effetto volumizzante, ma vedo un buon potere allungante. Bello anche l'effetto incurvante.
Ora vi mostro un confronto con il mascara che per caratteristiche sia stutturali che concettuali si avvicina maggiormente tra quelli in mio possesso, l'Hypnose star di Lancome. Il confronto penso possa aiutare a capire meglio le caratteristiche di questi mascara.


Rispetto a prima il potere allungante è maggiore, ma questo separa e definisce meno bene le ciglia e tende un po' ad appiccicarle fra loro, soprattutto se si fanno diverse passate. Anche in questo caso nessun potere voluminizzante.
Vi mostro nuovamente il confronto tra i due occhi. Le foto sono state scattate una di seguito all'altra, mentre indossavo contemporaneamente i due mascara su occhi diversi. Alla vostra sinistra c'è sempre Le film noir di Nabla, mentre alla vostra destra c'è sempre l'Hypnose di Lancome.



Le film noir è un mascara che ha un unico vero pregio, a livello di prestazioni: definire e pettinare bene le ciglia, rendendole molto nere e lucide, purché si prelevi la giusta quantità di prodotto sullo scovolino. Se viene prelevato troppo prodotto, le ciglia si appiccicano: soprattutto all'inizio bisogna fare un po' di attenzione. La differenza con l'Hypnose è abbastanza evidente: le ciglia sono molto più definite e l'effetto è anche più piacevole da quel punto di vista.
Buono l'effetto incurvante.
Non è un mascara volumizzante, per niente. Il prodotto è troppo liquido per dare vero volume alle ciglia, quindi mi sembra un controsenso logico. Può essere che addensandosi, l'effetto volume possa migliorare, ma ciò non toglie che nel mercato ci siano mascara che fin da subito donano effetti molto più piacevoli da questo punto di vista.
Allunga visibilmente, ma non in maniera esagerata. 

Certo, ci sono altri fattori che sono indubbiamente interessanti, come gli ingredienti o il basso rischio di irritazione e allergie. Tuttavia - almeno nel mio caso - non riguardano il campo della performance e li reputo quindi secondari: non valuterei positivamente un mascara solo perché ha un buon inci ed è anallergico. Sono caratteristiche che dovete tenere in considerazione se per voi sono un punto importante (soffrite di irritazione, allergie, avete un occhio selettivo per quanto riguarda gli inci...), ma secondarie se come me nessun mascara vi ha mai dato problemi - almeno sostanziali.
Molti ne hanno decantato la durata, ma onestamente non mi è mai successo che un mascara sparisse a metà giornata (salvo pianti feroci) quindi non saprei nemmeno su che base considerare questo punto.
Si strucca bene, senza spaccarsi e senza dare fastidio agli occhi. Questo è un fattore a mio avviso secondario ma comunque piacevole.

Vi lascio ancora una immagine in cui lo indosso con un trucco completo e poi proviamo a tirare le somme al riguardo.


Tirando le somme...
Al solito dipende molto da cosa cercate in un mascara. Io, come avevo già detto, odio i mascara che appiccicano le ciglia facendo finta di creare volume, mentre amo tutti i mascara che le separano, le definiscono e le incurvano. Non a caso ho un particolare affetto per l'Hight impact di Clinique, che dà un effetto molto naturale ma al contempo pulito. Nonostante le mie ciglia non siano naturalmente incredibili, preferisco sacrificare lunghezza e volume, per avere delle ciglia definite.
Tuttavia, se un mascara si limita a fare bene solo il lavoro di definizione, non può di certo essere un mascara eccezionale. 
Le film noir non fa miracoli che in teoria promette, ma è un prodotto valido. Sicuramente allunga in maniera visibile, ma non volumizza affatto. Questo lo rendono abbastanza sopra la media, con un prezzo nella media e ragionevole. Per tanti versi, Le film noir si accosta - per qualità - ai mascara Maybelline (che per me rimangono tra i migliori nella loro fascia di prezzo). Ovviamente, se per voi il fattore inci/allergie è fondamentale, questo mascara avrà dei lati positivi in più da considerare.
Se dovessi dargli un voto, penso che mi terrei sul 7,5. Se diventasse leggermente più denso, cosa che spero e credo, penso che potrei spingermi oltre. 
Di sicuro siamo lontani dalle prestazioni eccezionali di mascara come l'Estée Lauder Sumptuous extreme mascara, che fa quasi tutto benissimo (ma ha un suo costo, decisamente).

