30 gennaio 2015

TAG “Top 5 Everyday Lipsticks”

Quando si parla le mie antenne sono sempre pronte e alzate. Non potevo resistere a questo adorabile tag (nasce come una collaborazione ma ben presto lo è diventato) di Il mondo di Ciulla e Nude Powder.
L'idea è quella di mostrare i nostri rossetti da tutti i giorni, definizione che penso dipenda molto da persona a persona, da gusto personale a gusto personale. Inizio quindi con qualche parola sparsa per presentarvi la mia selezione. 

Fino a qualche anno fa probabilmente sarei rientrata nel gruppo di persone che avrebbe scelto i rossetti da tutti i giorni tra quelli indossati più di frequente senza fare troppe considerazioni sulle colorazioni, ma basandomi unicamente sul gusto. Probabilmente avrebbero fatto capolino rossetti come Russian red e Lady danger di MAC.
Da allora è passata acqua sotto i ponti: il mio stile si è modificato ulteriormente e faccio una vita all'insegna del "il rossetto me lo metto in treno, fuggo".
Non voglio inserire eccessivamente la questione lavorativa, anche se nel mio caso ha fatto la differenza, perché credo sia un discorso molto personale e non vorrei uscisse il messaggio "quando inizi a lavorare devi diventare una persona seria". Qualsiasi cosa voglia dire "seria". Trovare un lavoro non sempre impone uno stile più sobrio, dipende dal lavoro e dall'ambiente in cui ci si muove. Il mio consiglio - forse non propriamente coraggioso - è di non imporre immediatamente il proprio stile ma di tirarlo fuori nel tempo, soprattutto se vi muovete in ambienti il cui giudizio è tutto. 
Oltre a questi discorsi più astratti, con una maggiore consapevolezza di texture e co., al momento se devo scegliere un rossetto da "tutti i giorni" (che per me implica andare via alle 7 di mattina e tornare anche alle 20 di sera), preferisco rossetti che siano confortevoli e duraturi. Motivo per cui non vedrete rossetti matte (dopo ore e ore non sono propriamente confortevoli) o rossetti che richiedono attenzioni (vedi gli audacious di NARS). Per fortuna trovare un buon bilancio di queste caratteristiche è possibile, e ammetto di avere trovato la pace dei sensi con i Chubby stick intense di Clinique e altri pochi intimi.


28 gennaio 2015

Mauve Mist

Quando ho messo le mani su un vecchio ombretto cremoso della linea Vamp Pupa (si chiama Shiny mauve e fa parte della collezione invernale 2013, ve lo mostro qui), ho subito pensato che dovevo abbinarlo a Superposition di Nabla, perché sono chiaramente un match made in heaven.
Alla prova dei fatti, non mi sbagliavo. 

Devo ammettere che mi dispiace che Superposition sia una edizione limitata (attualmente sold out sul sito, verrà rifornito?), perché è un colore interessante da tenere della collezione permanente. La commistione tra nocciola e lavanda lo rende un ombretto semplice da gestire e molto democratico, perché una volta indossato non diventa "pastelloso", ma tende invece verso i classici neutri con un quid in più. E' un bel colore per chi vuole sperimentare il colore sugli occhi ma ha qualche timore. Spero vivamente che Nabla ci ripensi o che proponga qualcosa di analogo presto in una nuova collezione o nella serie permanente. 


26 gennaio 2015

My Top 5 Creamshadows

Ho impiegato molto tempo per riuscire a svolgere questo dramatag perché gli ombretti cremosi sono un mondo che ho scoperto relativamente di recente.
Quello che mi fa innamorare degli ombretti cremosi è la texture. Mi piacciono le texture delicate, quasi cream to powder, leggere e lavorabili. Preferisco una texture buona a una tenuta estrema, ragion per cui non sopporto gli Aqua cream di Mufe. Tutto quello che vi farò vedere risponde a questa mia esigenza di texture. Per la durata, purtroppo, non posso fare discorsi che siano oggettivi.

Non vi farò vedere swatches precisi perché più che colori particolari, voglio proporre proprio dei prodotti con cui mi sono trovata molto bene e questo ovviamente implica che di ciascuna tipologia ho provato più tonalità e che le ho promosse tutte.


