08 giugno 2016

How to travel like a pro

Per lavoro, viaggio molto.
Ma soprattutto, per lavoro, prendo troppi aerei. Ho perso il conto di quanti ne ho presi nel 2015, la cifra temo superasse di molto i dieci.
Non mi lamento: viaggiare è un lusso e poterlo fare di mestiere è un arricchimento ulteriore. Ma viaggiare mi dà anche la possibilità di scrivere post inutili come questo in cui provo a sintetizzare alcuni insegnamenti che ho imparato facendo e disfacendo valigie, ancora e ancora.
Qui avevo raccolto i miei consigli su come realizzare una valigia per 2/3 mesi fuori casa, qui vi avevo detto come avrei distribuito i miei averi per un viaggio intercontinentale, qui vi avevo detto cosa portavo con me nel bagaglio a mano per un volo di 11 ore.
Oggi invece ho deciso di scrivere qualcosa di più generale, ovvero cinque consigli o cinque must have per chi viaggia spesso, cose che semplificano la vita o la rendono molto più efficiente. 


1. Packing cubes
I packing cubes sono dei semplici sacchetti di diverse dimensioni che permettono di organizzare più efficacemente la valigia. Li ho provati per la prima volta prima di partire per il Giappone e da allora non posso più farne a meno, anche quando preparo lo zaino per il weekend. Organizzare diventa più semplice, e soprattutto diventa possibile fare la valigia senza nemmeno avere la valigia davanti, situazione incredibilmente preziosa quando la vostra valigia è taglia L, enorme e pesante.
Se ne trovano diversi set sia su Amazon (qui) che da Ikea (purtroppo sembra non sia più disponibile in Italia). Io ho due set diversi e per i miei viaggi lunghi mi sono ritrovata a usarli tutti. 

2. Personalizzare la valigia
Questo è vero soprattutto se caricate bagaglio da stiva. Basta una cintura colorata di quelle con la serratura a codice (qui), oppure una targhetta di un colore vistoso. Oppure, se come me avete una valigia rigida, qualche adesivo da appiccicare sopra. Non solo sarà più facile per voi riconoscere la vostra valigia tra mille, ma eviterà che qualche altro viaggiatore magari stanco e distratto confonda la sua valigia per la sua.


3. Bilancia pesa valigia
Un must per chi viaggia spesso: utile sia per i bagagli a mano (sì, a volte ve lo controllano) che per quelli da stiva. Vi permette di organizzare la valigia in maniera ottimale, vi permette di andare al controllo sereni. Chiunque ne abbia provata una vi confermerà che non c'è paragone con la classica bilancia pesa persone da casa, è molto più pratica e utile soprattutto per il viaggio di ritorno.
E non mi venite a dire che in aeroporto spesso ci sono le bilance per pesare: chi ha voglia di disfare e rifare una valigia (e poi finire magari a dover buttare pure qualcosa) in aeroporto davanti a tutti magari perdendo pure tempo?
Su amazon ne trovate tanti modelli (qui) e con prezzi molto competitivi.


4. Custodia passaporto con tasche
Meglio evitare di girare con i documenti in libertà nelle borse o in portafogli che richiedono tempo per essere aperti. Investite qualche euro in una comoda custodia per il passaporto che abbia qualche tasca al suo interno dove riporre le carte d'imbarco e altri documenti utili. Vi assicuro che con questo metodo tutto sarà a portata di mano e perdere fogli importanti sarà praticamente impossibile.
Il mio l'ho preso in Giappone (ebbene sì, nonostante la buffa scritta italiana) per pochi spicci (meno di 1 euro) ed è stato l'acquisto migliore in assoluto.

5. A caccia di travel sizes
Le travel sizes sono fondamentali. Se volate solo con bagaglio a mano, perché vi permettono di portare liquidi senza superare il limite consentito. Se volate con bagaglio da stiva per diversi mesi di permanenza via da casa, vi permettono di portare una quantità ottimale di prodotto senza appesantire la valigia. Sia in Giappone che in Belgio sono riuscita a stare nei 100 ml di shampoo e 100 ml di balsamo (nei mesi freddi, lavo i capelli due volte la settimana), 100 ml di struccante, meno di 100 ml di deodorante e così via. Le uniche cose che compravo erano docciaschiuma e dentifricio. 
Esistono due filosofie riguardo alle travel sizes: prendere i vuoti e riempirli o comprare direttamente le travel sizes dei prodotti, qualora siano a disposizione.
A seconda della tipologia di prodotto, mi piacciono entrambe le opzioni. Per shampoo e balsamo, porto solo quanto uso nel quotidiano e di cui mi fido (non voglio sperimentare cose strane), e di cui non esistono travel sizes a disposizione. Travaso in un vuoto e via. Per creme e deodoranti, preferisco i formati travel già pronti.
Nel caso optiate per i vuoti, cercate confezioni che si chiudono bene e che non rischiano di fare danno dentro la valigia. I miei preferiti in assoluto sono questi dell'Ikea (qui). 
Per quanto riguarda i formati già pronti, ormai potete trovarli un po' ovunque. Parafarmacie, profumerie, Oviesse... Io ogni estate prendo qualche confezione cofanetto da 5-6 prodotti da usare poi durante tutto l'anno.

Quei sono i miei 5 tips&tricks per viaggiare serene e felici. Sono curiosissima di sapere se avete altri suggerimenti, consigli o magari domande. Fatevi sentire con un commento!

Nessun commento :

Posta un commento