Vorrei concludere con qualche appunto sparso sui mascara...
Apro una parentesi che esula dal discorso Nabla e si fa molto più ampio. 
Sono sinceramente stufa delle strategie aziendali che cercano di vendere il mascara del momento come un prodotto che fa tutto (allungare, volumizzare, definire...). E' un fatto rarissimo e anche in quelle poche volte che capita, è impossibile che tutti i compiti siano svolti allo stesso modo.
E' raro perché è strutturalmente impossibile. Per allungare, il mascara deve essere fatto in un certo modo e avere certe caratteristiche. Per volumizzare idem e così via. Un mascara non può essere uno e trino, ergo può fare qualcosa bene ma non può fare tutto. 
Io non capisco perché continuare su questa strada, quando focalizzarsi sui veri punti forti del mascara aiuterebbero anche il consumatore a orientarsi su quale prodotto scegliere per le proprie esigenze. E soprattutto, lo renderebbero meno incattivito, quando si accorge che certi effetti mancano completamente. Questo mi è successo un sacco di volte, anche con mascara molto decantati e blasonati.
Se il consumatore vuole più effetti insieme, allora deve mettersi in testa che ha bisogno di usare più di un mascara alla volta (come spiegavo qui).
E non inizio nemmeno il discorso delle pubblicità di mascara con modelle con ciglione finte, perché si entrerebbe in un tunnel pericoloso per il mio fegato.

27 commenti :

  1. tutto dipende dalle ciglia di ognuna, io mi trovo super bene con il pupa vamp ma anche lì esistono tante opinioni contrastanti a riguardo, una commessa l'altro giorno mi ha detto che il mascara non serve a niente perché non fa i miracoli, sono rimasta un po' perplessa e non sono assolutamente d'accordo, un buon mascara in confronto ad uno mediocre o scarso fa la differenza eccome! Poi è ovvio i miracoli li fa solo Gesù Cristo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. senza dubbio per i mascara andrebbe sempre fatta una prova sulla persona, però è anche il cosmetico più complesso da testare in negozio...

      Elimina
    2. Anche io sono rimasta impressionata dal mascara della pupa...non gli avrei dato una lira, invece l'ho preso in promozione (quello viola) e mi piace proprio tanto. Pensavo di prendere anche quello marrone quando smaltisco un po' di cosette arretrate.

      Elimina
  2. Utilissimo, grazie Ale!
    E concordo su tutto quello che dici alla fine, specialmente sul fattore ciglia finte chilometriche. E' uno strazio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi si vede che sono finte lontano un miglio...

      Elimina
  3. Ahahaha anche io non capisco le pubblicità di mascara con modelle che indossano ciglia finte...ma pensano che noi che poi li andiamo ad acquistare siamo delle stupide?!? Bah!
    Anche io ho sentito grandi cose su questo mascara, però boh, non mi fa impazzire...credo che questa volta passerò, anche perché per il momento rimango fedele al mio I Love Extreme!!

    Franci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me qualche persona poco esperta che ci crede c'è, ma spero che siano sempre meno. Alla fine sono davvero irrealistiche.

      Elimina
    2. Sono d'accordo. Tanto è vero che mi ha colpita la pubblicità della Max factor: mostra un truccatore che applica un mascara su una modella, la quale, incredibilmente, non si ritrova con km di ciglia photoshoppate ma con semplici, belle e 'normali' ciglia con il mascara. Se non fosse che snobbo sempre un po' questa marca, comprerei il loro mascara solo per questa pubblicità! :-D

      Elimina
  4. Quindi potremmo dire che Le Film Noir è affine all'High Impact di Cinique (ovvero dona un effetto molto naturale)? Ho un debole per i mascara e questo mi incuriosiva molto, ma dal momento che io cerco sempre un effetto drammatico, direi che non fa per me...
    Come sempre le tue recensioni sono una grande risorsa, grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le film noir è un po' più potente dell'High impact. Allunga decisamente di più e secondo me rende le ciglia più nere.
      Se cerchi un effetto veramente drammatico, penso che tu debba cercare qualcosa di più volumizzante.

