29 luglio 2015

Travel Makeup Bag: Newcastle & Anversa 2015

Vi serviva davvero l'ennesima travel bag di Alessandra in giro per conferenze? Probabilmente no.
Tuttavia - essendo io forse affetta da delirio narcisistico - mi diverto a fotografare i vari prodotti che intendo portare con me prima di metterli in valigia. Mi aiuta a fare mente locale su ciò che manca e ciò che mi serve.
Quindi eccovi l'ennesima carrellata sterile di prodotti. Ammetto io stessa che non ci sono incredibili differenze con quella fatta per Lipsia (qui), ma vi prometto che la prossima sarà più interessante. Nel futuro me ne attendono almeno due: weekend al mare (toccata e fuga proprio) e tre mesi in Giappone (l'esatto opposto). Insomma, prevedo maggiore divertimento.


Quella qua sopra è Newcastle. Appena avrò tempo e modo, vi farò un post con delle foto di queste due splendide città. Soprattutto Newcastle è stata una sorpresa positiva, rispetto all'idea che avevo in mente prima di partire.


Nel reparto skincare, come al solito mi affido ai campioncini a disposizione in quel momento.
Stavolta avevo diverse cosucce della Nuxe prese in Francia da provare: acqua micellare, crema viso e crema corpo. Devo dire che mi piace tutto, anche se la crema viso è troppo siliconosa per i miei gusti, ma si adatta bene al clima di schifo che c'è qui in nord europa. 
Vi consiglio di guardare sempre in parafarmacia se trovate queste pratiche pochette con vari prodotti in formato travel size: sono una manna dal cielo quando dovete viaggiare con il solo bagaglio a mano. In generale, preferisco queste soluzioni che stare a travasare io roba in confezioni adatte. 
Campioncini anche per i capelli, misti La Saponaria e Biofficina toscana. A Newcastle poi ho acquistato Harper Bazar ricevendo in omaggio due bellissime confezioni di Shampoo e Balsamo del L'Occitane da provare. 


Per quanto riguarda i prodotti per la base, come al solito ho voluto tenermi sull'essenziale. Un po' l'estate (almeno nel paese da dove sono partita, qui non credo si possa davvero parlare di estate), un po' la pigrizia, un po' il sapere che con i panel che iniziano alle 8:30 di mattina, difficilmente uno ha voglia di mettersi in tiro. 
Con me sono venuti un correttore liquido bello potente, facile da applicare e da gestire, il correttore Stay all day di Essence; la cipria MSK Natural in Medium di MAC, una garanzia quando non ho fondo con me in quanto abbastanza coprente da poterne veramente fare a meno, almeno in estate; e infine un blush liquido semplice e veloce da applicare, il blush HD di Mufe nel colore 04, un rosa molto bello.
Avendo optato per lo più per prodotti liquidi, un solo pennello viene con me, ovvero il Multi task brush di RT per applicare la cipria.


Reparto occhi un po' più studiato e pieno.
Anche questa volta sono partita da una palette Nabla personalizzata. Con me ho portato Unrestricted, Aurum, Tribeca, Glitz, Atmosphere e Zoe. Ho cercato di mantenere toni piuttosto naturali senza rinunciare a un tocco di estate.
Come matite, ho portato con me la Feline di MAC (per eventuali smokey), Marlene Midnight di Charlotte Tilbury che funziona molto bene sia per creare smokey veloci che come sostituto dell'eyeliner e infine Intro(vert) di Marc Jacobs per la rima inferiore perché per me siamo ancora in estate nonostante i venti gradi perenni.
Stavolta ho voluto rischiare e portare l'eyeliner liquido con me (Schwing di The balm), nella speranza di avere uno specchio degno per applicarlo. A Newcastle ho potuto, qui ad Anversa niente. Purtroppo la miopia mi limita molto da questo punto di vista, ma sono felice di averlo potuto usare anche se solo per qualche giorno.
Infine, il classico campioncino di mascara, il fedele Sumptuous Mascara di Estée Lauder e la matita per le sopracciglia, Eye brow Stylist di Catrice.
Come pennelli mi sono limitata a due sole presenze: lo Shading brush e lo Essential crease brush, entrambi di RT.


Nel reparto labbra mi sono contenuta, sapendo che non avrei indossato spesso tanta roba. Ho preferito portare con me colori di cui mi fido ciecamente per texture, tenuta e resistenza, che avessero una nota piuttosto "naturale". Per quanto frequenti un ambiente accademico molto fricchettone (a Newcastle c'era gente con i capelli colorati, anche in maniera discutibile, nel senso di fatto malino), preferisco non eccedere nel reparto labbra. In un luogo dove parli tanto, le labbra sono in primo piano e una minima sbavatura può essere fatale.
Ecco perché per prima cosa nella valigia ho mezzo la Ghost di Nabla, per pararmi il deretano da eventuali sbavature o prodotto che fugge nelle rughette.
Come matita ne ho portata una sola, Amore di Neve Cosmetics, che essendo un MLBB può fungere serenamente con tutto il resto.
Come rossetti veri e propri, ho portato il mio adorato Chubby Roomiest rose di Clinique, il bellissimo e stra-professionale Love Liberty di Charlotte Tilbury (grazie al quale ho ricevuto molti complimenti) e infine la novità Beverly di Nabla, la cui resistenza è davvero impressionante.
Per la mia talk qui ad Anversa ho scelto proprio Beverly e non me ne sono pentita minimamente. Ho parlato subito dopo pranzo senza avere modo di controllare di avere il rossetto messo bene prima di iniziare. Insomma, ho fatto un po' alla prega in dyo, sperando di non avere sbavature evidenti o che il rossetto non fosse sparito al centro delle labbra dopo aver mangiato.
Dopo la talk, sorpresa, il rossetto era perfetto. Ottimo.


Infine, una carrellata di must have. Spazzolino, dentifricio, deodorante e cotone per l'acqua micellare.
In più, con me, porto sempre un pacco di salviette struccanti perché spesso le uso in combo con l'acqua micellare o come salviette rinfrescanti e anche per pulire i pennelli. Infine, fondamentali per qualsiasi paese che non conosca la grande invenzione del bidè, le salviette intime: possono fare veramente la differenza. 

Eccoci in conclusione. Mancano pochi giorni al mio rientro e più o meno ho usato tutto quello che ho portato, cosa di cui sono iper-felice.
Che ne pensate? Avete commenti o suggerimenti per i futuri viaggi?

Nessun commento :

Posta un commento