21 gennaio 2015

Bilanci & Progetti

Qualche giorno fa sulla pagina facebook (qui) vi ho proposto un sondaggio con otto semplici domande su vari aspetti del blog. Prima di tutto vi ringrazio per aver partecipato: non pensavo di ottenere così tante risposte in così poco tempo e questo non può che farmi profondamente felice.
Purtroppo non avevo letto con cura la clausola che mi impediva di avere più di cento risposte visibili (ovviamente ho realizzato in tutto con un account gratuito, ecco il perché di questo vincolo). Questo fatto ha purtroppo vanificato una domanda che mi stava abbastanza a cuore e che probabilmente vi riproporrò in futuro. In generale, pensando che il sondaggio sarebbe stato ignorato alla grande, l'ho creato in maniera casereccia, senza ragionare sempre al meglio su come formulare domande e risposte. Andrebbe rifatto e andrebbe studiato meglio... ma per ora ci accontenteremo.
Ovviamente cento risposte su un bacino di circa mille followers non può considerarsi un campione veramente rappresentativo, ma facciamo finta che lo sia (tanto il mondo non dipende dalla serietà di questo studio pseudoscientifico) e sprechiamoci con qualche riflessione, tanto per perdere tempo.


19 gennaio 2015

Best of 2014: makeup & more

Dopo il travolgente (?) successo della scorsa edizione torna il post dei Preferiti dell'Anno, anche questa volta architettato insieme a un nutrito gruppo di amiche blogger: Blanche di Chacun cherche son chat, Ale di Dotted Around, S. di Drama&Makeup, Silvia di Edel Jungfrau, Daniela di Shopping&Reviews, Takiko di SofficeLavanda, Darkness di The Taste of Ink e Elena di Vanity Nerd. La lista di categorie è la stessa dello scorso anno - off topic più o meno utili compresi - ma in assoluta libertà ognuna di noi ha scelto se saltarne o aggiungerne qualcuna. Speriamo vi piaccia e che non allunghi troppo le vostre wishlist!


16 gennaio 2015

Terra di Siena

Prima di iniziare qualsiasi discorso riguardante il post di oggi (non che ci sia molto da dire, tant'è...), voglio approfittare del momento per ringraziarvi di tutto cuore per la partecipazione al post di mercoledì. E' stato veramente overwhelming come dicono gli inglesi.

Torniamo al post di oggi.
A metà dicembre ho avuto il piacere di partecipare all'evento organizzato da Melissa con Nabla cosmetics. E'stata una serata veramente meravigliosa, perché oltre ad averla passata con una amica e collega blogger meravigliosa (chu Silvia), oltre ad aver conosciuto di persona MrDanielMakeup e parte del team (giovane) di Nabla, ho avuto l'occasione di conoscere alcune lettrici del blog. E' stato davvero un piacere poter parlare con voi, scambiarci opinioni e consigli su cosa comprare (ho ceduto a Petra per questo motivo, sono corruttibile anche io).
Una di queste ragazze aveva un trucco meraviglioso realizzato con Petra, che ho pensato subito di provare a replicare. Praticamene aveva usato Petra solo sulla piega, lasciando il resto dell'occhio più o meno nude e abbinandoci una meravigliosa riga di eyeliner. 
Fino a quel momento avevo pensato a Petra come colore di transizione o per sfumare, ma mai come colore da usare da solo per fare contouring dell'occhio.


14 gennaio 2015

Guida al rossetto rosso: come scegliere quello giusto?

Eccoci finalmente al post tanto atteso, una piccola guida alla scelta del rossetto rosso. 
Ovviamente, anche in questo caso, vi dovete sorbire qualche premessa altrimenti non sono felice. Per prima cosa, se non lo avete ancora fatto, è bene che leggiate questo post in cui spiegavo alcuni parametri per me importanti per capire quali colori (e quanti colori) ci stanno bene. Ne approfitto anche per ringraziarvi della curiosità e delle parole gentili, mi ha fatto veramente molto piacere.
In secondo luogo, mi piace ripetermi, tutto quello che seguirà sono mie opinioni assolutamente discutibili e assolutamente filtrate dal mio gusto. Cerco di essere il più oggettiva possibile, ma rimango una persona e di conseguenza posso annullarmi fino a un certo punto. Nessuno dei consiglio che do va preso troppo alla lettera, anche e soprattutto perché sono linee guida e non giudizi universali. Come anticipavo nel post precedente (qui), è possibile trovare eccezioni, è possibile avere una sensibilità diversa rispetto alla questione. 
Infine, come sempre, il gusto prima di tutto. Se vi piace il rossetto rosso mattone, che vi doni o non vi doni poco importa. Se vi fa stare bene, quello prima di tutto il resto. 


