18 novembre 2015

Japanese Makeup - Heroine make Liquid Eyeliner: review & swatch

Finalmente posso iniziare a parlarvi di qualche prodotto acquistato qui in Giappone. Ormai è da un mese che sto usando praticamente quotidianamente questo eyeliner: è stata la prima cosa che ho cercato e comprato in assoluto una volta arrivata qui, perché avevo sentito magie degli eyeliner giapponesi e di questo in particolare.
Le foto di questa marca girano anche da noi, più per il fatto che richiamano all'anime Versailles no Bara (da noi conosciuto come Lady Oscar) che per il prodotto in sé, tuttavia qui in Giappone sono un fenomeno di vendite. Sia gli eyeliner che i mascara della linea sono tra i prodotti di makeup più venduti nel paese e non è difficile capire il perché. Per prima cosa, sono incredibilmente performanti, in secondo luogo, hanno prezzi e reperibilità da drugstore, ovvero sono facili da trovare e costano relativamente poco.
Il vero nome del brand è Heroine make o Kiss Me Heroine Make, ovviamente il tutto scritto in kanji, ma non temente: le confezioni con Maria Antonietta o Oscar la rendono facile da riconoscere, anche se non sapete nulla del sistema di scrittura della lingua giapponese.
Questo brand non si occupa di molti prodotti, ma unicamente di eyeliner (liquidi e matite) e mascara (e prodotti per ciglia in generale). Potrebbe esserci qualcosa per le sopracciglia ma non ho indagato. Tuttavia, per ogni tipologia di prodotto, presenta più varianti. Se volete acquistare, fate sempre attenzione al colore perché qui in Giappone hanno la fissazione per i prodotti marroni che si notano poco.
Purtroppo è irreperibile in Italia. Penso che al limite qualcosa si possa trovare su Amazon.com. Se sapete qualcosa eventualmente, fatemelo sapere nei commenti.
Qui in Giappone lo potete trovare ovunque, o in catene come Loft o Don Quijote, o nei classici drugstore che vendono anche medicinali.
Il prezzo potrebbe variare a seconda del luogo in cui lo acquistate. Io l'ho preso da Loft per 1000 yen (+ tassa di consumo, normalmente mai inclusa nel prezzo che vedete, sono l'8% del totale, ovvero 1080 yen complessivi), poco più di 8 euro in tutto.


Come vi dicevo, questo brand produce diverse tipologie di eyeliner liquido, con pennini diversi. Alla fine, dopo aver provato e riprovato i vari tester sulla mano (btw, qui in Giappone la gente si trucca serenamente con i tester, senza ritegno proprio ah), ho deciso di optare per questo.
Le ragioni dietro la mia scelta dipendono essenzialmente dal tipo di pennino e dalla possibilità di agitare il prodotto all'interno onde evitare che si secchi in maniera prematura. Per queste due caratteristiche, mi ricorda molto il mascara in penna Diorliner, con l'unica differenza che in questo caso manca il meccanismo per far scendere il prodotto.
Anche la consistenza del prodotto è molto simile: rispetto al classico eyeliner, è più fluido. Questo ha come difetto il fatto che il tratto non è subito carico e corposo, anzi, alla prima passata potrebbe sembrare scolorito e spento. In realtà è solo una impressione, il colore tende a scendere in maniera delicata, evitando di fare pasticci.
Il pennino non permette la stessa precisione di quelli classici di feltro, tuttavia riesco a tracciare linee senza difficoltà e trovo che questa tipologia eviti al prodotto di seccarsi troppo velocemente.
Il colore è nero carbone. Il finish rimane leggermente lucido, non diventa completamente opaco. 

Dopo un mese di utilizzo, continua a scrivere come il primo giorno che l'ho provato. Il colore è ancora bello carico e la punta ancora precisa e non sformata.
Decisamente è un prodotto waterproof. In generale, come molti prodotti realizzati in Giappone, è molto resistente, acqua compresa. Non garantisco che vi resista intatto in piscina, ma di sicuro non dovrebbe essere un grosso problema se lacrimante un po'.


Ultimo dettaglio: lo struccaggio. Come dicevo prima, i prodotti realizzati in Giappone sono molto resistenti, anche troppo a volte. Nella maggior parte dei casi, sono difficilissimi da struccare (ecco perché mi tengo lontana per esempio dai famosi mascara della Majolica Majorca). Fortunatamente questo eyeliner non mi ha dato alcun problemi con il mio prodotto solito, ovvero l'acqua micellare della Bioderma. Deduco quindi che sia un prodotto che non richiede un lavoro erculeo per levarlo dalla faccia.

Per concludere, è un prodotto che mi piace. Non ho ancora capito se voglio acquistarne un'altra confezione come back up per quando tornerò in Italia, perché sento che manca qualcosa per renderlo l'eyeliner perfetto, anche se ci si avvicina molto, soprattutto grazie al prezzo molto competitivo. Per molti aspetti, ricorda davvero tanto gli eyeliner high-end, il cui costo è però almeno tre volte tanto, se non di più.
Di sicuro, è un prodotto che vale la pena di mettere nel cestino nel caso foste nei paraggi (ovvero, in Giappone), sicuramente un bel souvenir in tema trucco da portare in Italia.

Nessun commento :

Posta un commento