      Elimina
    2. Ti ringrazio per la precisazione! :)

      Elimina
  5. Tornando al discorso uscito su FB delle "passate", mi piacerebbe capire se hai fatto diverse prove (molte passate intingendo una sola volta o più volte, o lasciando asciugare le ciglia tra una passata e l'altra), perchè di solito vedo che metodi diversi possono portare a risultati anche molto diversi...sulle mie ciglia. Che ne pensi?

    Grazie,
    Marghe

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se intendi con passate applicarlo, poi far asciugare e poi ripassare, allora no. Perché sono profondamente contraria alla cosa: una volta asciugato il mascara, per me non bisogna toccarlo perché si vanno solo a creare grumi e ciglia appiccicate.

      Il mascara per me va usato pettinando le ciglia finché il risultato è quello desiderato, che non dipende solo dalla persona ma dipende anche dalla volta (tipo da quanto mascara c'è nello scovolino...).
      Per me il metodo migliore è pettinare le ciglia fino a che il prodotto è ancora "lavorabile". Che vuol dire sia intingendo nuovamente, che cambiando mascara in toto (usandone due). Non faccio prove in questo senso, perché fino a quando non ho l'effetto che voglio non mi fermo.

      Elimina
    2. Anche io faccio come te in realtà, ma ci sono arrivata provando modi diversi.
      Ricordo un'amica che usava un mascara particolare sulle ciglia inferiori, lasciando che si incollassero in ciuffetti regolari dando un effetto molto interessante (che andava bene il sabato sera nei locali, non certo in ufficio).
      Un'altra gran differenza nel risultato la ottengo a seconda che applichi il mascara solo "da sotto" o anche "da sopra", sempre sulle ciglia superiori.
      Ai tempi d'oro, quando riuscivo ancora a far serate mondane, mi piaceva molto giocare e fare prove di trucchi particolari... adesso ho circa 2 minuti e mezzo al mattino e fa che't' nabie! :D

      Elimina
  6. io mi ci sto trovando niente male, il discorso durata penso si riferisca al fatto che ci sono mascara che ti si sgretolano in faccia o sbavano (io ho avuto esponenti di entrambe le categorie) e non credo che qualcuno voglia una cosa simile da una formula... idem il problema struccaggio, se un mascara non va via se non con le bombe a mano, se ti porta via quantità di ciglia tutte le volte che lo porti via etc non è granché...

    secondo te a priori (aka senza leggere i claim pubblicitari che sappiamo essere esagerati perché devono vendere e ovviamente sono con te) cosa si guarda in un mascara per il volume? cosa per la separazione delle ciglia?
    quando ne provo uno nuovo me lo chiedo sempre ma non ho ancora una risposta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno io mi ci sto trovando male, però non mi sembra sia il mascara della vita, quello che ricomprerei assolutamente. Per altro molti dei suoi pregi (inci a parte) si trovano anche in altri mascara dall'effetto più deciso.
      Insomma, mi ricorda il classico mascara Maybelline che ti dura tot mesi con media soddisfazione ma che poi cambi naturalmente per provare altro.

      Per quanto riguarda la seconda parte, temo di dover dire rispondere con un tristissimo "non so definire il volume, ma lo riconosco quando lo vedo". Non saprei cosa effettivamente va a volumizzare le ciglia, ma credo che occorra un certo tipo di scovolino e un certo tipo di prodotto (più denso di questo di Le film noir).
      La separazione mi sembra più semplice: le ciglia non devono essere appiccicate. Separazione e volume per me non sono la stessa cosa: avendo ciglia molto sfigate e sottili, anche se me le separi, non sembra che io ne abbia di più o che siano più "grosse" di quello che sono. Semplicemente sembrano meno sfigate XD

      Però onestamente, mi preoccupo poco delle definizioni perché dubito siano univoche o facilmente capibili per chi legge. Preferisco parlare delle sensazioni e delle mie impressioni, perché alla fine confido sempre che chi legge capisce che è prima di tutto un discorso soggettivo, seppur fatto in maniera razionale.

      Elimina
  7. A me è piaciuto e mi sta tutt'ora piacendo parecchio, però parto da ciglia di base già belle lunghe e folte e mi rendo conto che questo influisce tanto sulla resa finale. Vedo comunque che su alcuni punti siamo d'accordo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me influisce molto. Però è sicuramente una fortuna. La domanda è: c'è mai stato un mascara che non ti è piaciuto? E nel caso, cosa faceva per non piacerti?
      Magari può essere d'aiuto per capire cosa non è direttamente dovuto alle ciglia lunghe di natura.