12 gennaio 2015

Lipstick Monday: Miss Broadway lipstick in Ruby Red

Il rossetto di oggi non è un mio acquisto personale, ma un press sample che l'azienda mi ha inviato perché lo testassi. A dire il vero, me ne ha dati diversi, ma solo questo mi ha colpito così tanto da spingermi a fare una review dedicata. 

Come probabilmente sapete Miss Broadway è una brand reperibile nei supermercati, quindi la facilità con cui troverete questo particolare rossetto (e i suoi fratelli) dipenderà da diversi fattori. Tra cui anche la fortuna, devo dire. Nel caso vi consiglio una bella spedizione nei supermercati dove sapete che la Miss Broadway è ben fornita (non per forza i più grossi). Il suo costo dovrebbe aggirarsi sui 6,9 euro.


09 gennaio 2015

I have heard the mermaids singing, each to each. I do not think that they will sing to me.

Immaginatevi la scena. 
Ci sono io che mi dico: ora faccio un look invernali di quelli seri, con borgogna, neutri, terra di siena... insomma, quei colori che vanno tanto in queste circostanze. Inizio a truccarmi e boom. Quello che faccio mi fa così schifo che levo tutto e tanti saluti. C'è però un problema: tra qualche ora devo uscire e qualcosa in faccia me la dovrò pur mettere. Per rimanere in tema rispetto al mio desiderio iniziale prendo in mano la Sparkle 2 di Sleek, una palette uscita per Natale qualche anno fa. Poi vedo quel blu e non capisco più niente. Il resto... lo potete vedere voi.


07 gennaio 2015

Qualche parola sulla teoria del colore (secondo me): Sottotono & Contrasto

Tempo fa vi avevo anticipato sulla pagina FB l'intenzione di realizzare un post con alcune linee guida su quale rossetto rosso possa stare meglio a seconda dei propri colori naturali (pelle, capelli, occhi...). Mi sono ben presto resa conto della complessità di un post del genere, nel caso lo volessi realizzare per bene e non a caso. In primo luogo avevo bisogno di parametri facilmente capibili e spiegabili, in modo che le mie descrizioni potessero risultare veramente utili.
Ho ragionato molto e sono arrivata ad alcune conclusioni che mi soddisfano, ma che andavano spiegate in un post introduttivo, sulla base del quale sarà possibile costruire discorsi più particolari.

Ci tengo a precisare, prima di iniziare qualsiasi argomento, che questa è una mia personalissima visione della questione. Là fuori ce ne sono altre, che condivido o meno, ma che potenzialmente per voi possono essere buone quanto e più della mia. Mi affido al vostro lato critico per capire che non ci sono assolutismi, ma sono pensieri e opinioni.


05 gennaio 2015

Most played - December 2014

Puntuale come ogni mese, il mio appuntamento mensile con i most played (iniziativa ideata da Chiara – Goldenvi0let). 
Dicembre dicembre dicembre.
Tanto rosso, tanto oro e tante cose luminose. Avanguardia pura.


02 gennaio 2015

A koala in the kitchen: brownies

I brownies sono dei tipici dolcetti americani a base di cioccolato e noci. Inutile girarci attorno: oltre ad essere incredibilmente buoni, sono anche incredibilmente pensati e ricchi. 
Tempo fa mi sono imbattuta in questa ricetta - pensata e creata da un mio conoscente del tempo - che è stata per diverso tempo uno dei miei cavalli di battaglia di fronte alla domanda "fai tu la torta?". 
La cosa più interessante è la mancanza del cioccolato, sostituito dal cacao, che la rende sì diversa dalla ricetta tipica, ma sicuramente più leggera e digeribile. Così invece di mangiarne un pezzo e poi rantolare, ne potrete gustare anche due o tre pezzi prima di issare bandiera bianca. Anche la quantità di burro è decisamente più ragionevole. Eppure, nonostante questi cambi, i dolcetti sono incredibilmente morbidi e gustosi.
Ho fatto qualche sostituzione (latte invece di acqua, e l'opzione delle nocciole se non vi piacciono le noci), e ve la propongo.