29 maggio 2015

The balm Eyeliner Schwing. A review.

Ultimamente il mio rapporto con gli eyeliner è molto irrequieto. 
Dopo l'uscita dal commercio del mio amato eyeliner in penna Essence, per dare spazio a roba orrenda che macchia la palpebra (perché Essence, sul serio), mi sono trovata persa. Letteralmente persa. E come tutte le persone perse, ho iniziato a muovermi completamente a caso, acquistato un po' dove capitava nella speranza di poter riempire quel vuoto.
Partiamo con il dire che quel vuoto non è stato riempito e fa ancora molto male (perché Essence, perché). Proseguo dicendo che le mie peregrinazioni mi hanno portato a trovare prodotti validi e prodotti demmerda in maniera molto random, tanto che ormai non è più possibile prevedere dove trovare cosa. L'unica verità rimane - purtroppo - l'eyeliner a scatto della Dior, che apparentemente è er mejo, e non costasse 30 euro diventerebbe parte integrante della mia routine.

Qualche mese fa mi sono imbattuta in una super offerta Asos sulla marca The Balm e ho voluto approfittarne. Chi bazzica questo blog sa che apprezzo diversi prodotti del marchio, in particolare i blush (qui), ma non avevo ancora avuto occasione di sperimentare una gamma più vasta. Quando ho visto questo eyeliner a 13 euro non ho resistito e d'impulso l'ho infilato nel carrello.


27 maggio 2015

If you live like that you live with ghosts - Taylor Swift "Bad Blood" inspired look

'Cause, baby, now we got bad blood 
You know it used to be mad love 
So take a look what you've done 
'Cause, baby, now we got bad blood 
Now we got problems 
And I don't think we can solve them 
You made a really deep cut 
And, baby, now we got bad blood

La colonna sonora dei rapporti finiti male, malissimo.
Parlo della canzone Bad Blood di Taylor Swift, il cui video è stata fonte di ispirazione (potete recuperarlo qui).
La canzone è carina, orecchiabile e su cui penso chiunque - a mente calda - può rivedersi almeno una volta nella vita. Poi, le storie vere, di solito, sono sempre più complesse, soprattutto se c''era "mad love" alla base, raramente la colpa è solo da una parte e quindi al massimo "so take a look what we've done". Però dai, alla fine un po' di odio ingenuotto e assolutamente superficiale fa sempre bene per lenire il primo momento di dolore pungente.
Il video è veramente un'altra storia: mi piace questa ispirazione a metà fra Kill Bill e roba stile Sin City. Probabilmente sto dicendo cose a caso, ma io esperta di cinema non sono (anche se guardo molti film), quindi mi perdonerete.
I trucchi erano tutti meravigliosi, ma veramente tutti. Alla fine ho scelto di ispirarmi soprattutto a quello finale (parrucca rossa lol), ma reinterpretandolo abbastanza a modo mio.
Prima di continuare ricordo a che non avesse ancora partecipato, il giveaway in corso (qui).


25 maggio 2015

4 Years of Soffice Lavanda - The Giveaway ! (Bourjois Rouge Edition Velvet)

Questo giveaway è stato posticipato più e più volte. Avrebbe dovuto uscire a marzo, per il compleanno del blog, poi ho rimandato ad aprile perché avevo in mente un particolare tipo di premio e poi ho cambiato idea. Siamo finiti a maggio e per fortuna ho trovato un modo per farlo partire, altrimenti sono certa avrei rimandato ulteriormente.
Bando alle ciance e arriviamo al sodo. Il 26 marzo il blog ha compiuto 4 anni. Sono traguardi che vanno festeggiati - anche se in ritardo.

Per farlo ho scelto un sistema classico: il giveaway, tramite il simpatico Rafflecopter che spero tutte ormai conoscano (se proprio non sapete come usarlo sofficelavanda [at] gmail [dot] com).


22 maggio 2015

Smoky Green - Test su strada della Contourmania di Neve cosmetics (Kim Kardashian inspired)

Quello che vi mostro oggi è il look "di prova" che avevo realizzato per testare la matita Contourmania di Neve cosmetics (qui). Ero indecisa se pubblicarlo a parte o meno, ma alla fine ho deciso di dedicargli un post singolo in modo da potervi spiegare in maniera più dettagliata come avevo usato la matita, senza appesantire le prime impressioni.

Il trucco vorrebbe ispirarsi a un look di Kim Kardashian, perché essendo profondamente profana, quando sento parlare di contouring in crema, mi viene in mente lei. Insomma, è come associare i fiori dalla primavera, avanguardia pura. Nello specifico, avevo preso come ispirazione questo tutorial di Nikkie (qui), anche se come vedrete la differenza è notevole. 


