29 giugno 2015

Nabla cosmetics Diva Crime lipsticks in Alter Ego & Ombre Rose. Prime impressioni & swatches.

Ci ho messo parecchio per tirare fuori questa review dalla mia testa. Ho aspettato di avere una idea chiara del prodotto perché tanto i mesi sono passati e di prime impressioni probabilmente ne avete già a sufficienza.
Dato che a breve uscirà una nuova collezione che prevede nuove colorazioni dei Diva crime, mi sembrava un buon momento per dirvi la mia.

Quando sono andata da Melissa per scegliere quali colorazioni acquistare, ci ho impiegato veramente poco. Nonostante il range sia vario e interessante, alcune colorazioni ricordavano troppo qualcosa che potenzialmente avevo già in casa (Rouge mon amour e Domina), mentre altre su di me sembravano eccessivamente chiare-calde.
Alla fine sono uscita soddisfatta con Ombre rose e Alter Ego, una bella combo day&night.
Come sempre vi ricordo che i prodotti Nabla sono acquistabili sul sito dell'azienda e in alcuni rivenditori fisici sparsi per l'Italia. I Diva crime costano 12,9 euro per 4,2 grammi di prodotto (lo sottolineo perché nonostante la confezione sia piccola, c'è molto più prodotto che nei rossetti MAC per dirne una).


Partiamo con Alter ego.
Nabla lo descrive come un fucsia-amaranto scuro. Direi che ci sta, perché rispetto a colori come Rebel di MAC effettivamente c'è meno rosso e più fucsia (si nota soprattutto una volta indossato). In generale, è un colore difficile da definire, perché appunto si mette a cavallo di molteplici tonalità: magenta, fucsia, viola... Probabilmente il riferimento all' "amaranto" è quello più preciso che si possa fare.
Come molti suoi fratelli (non gemelli) in commercio, lo trovo un colore democratico e semplice da abbinare.


Ho provato a confrontarlo con alcuni rossetti presenti nella mia collezione, curiosa di capire se effettivamente avevo acquistato qualcosa di "nuovo". Probabilmente per gli occhi di un profano, sembreranno tutti simili, ma in realtà le differenze ci sono.
Tolto Grandest grape di Clinique, che per colore e finish si differenzia molto, gli altri sono appunto fratelli non gemelli. Sfilata è meno fucsia, il Rimmel Kate 09 è più cupo e rosso. Ne consegue, che se tra queste opzioni cercate l'alternativa più brillante, Alter ego è la risposta giusta.
Per chi si domandava se era possibile usare Sfilata come matita per Alter ego, la mia risposta è sì. Tenendo presente che potrebbe attenuare leggermente la sfumatura viola, rendendo il colore leggermente più profondo.
Infine, questo è Alter Ego sulle mie labbra:


Passiamo a Ombre rose.
Nabla lo descrive come un rosa antico medio con patinatura mauve. Anche in questo caso mi sembra che l'azienda ci abbia preso. Ombre rose è un rosa antico piuttosto intenso, con una sfumatura fredda.
Per alcune persone sarà un perfetto MLBB (qui), perfetto per le situazioni in cui non si sa cosa mettere o come abbinare il resto del trucco. Tuttavia, la sfumatura fredda potrebbe essere un ostacolo per i sottotoni più caldi, ragion per cui sarebbe opportuno provarlo prima di acquistarlo.


Confrontato con altri colori nude-rosa antico, si nota sia l'intensità che la sfumatura fredda. Il Rimmel Kate 08 è più "carne", più beige, più bilanciato. Stesso discorso per Modesty, che però è ancora più chiaro e delicato. Nars Descanso è chiaramente un colore diverso, molto più caldo. 
Il colore che più gli assomiglia (soprattutto per la nota fredda) è Sakura Mochi di Neve cosmetics, che però è più intenso e leggermente più rosso.
Questo è Ombre rose sulle mie labbra. Tenete presente che sono un sottotono neutro-caldo.