      Elimina
  8. Io sto amando l'effetto leggero che ha sulle ciglia, le tocco e le sento morbide, le guardo e le vedo nere e lunghe. E' una cosa del tutto nuova per me e aiuta molto il mio taglio di occhi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma prima non usavi un mascara allungante? Perché io ammetto di aver provato roba che allunga molto più di questo.

      Elimina
    2. Allungante no, ho sempre provato mascara volumizzanti :)

      Elimina
  9. Grazie per la recensione, sei stata chiarissima! Sulle note di fondo riguardanti il mascara sono completamente d'accordo con te, infatti anche io prediligo le ciglia pettinate e non sopporto vederle appiccicate. In più, ormai ho preso l'abitudine di combinare un mascara che dia definizione e allunghi con uno volumizzante per ottenere l'effetto ch voglio, uno solo non potrebbe fare tutto...:)
    Baciii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo, meglio combinare gli effetti di più mascara invece che perdersi alla ricerca di quello perfetto - che non esiste XD

      Elimina
    2. Sto provando da poco la combinazione di mascara che hai suggerito (era un vecchio post, molto chiaro, come sempre!) e mi trovo bene, ma non ho grandi pretese dai miei mascara. Ho preso quello della Benefit, soprattutto perché era in un'adorabile scatolina con il benetint: a proposito, tu consigli un pennello a parte per applicarlo? Perché temo che, data la mia scarsa manualità, possa macchiarmi la guancia... Volevo anche farti una richiesta (anche se fuori tema): mi piacciono molto i tuoi look e mi chiedevo se tu potessi fare una riedizione per un look da tutti i giorni, veloce ma d'effetto. Mi era piaciuto molto quello sullo smokey quotidiano ma magari hai trovato nuovi prodotti che ti sono piaciuti e che si posso usare tutti i giorni! Grazie! :-)

      Elimina
  10. Ho delle ciglia normali, ne lunghe ne corte, e abbastanza fitte. Diciamo che fatico a trovarmi male in toto con un mascara, mi è successo solo una volta. Concordo sul fatto che ogni mascara ha la sua specialità e che non gli si può chiedere il mondo: non disprezzo quelli che volumizzano, purché lo facciano bene senza appiccicare e far grumi. Però preferisco di gran lunga quelli che riescono a separare le ciglia una a una, eventualmente allungandole.
    Di fronte a claim esagerati io penso sia anche colpa di noi stesse clienti: quante donne prentendono da un mascara un effetto in stile ciglia extension definite, allungate, nere, volumizzate, incurvate e chi ne ha più ne metta.
    Questo mascara non credo lo proverò, mi trovo bene con quelli stile "drugstore"

    RispondiElimina
  11. Le tue recensioni sono sempre preziose ed utili!
    Al momento sto usando un Rouji per il giorno, però non mi sto trovando bene quindi questo Nabla potrebbe essere un buon sostituto, dato che mi piacciono le ciglia separate e non necessito di incurvatura e allungamento. Per le rare volte che mi trucco la sera o per le occasioni invece mi sto trovando molto bene con I love extreme di Essence,confezione nera scritte fuxia (credo di aver beccato una delle poche confezioni ancora chiuse - preso da Coin). Quest'ultimo potrei anche ricomprarlo.
    In ogni caso mi era piaciuto molto anche un Pupa Diva 's lashes che dava molto volume! Ho ancora lo scovolino x usarlo in combo con altri prodotti ;-)
    Ciao, Francesca

    RispondiElimina
  12. Niente da fare per me. La caratteristica più importante che cerco in un mascara è che sia volumizzante, seguito a ruota dalla formula waterproof, perchè se no non mi tiene la piega. In più ho un problema con questo tipo di applicatore. L'extravagant di MUFE ne ha uno simile (anche se forse leggermente più grande) e faccio sempre molta fatica a non macchiare la palpebra quando lo uso.
    In compenso è bello leggere delle prime impressioni obiettive e ben argomentate. Così sul momento l'entusiasmo per il mascara è stato strabordante, ma ora ci siamo ridimensionati ^^

    RispondiElimina