20 maggio 2015

Neve cosmetics Contourmania: prime impressioni, swatches e qualche considerazione personale

Contourmania è il nuovo arrivo in casa Neve Cosmetics, un matitone doppio costituito dalla parte illuminante (colore pelle tendente al giallo) e dalla parte "bronzer" (marrone medio caldo). L'idea alla base era quella di creare un prodotto semplice e facile da usare per realizzare il contouring con prodotti in crema.
Contourmania è disponibile da oggi sul sito di Nevecosmetics al prezzo lancio di 7,6 euro (invece di 9,5 euro).


18 maggio 2015

Hair Care&Story

Era da tantissimo che volevo scrivere un post sulla cura dei capelli, ma puntualmente rimandavo perché non trovavo l'ispirazione adatta. Alla fine, mi sono costretta a fare le foto, a salvarle in una bozza sperando che una cosa tirasse l'altra, ed effettivamente è andata così.
In realtà di cura dei capelli so poco o niente e quindi immagino vi chiederete a che pro scriverci pure sopra. Credo che la questione "capelli" (come quella "pelle" in generale) sia molto personale e raramente una guida può considerarsi universale a meno di non scadere nelle banalità. Penso siano molto più utili le storie personali, per vedere se ci si rivede, se si possono trovare spunti utili, eccetera.


14 maggio 2015

Gli essenziali per una vita da pendolare

Pendolare è un fatto della mia vita da ormai quasi dieci anni. Nel corso di questa esperienza ho avuto modo di provare sia la vita da pendolare su brevi distanze che su lunghe distanze, treni regionali e alta velocità. 
In particolare, nell'ultimo anno e mezzo per via del dottorato mi muovo tra Torino, Milano, Bergamo e Pavia. Questo nuovo equilibrio ha reso l'esigenza di avere un "kit da pendolare" organizzato ancora più forte rispetto a quando mi muovevo nella provincia torinese durante l'università, in modo da poter sopravvivere a cambi effettuati di corsi, tempi morti in stazione, treni scrausi e tutto quello che può capitare in una sana giornata da povero pendolare.


12 maggio 2015

Most played - April 2015

Ci ho messo un po' a pensare e realizzare i most played (iniziativa ideata da Chiara – Goldenvi0let) di questo mese perché - purtroppo - Aprile è stato un mese difficile e questo ha avuto qualche ripercussione anche sul mio modo di truccarmi. Non avendo inoltre grandi impegni, ammetto di essermi sempre truccata con molta svogliatezza, tanto per avere un aspetto decente e uscire di casa.
Pochi prodotti mi hanno fatto compagnia in maniera costante, li ho raggruppati e ve li mostro.


08 maggio 2015

Let it be pink: soft vintage mauve

Io e il colore rosa stiamo continuando questa stramba storia (d'amore?).
Nonostante io sia praticamente un disco rotto quando vi dico che un colore è fatto di mille sfumature, la prova pratica di questa personale sfida con il rosa è inequivocabile. Dici rosa... ma quale rosa?
Stavolta mi sono trovata a lavorare con toni leggermente cupi di rosa antico che sfociavano nel rossiccio. O almeno, questa è la descrizione migliore che riesco a darvi, spero che le immagini siano più sensate ed efficaci.
Di nuovo, questo genere di tonalità sono perfette se non vi vedete con colori eccessivamente pastellosi.  


06 maggio 2015

Travel Makeup Bag: Lipsia 2015

In teoria avrei dovuto pubblicare questo post prima della mia partenza per Lipsia, ma poi per una cosa o per l'altra non ci sono riuscita. A posteriori, questo fatto può avere un vantaggio, ovvero potervi raccontare nello stesso post anche come è andata: cosa ho usato e cosa no ho usato.

Partiamo su qualche info come-dove-perché...
Per il ponte del primo maggio sono partita, non per svago ma per lavoro, alla volta di Lipsia per assistere alla conferenza di chiusura del dipartimento di Linguistica del Max Planck. E' stato un momento molto forte emotivamente perché in quel luogo sono stati concepiti lavori che mi hanno formato come linguista, che hanno cambiato la mia prospettiva come ricercatrice e che in generale mi hanno fatto innamorare della materia. Prima che chiudesse sentivo un obbligo quasi morale di andare lì a vedere quel luogo e di avere l'occasione di innamorarmene. 
Tre giorni di conferenza essenzialmente vuol dire passare le proprie giornate a fare lezione, dalle 8:30 fino alle 18, con poche brevi pause. L'ambiente è decisamente casual (non vi immaginate giacche e cravatte, la gente andava in giro con magliette e sandali).