Qui potete trovare entrambi i rossetti con lo stesso look viola sugli occhi.
Dopo questa panoramica sui due colori, veniamo alle caratteristiche comuni del prodotto.
Per quanto riguarda il finish, Nabla parla di rossetti opachi, completamente matte. Tenete presente che sono un prodotto che tende ad "asciugarsi" con il tempo, quindi appena applicato potrebbe risultare più lucido di quanto sarà dopo pochi minuti.
Nonostante il finish sia inequivocabilmente sull'opaco andante, non lo trovo *così opaco* come un retromatte di MAC o - peggio - le classiche tinte alla Lime crime. Anzi, in particolare Alter ego a volte sembra più satinato che opaco vero e proprio. Questo per me non è un difetto, anzi, ma è da tenere presente se state cercando un effetto very matte.
La texture è vero punto forte di questi rossetti a mio parere. Dopo aver provato i matte di Charlotte Tilbury sono rimasta impressionata dalla capacità di creare un rossetto opaco ma dalla texture leggera, come un velo, incredibilmente facile da applicare e da stendere. Una texture che non si fa sentire. I Diva crime sono perfettamente analoghi ai Charlotte Tilbury da questo punto di vista: leggeri, delicati, lavorabili, ma comunque opachi e durevoli. Insomma, complimenti allo staff Nabla per aver riproposto una delle migliori texture mai provate negli ultimi anni.
Infine, per quanto riguarda la durata, ammetto che per entrambi non ho avuto performance eccelse (soprattutto Alter ego), ma comunque buone. Si sono comportanti discretamente con il bere e il parlare, meno bene con il cibo (soprattutto quello unto). Tuttavia è semplice riapplicarli, quindi il problema è abbastanza relativo.

Tirando le somme...
Questi due rossetti mi sono piaciuti. Tanto.
La texture è forse l'elemento davvero notevole, ma non disdegno anche il finish nonostante non sia così *opaco* (le tinte Lime crime, quelle ridefinisco il senso di "opaco").
La gamma di colori è interessante e ben bilanciata, c'è veramente di tutto e per tutti i gusti e sottotoni.
Insomma, mi sembra un prodotto ben riuscito che vale i soldi che chiede. Non vedo l'ora di provare altri colori...

8 commenti :

  1. Bene. Mi serve solo una profumeria che tratti Nabla nella mia zona adesso 😂

    RispondiElimina
  2. Sabina Spielrein29 giugno 2015 12:33

    All'inizio ho preso solo Panta rei, dopo averlo provato qualche volta mi sono letteralmente innamorata della formula e ho peccato altre 3 volte :D
    Adoro il fatto che siano "morbidi" appena applicati, riesco a metterli e trovarli confortevoli anche quando le labbra non sono al massimo, a me resistono benissimo a cibo, sigarette e baci (ma non faccio testo, mi dura quasi tutto), ma effettivamente quando capita di doverli riapplicare non si fanno pastoni come con altri rossetti. Non vedo l'ora arrivi la nuova collezione! *_*

    RispondiElimina
  3. Bellissima review…m’innamoro sempre di più di Alter Ego!

    RispondiElimina
  4. Ho notato che su di te Ombre Rose è leggermente più luminoso mentre su di me tende ad assumere una colorazione leggermente più scura e più sul malva.
    Purtroppo non ho Alter Ego perchè al momento dell'uscita ero convinta che potesse stonare con i miei colori ma ammetto che su di te mi piace tantissimo!

    RispondiElimina
  5. Io ho preso Alter ego e Panta rei, ma Ombre Rose era uno di quelli che mi incuriosiva anche moltissimo. La texture di questi rossetti mi ha davvero stupita in positiva, non ho mai provato un rossetto matte così morbido e che sembra quasi scivoli sulle labbra durante l'applicazione!

    RispondiElimina
  6. Non li ho ancora provati. Sicuramente mi piacerebbe prendere panta rei..sugli altri cambio continuamente idea. Mi piaceva molto alter ego nella foto promozionale, però non ho ancora visto nessuna foto su blog in cui faccia realmente quell'effetto (forse solo su dotted around mi aveva convinta)...in generale mi sembra sempre più acceso di quanto pensassi.

    RispondiElimina
  7. Li ho entrambi e mi trovo perfettamente in linea quello che hai scritto.. li trovo molto performanti e non vedo l'ora domani di sbirciare dal vivo i due nuovi colori.

    RispondiElimina
  8. Col prossimo ordine Nabla mi sa che ne proverò uno; mi piace molto Panta Rei

    RispondiElimina